Passa ai contenuti principali

L'informazione non esiste più?

Sarebbe ora di prenderne atto: nel mondo delle comunicazioni globali e dell’interconnessione permanente, la questione seria, anche più di altre, pure urgenti, è quella dell’informazione.
Siamo soliti pensare alla informazione solo come un “mezzo” (indotti in questo errore dal termine “media”), ma oggi non è più così, occorrerebbe cambiare prospettiva
Oggi la questione dell’informazione è la questione prioritaria, e la condizione per un approccio efficace alle altre importanti questioni che travagliano le società e il mondo, e che sono tutte, diversamente dal passato, inestricabilmente intrecciate e dipendenti dalla questione dell’informazione.

Tuttavia, credo che molti, anche i professionisti dell’informazione, non ne siano consapevoli. Anche se non mancano però gruppi e forze sociali che colgono la centralità e il ruolo decisivo e “produttivo” della questione dell’informazione, così come in altre epoche ci sono sempre stati quelli che hanno compreso prima degli altri la centralità, per esempio,  della questione borghese, o della questione commerciale, o della questione industriale. Esistono e sono attivi, anche oggi, forze del genere, altrimenti non si spiegherebbe la corsa senza risparmio di mezzi al controllo dei network dell’informazione.

È una questione, questa, difficile da mettere a fuoco e rendere comprensibile, senza analisi troppo complesse, però, come per altre importanti questioni della vita, credo che la letteratura possa aiutarc molti a entrare nel cuore dei problemi, forse più delle indagini sociologiche. 
E, oggi, letteratura  è anche la fiction o il cinema

E allora se fossi in voi, cari lettori, per capire meglio la centralità e il ruolo, nella vita individuale e collettiva, della questione dell’informazione, mi guarderei con attenzione, per esempio, The Loudest  Voice, e The morning Show. Serie tv prodotte e trasmesse da due grandi piattaforme come Sky e Apple TV+. fatto, questo, che rivela come ormai anche che le criticità e i problemi connessi all'informazione sono sempre più parte del sentire comune.

La frase che fa da titolo a questo post, ma senza punto interrogativo, è infatti una perentoria affermazione di Roger Ailes, CIO di un grande network televisivo, interpretato in questa miniserie da Russell Crowe. Infatti, per lui, l’informazione non esiste più.

Seguendo il dipanarsi delle puntate delle serie tv, veniamo informati di un presupposto che sembra guidare i comportamenti dei “gestori” dei network e dell’informazione
Secondo questo presupposto che regola poi le “scelte” dei suddetti gestori, la gente non vuol essere informata, vuole solo “sentirsi” informata.

Per coloro che “regolano” e “distribuiscono” l’informazione, non è necessario, né utile, preoccuparsi, di cosa sia giusto o sbagliato quando si costruiscono o comunicano delle “news”.
Si tratta solo di far “vedere” il mondo come i cittadini-spettatori vorrebbero che fosse. Anzi, casomai, si tratta di dire alla gente quello che “deve” sentire
Perciò il compito fondamentale dei “gestori” o degli “amministratori” delle notizie (news-nuove-novelle: non sarebbe male forse tenere a mente che l’etimologia lega sempre ambiguamente ma inestricabilmente, notizia con novità con cose inaudite e alla fine con favola e fantasioso; ma questo non è forse il limite “ontologico” di ogni news?) diventa quello di ”pilotare” le notizie, non solo “riportarle”. O magari riportarle, ma con “qualche aggiuntina” e scegliendo il momento preciso in cui riportarle, come sostiene anche un disperato giornalista nel film Vivere di Francesca Archibugi.

Man mano che si procede nella visione delle puntate di quelle serie tv, sorgono due tipi di domande
La prima: ma è possibile? Non sarà tutto inventato per fare spettacolo? Non sarà “solo” un film? Poi si va ad approfondire e si scopre che si parla di cose realmente avvenute in grandi network, si parla di una prassi abituale e consolidata difficile da contrastare. Si tratta di una vera guerra con massacri e vittime, anche interne ai network (aspetto quest'ultimo indagato ampiamente soprattutto in The Morning Show) oltre che esterne. Con conseguente “caccia ai traditori”. 
Si, perché “chiunque è fuori dal network è il nemico e, all’interno della redazione o dello staff, non parliamo di quello che facciamo”!

La seconda domanda: e la politica? e i politici? e la democrazia? e il “ popolo”?
Anche a questa c’è una risposta in quelle serie tv. Infatti, “noi non seguiamo le notizie, le fabbrichiamo” o modifichiamo “in modo selettivo le notizie che abbiamo”. “Se tutti ne parlano è vero...allora facciamo in modo che tutti parlino di un <<fatto>>”.
Magari “scegliamo due o tre concetti semplici e li ripetiamo all’infinito, finché la gente si convince che è la verità”. Infatti, il nostro network deve “ far prendere alla gente una posizione”
Ma questo non è compito dei partiti? Non è il ruolo delle campagne elettorali? Non funzionava così la democrazia? 
Beh, risponde il CIO di cui sopra, “la tv ha sostituito i partiti politici”. E “la campagna elettorale è uno spettacolo televisivo”. E continua, rivolgendosi al suo sottoposto, “non l’hai ancora capito? L’informazione non esiste più!”
Al massimo, c’è uno strano supermercato dell’informazione: ognuno si sceglie quello che vuole, come sostiene una disincantata consulente politica, nel film Doubles vies, del regista Oliver Assayas.

Mi veniva quasi da avere pietà per i politici che oggi vengono collocati all’origine di tutti i mali, se non fossero evidenti i complessi e torbidi rapporti tra i padroni dei network dell’informazione e la politica. Anche se non credo che i politici oggi, nel rapporto con l’informazione, siano sempre in posizione up. Nonostante gli effetti di potere dell’ambiguo meccanismo del “sourcing”.

Ecco perché a mio parere la questione dell’informazione sembra oggi “la questione” da cui dipendono tutte le altre. E se questa questione oggi è posta in modo così drammatico, non più in qualche film di nicchia, ma in serie tv prodotte da importanti reti (com Apple TV+ e Sky) e destinate a un pubblico mondiale, vuol dire che quella questione è davvero una cosa seria, e faremmo bene a prenderne atto.

Julia Kristeva, nella sua autobiografia, ha una annotazione decisamente drammatica, sul tema dell'informazione: “So bene che l’impero mediatico, oggi, invaso dalle ICT, ha rimpiazzato il totalitarismo, nel bene e nel male, e i suoi poteri sono di un’efficacia altrettanto terribile..... Da quando non vi è più un solo potere, ma reti di poteri <<in essere>>, se così possiamo definirli, come minimo serve trasformarsi in agente doppiogiochista. Quindi invento e mi assento” (La vita, altrove. Donzelli).
Julia Kristeva ritiene che in questa situazione non si possa fare nulla, ma io spero che sia ancora possibile fare qualcosa, cominciando dal riconoscere che l’informazione è un’altra cosa!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere