Passa ai contenuti principali

K-drama alla centrale meteorologica

 Persone del centro meteorologico: la crudeltà delle storie d’amore, è, più o meno, la versione in italiano del titolo originale coreano (기상청 사람들: 사내연애 잔혹사 ) di una serie tv, diffusa da Netflix, a livello internazionale con il titolo ´Forecasting Love and Weather', e distribuito in Italia con il titolo semplificato ma troppo riduttivo di Previsioni d'amore.

Nei tre passaggi della traduzione del titolo infatti si può notare come sia via via scomparso l'asse intorno al quale ruota la narrazione e cioè il contesto della  centrale meteorologica.

È riduttivo e semplicistico il titolo italiano (e in parte quello internazionale) perché alla fine riduce tutto solo a una semplice e comune storia d'amore. oscurando cosi il ruolo quasi da "co-protagonista", e comunque centrale, dell'approccio e dei modelli della meteorologia, che diventano nella storia una specie di criterio ermeneutico delle vicende umane.

Credo he il titolo originale, e l'intera sceneggiatura del k-drama ci aiutino a capire che nelle intenzioni degli ideatori non si trattava solo di vicende e drammi relativi all'amore, ai rapporti di coppia, di generazioni o di gruppo.

La presenza costante, nella narrazione, delle sale dei centri meteorologici, con i loro grandi schermi, i team di ricercatori, i satelliti artificiali, i palloni-sonda, le complesse tecnologie, le mappe e carte meteorologiche, i modelli matematici, i briefing quotidiani, con team dei diversi centri e con la stampa,  credo voglia non solo introdurre lo spettatore a tutto ciò che sta dietro quello che chiamiamo " il meteo", ma anche spingere a pensare che l'approccio delle scienze meteorologiche potrebbe essere un utile, e forse oggi più efficace, modello per interpretare l'instabilità dell'esistenza e delle fluide dinamiche dell'io e delle relazioni.

Insomma, le scienze meteorologiche non sono solo uno sfondo della narrazione, ma, come si è già detto, un vero "co-protagonista", insieme all'amore e alle complesse relazioni umane.

Tutti i 16 episodi hanno titoli che ci guidano in un modo o nell'altro all'interno dell'approccio meteorologico: Segnali/Temperatura effettiva//Cambio di stagioneVisibilità/Forti piogge localizzate/Effetto isola di calore/Allerta ozono/Indice di disagio/Stagione delle piogge/Notte tropicale/1*C/Zona di variazione/Scenario 1, 2, 3/Anticiclone migratorio/Previsioni ensemble/Le risposte di domani.

Forse questo k-drama non vuole solo raccontare le solite, eterne, appassionanti storie d'amore, e neppure solo descrivere l'impegno avanzato dello Stato sudcoreano nel promuovere le tecnologie meteorologiche, per garantire la sicurezza e il benessere dei suoi cittadini  (come ci viene suggerito varie volte durante la narrazione), ma intende anche proporre all'attenzione degli spettatori le scienze meteorologiche, attraverso una forma di guida in una nuova città, rappresentata dalla meteorologia.

Tuttavia, procedendo nella visione della serie tv, comprendiamo che la meteorologia non è solo vista come strumento per conoscere "le previsioni del tempo", ma come un approccio per capire meglio le relazioni e la vita, applicando ad esse modelli d'osservazione più complessi e sempre aperti all'imprevedibile.

In ogni caso, bisogna riconoscere che, al di là dell'interesse e del godimento estetico che Previsioni d'amore può offrire, trasformare un settore che sembra freddo e asettico, come la rete delle scienze meteorologiche, in una storia anch'essa godibile e avvincente, intrecciata ad altre storie umane, è senz'altro un merito degli ideatori e dei produttori di questa serie tv.

Del resto, forse, tra le scienze, non c’è niente di più complesso e imprevedibile della meteorologia, che, con il suo contenuto fatto di infinite variabili, in continua e mutevole interazione tra loro, presuppone un paziente e ininterrotto lavoro d'equipe tra le varie specializzazioni e i diversi operatori e ricercatori, alla ricerca di conclusioni e decisioni sempre provvisorie e rivedibili.

Cosa c'è di più interessante e istruttivo per leggere la caotica condizione umana, per individuare una qualche forma di diversa e umile razionalità per i nostri tempi?

Dal momento che, ci viene suggerito nel corso della narrazione, la meteorologia è proprio un tipo di approccio dal quale siamo costretti a imparare che "ci sono situazioni in cui avere torto o ragione non conta", mentre occorre "scegliere lo scenario possibile senza avere garanzie di certezza".


Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str