Passa ai contenuti principali

La resistibile soglia del male

È una importante rivelazione quella contenuta in una pagina del romanzo Il Maestro e Margherita, straordinaria e intricante "sinfonia" letteraria di Michail Bulgakov.

La pagina è quella in cui, nel dialogo tra Woland (Satana) e Margherita, veniamo a sapere che Satana (Woland), il quale "vuole costantemente il male ma opera anche il bene", e riesce addirittura a venire in aiuto delle persone, a punire i malvagi e gli arroganti, a riconosce la verità, e realizzare grandi azioni straordinarie, ha solo una soglia che non può mai attraversare: quella della pietà, della misericordia, della compassione. Da quella, si guarda bene, perché, egli teme, "talvolta essa s'insinua del tutto inattesa e insidiosa, nelle fessure più anguste" dell'io. E questo, per lui non deve accadere, non può accadere!

Se si tratta di un atto di pietà, di compassione, Satana (Woland) deve dare a vedere di occuparsi d'altro. "Nemmeno per idea", può considerarlo plausibile!


Qual'è, allora, la rivelazione di questa pagina di Bulgakov

Esattamente la seguente: la soglia, il vero confine tra il Male e il Bene è qui. Il sentimento e la pratica della compassione, della misericordia. 

Ciò che caratterizza infatti Satana (Woland), cioè il Male, è proprio questo. La sua essenza per così dire, è qui: è la sua costitutiva incapacità e rifiuto di compassione e di misericordia. "Nemmeno per idea", appunto. Qui ha la sua origine tutto il male umano, sembra dirci Bulgakov.


Se è così, gli esseri umani non si dovrebbero distinguere, primariamente, tra bianchi o neri, belli o brutti, "buoni" o "cattivi", giusti o ingiusti, sapienti o ignoranti, corrotti o integri, religiosi o non religiosi, civili o barbari, ecc. Ma, tra capaci di compassione verso ogni individuo, o incapaci di compassione.

Se, davanti a ogni individuo riusciremo a diventare consapevoli che l'intero globo della Terra non può trovarsi in uno sconforto maggiore di quello di una sola anima (Wittgenstein, Pensieri diversi), allora sapremo di essere - con tutti gli altri nostri limiti -  nel Bene e fuori dal Male. Allora sapremo di essere degni della vita.


In effetti, essere compassionevoli e misericordiosi, implica soprattutto la capacità di trascendersi; e comporta lo sforzo di "espandersi", per uscire dai confini dell'ego, per liberarsi e identificarsi con gli altri e con l'intera rete della vita. Fino ad acquisire una nuova coscienza dell'interconnessione, quella che rende capaci di agire, non secondo una logica di indifferenza, di violenza, di potenza e di "dominio"(potere-su), ma di concerto con gli altri, concerto che si può tradurre solo in una logica di "potere-con" (Joanna Macy). Sono anche questo, la compassione e la misericordia.


La compassione e la misericordia, infatti, sono radicate nella consapevolezza che tutto ciò che esiste è degno di esistere, tutto ciò che vive è degno di vivere. Perciò ci rendono capaci di accogliere e ad aver cura di tutto ciò che vive, anche se ciò che vive dovesse apparire svuotato di "essere"


E non vale, mascherare, come si fa spesso nella nostra società tendenzialmente - e felicemente? - ipocrita, il rifiuto della compassione e della misericordia, e la conseguente condanna alla sofferenza, all'umiliazione e alla disperazione, di tanti altri, con l'effimero candore delle cifre e la presunta oggettività delle analisi scientifiche.

E tanto meno vale, per i credenti, mascherare l'indifferenza o il rifiuto della misericordia e della compassione, con la consueta e altrettanto spesso ipocrita difesa dei valori etici, o addirittura con la difesa delle verità religiose.

È senz'altro paradossale, infatti, e senza scappatoie, il fatto che, per esempio, nelle Scritture cristiane, l'unica volta in cui si associa il termine "perfezione" a Dio, invitando  quelli che si dichiarano credenti ad essere come Lui, è quando si dice che Dio è colui che "fa sorgere il suo sole sui buoni e sui cattivi", "sui giusti e sugli ingiusti".


Forse mai, come nei momenti tragici e angosciosi della storia del pianeta, come quello in cui ci troviamo oggi, potremmo essere in grado di com-prendere verità pregne di futuro, come queste.

Siamo davvero così incapaci di compassione? Siamo talmente assuefatti al cinismo dei giochi del “sei fuori! o a quei “war games”, in cui tutto si risolve eliminando fisicamente,  moralmente, e facilmente, l’altro? 

Siamo diventati davvero così ingenui?

















Commenti

Unknown ha detto…
Come sempre sono riflessioni lucide e profonde, solo dissento sull'interpretazione della figura di Woland, che opera invece con grandissima pietà, perché salva gli amanti e persino consente che il maestro possa liberare il suo Pilato e lasciare che riveda Joshua. Persino la frase che pronuncia sulla pietà, precede un perdono, una grazia e la concessione al secondo desiderio di Margherita, benchè ne fosse stato accordato all'inizio solo uno.
Pino Mario De Stefano ha detto…
Grazie per l’attenzione gentile lettore sconosciuto. È vero che Woland, come la”forza” di cui è parte,”vuole costantemente il male ma opera anche il bene” come recita la frase citata da Bulgakov, e come sottolineo all’inizio del mio post riportando alcune delle azioni di Woland a favore di alcune persone. Il fatto è che Woland ( e Satana per Bulgakov), stando al testo di Il Maestro e Margherita, anche non rifiutando azioni “ buone” e vantaggiose per alcuni, esclude esplicitamente quelle azioni che implicano - in sé stesso - un atto o sentimento di pietà o compassione. Infatti nel caso da lei citato egli delega Margherita a compiere quell’atto di pietà, mentre lui fa mostra di interessarsi d’altro, perché lui “deve” guardarsene. “nemmeno per idea” quel sentimento è per lui condivisibile!
Un cordiale saluto
Pino Mario De Stefano


Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str