Passa ai contenuti principali

Il filosofo che ragionava sulle favole

 Secondo una segreta e antica genealogia, "il dio" genera l'eroe, questi genera il creatore di favole (il "favolista"), ed è quest'ultimo infine che  genera il filosofo.

È ciò che ci ricorda, sulle tracce di Socrate, Michel Serres, filosofo libero da schemi e amante delle favole. È per questo che, a suo parere, la verità discende dalla "pietas", dal coraggio e dalla bellezza.


Quando, verso la fine della sua vita, in "quei momenti in cui nessuno mente", egli scrive "ragiono sulle favole che cantano al mio posto", il filosofo, ancora sull'esempio di Socrate, completa  una sorta di somma finale della conoscenza e della vita tra ragione, mito e musica.


Noi sappiamo, però, che il ragionare sulle favole, a partire da quelle degli amati  Esopo e La Fontaine, non ha mai smesso di accompagnare Michel Serres, nelle diverse fasi della sua avventura intellettuale.

In effetti, a partire dal suo insegnamento a Stanford, e dai libri della serie Hermès fino al Parassita, arrivando alle sue ultime opere, le favole non sono state solo una fonte tra le tante di Michel Serres. È vero, invece, che egli ne ha fatto una risorsa senza precedenti per sviluppare nuovi modelli, approfondire le proprie domande e spianare altre strade del pensiero, come nota Jeans-Charles Darmon nella sua introduzione al libro postumo di Michel Serres, La Fontaine. Une rencontre par-delà le temps, Le Pommier ed.


Una strada, questa, ci ricorda Michel Serres percorsa già anche da Socrate.

Tutti coloro che si interessano un po' di filosofia conoscono la tesi secondo cui la filosofia occidentale ha la sua radice nell'evento della morte di Socrate. Ma forse non tutti ricordano che proprio in quei momenti cruciali, Socrate sentì il bisogno di confessare che, nonostante avesse scelto, all'inizio del suo percorso intellettuale la filosofia invece della musica, come gli suggeriva il suo demone, egli aveva poi contravvenuto alle indicazioni dei suoi sogni, e continuato, nel corso degli anni,  ad arrangiare in ritmi o metri cantati alcune favole di Esopo, che, secondo la tradizione, egli chiamava miti.


Favole come quelle di Esopo, La Fontaine, e altri grandi "favolisti", ci consentono di accedere all'universale attraverso un mosaico di singolarità, e raggiungono la punta finale dell'individuo, il tipo, attraverso molteplici miscele.


Ma per cogliere tutto ciò occorrerebbe l'intelligenza di capire ciò che scriveva già La Fontaine: "le favole non sono quello che sembrano essere".

Serres esplora le favole come palinsesti prodigiosi che possono costituire tanti viaggi alle origini del nostro pensiero, a quella che lui chiama la nostra "preistoria" (Jean-Charles Darmon).


Il "potere delle favole" trova una delle sue origini più feconde, non in un ritorno - o come direbbero alcuni una "regressione" - ai primi stati di conoscenza, ma in una riattivazione di un'intera grammatica nascosta che sta alla base del nostro apprendimento del mondo e di noi stessi, collegando, spesso a nostra insaputa, questo apprendimento cognitivo a un alfabeto clandestino di posture del corpo.


A Serres piaceva opporre queste diverse modalità di pensiero,  che attingono anche a risorse apparentemente impensabili per un filosofo, come le favole, alle concezioni più monumentali e sistematiche della filosofia.

Purtroppo, il lavoro filosofico, già di per sé astratto,  viene spesso condotto come in un asettico laboratorio, dove si taglia bruscamente il fenomeno per gettare nella spazzatura le cosiddette circostanze estrinseche o i "dettagli secondari", restringendo però, in tal modo, il campo vasto delle conoscenze e dei saperi umani.

È come se la filosofia, scrive Michel Serres, temesse il "tuffo del corpo" tra i corpi e nei molteplici  banali dettagli del mondo.


Invece,, le favole ci allenano a un tipo di conoscenza più integrale, e quasi corporea appunto, che andrebbe "portata", annota il filosofo-narratore Michel Serres  come una donna porta il suo bambino,  mentre entrambi crescono, insieme, quasi in un corpo a corpo. 

Proprio come in una danza. È questo forse che Michel Serres intende quando afferma: "l'inizio della conoscenza, la danza".


Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il