Passa ai contenuti principali

La battaglia dell'immaginario

Noi pensiamo con il corpo. Non siamo una “res cogitans” ma un corpo pensante: il nostro   pensiero è sempre “pensiero incarnato”, perciò anche necessariamente  “situato”. 
Anche per questo immagini, simboli ed archetipi, accompagnano sempre e determinano spesso - non soltanto nel suo sorgere come nel pensiero infantile o in quello “primitivo” - il nostro modo di pensare e le nostre costruzioni concettuali. E alimentano così sentimenti, emozioni, desideri, bisogni. 
Anche i concetti più “astratti” implicano in forme varie un non-detto, fatto di immagini, metafore e simboli, spesso silenti e inconsapevoli. Non credo che occorra scomodare Hans Blumenberg per comprendere che ogni pensiero o teoria, anche scientifica o matematica, è in sostanza un sistema di metafore.

In effetti, il potere delle immagini, il potere dell’ordine del simbolico è decisivo in ogni nostra esperienza. È importante riflettere sul fatto che, così come “ogni politica degna di questo nome agisce anche [e a volte soprattutto] a livello simbolico” (Luisa Muraro), anche qualunque relazione educativa, formativa, comunicativa, si colloca anche sul piano simbolico. Perciò qualunque analisi, confronto, relazione o progetto che non parta da una indagine e presa in carico  dell’immaginario dell’interlocutore o degli interlocutori, è destinato a rimanere in superficie e inefficace. Insomma qualunque teoria, dottrina o argomentazione che non prenda le mosse dall’immaginario e dal simbolico, quello nostro e quello dell’altro, corre il rischio dell’irrilevanza e della non pertinenza

Non si supera però il filtro delle immagini attraverso un’operazione puramente concettuale o argomentativa e ideologica.
Senza un intervento e un cambiamento nell’ordine del simbolico che miri per esempio a rompere o smontare dispositivi simbolici e stereotipi che imprigionano la realtà e il pensiero invece di liberarli, ogni battaglia o strategia culturale rischia di girare a vuoto.

Per esemplificare su due questioni attuali.

Come si può dare il senso del sapere contemporaneo come reticolare, iper-testuale e interconnesso, se non si supera l’immagine ereditata e stabilmente consolidata in ognuno di noi, anche quelli più colti, che rappresenta il sapere e le conoscenze umane come un edificio?
Cosa non funziona? Il sapere come edificio diventa essenzialmente un sapere-deposito o un sapere-patrimonio di cui non si riesce a cogliere il divenire, o la sua conservazione attraverso la trasformazione.

Cosa manca al sapere, immaginato come edificio verticale, che cresce per accumulazione progressiva? Un sapere cioè fatto di piani sovrapposti
Manca la disponibilità a cogliere le relazioni tra i saperi. Con la conseguente tendenza a considerare alcuni saperi come superati e cancellati da quelli del piano successivo e superiore. Il che comporta la tendenza a rifiutare la tensione costruttiva e creativa tra passato e presente, tra il sapere di un gruppo e quello di un altro, tra una cultura e le altre culture. 
Tutto ciò è all’origine dell’incapacità a pensarsi prodotti anche di una incancellabile relazione con l’altro e con gli altri; e quindi dell’idea fasulla di poter salvare la propria cultura e se stessi chiudendosi entro mura ben fortificate.

Pensiamo poi, seconda questione, a quanto possa essere rischiosa la metafora delle radici a cui pure oggi si ricorre così sovente, per salvaguardare non si sa bene cosa. E l’ambiguità è proprio nella metafora e nell’immagine utilizzate.
Perché il ricorso alle radici spinge a pensare agli uomini come alberi, nota Francesca Rigotti citando Maurizio Bettini, (Migranti per caso, Cortina ed.), alberi “nutriti dalla linfa di un unico terreno”, un’immagine cioè “che suggerisce che è meglio per loro e per tutti che se ne stiano sul loro suolo natio”. 
È evidente che un’immagine del genere determina tutto un orizzonte di pensiero, con le relative emozioni, il cui costo sociale può essere elevato e dirompente, anche se non ne siamo consapevoli.

Diverso sarebbe il caso della metafora del fiume e degli affluenti che non ci rende prigionieri delle nostre origini, perché le vede come un flusso di movimenti o trasformazioni, non distruttive.
L’acqua di questa nostra terra, infatti, notava Scoto Eriugena, filosofo e teologo altomedievale, è capace di tutte le forme possibili.

Un’immagine ancora diversa, e liberante, per rappresentarsi le radici, potrebbe essere offerta dalla metafora del rizoma, suggerita da Deleuze e Guattari. Essa come “insieme di filamenti sotterranei, molto sottili...che assumono forme diverse estendendosi in molte direzioni” (Rigotti) sarebbe in grado di determinare ancora un altro orizzonte di pensiero, che a sua volta produrrebbe una diversa consapevolezza, altre reazioni, altre emozioni ed altri atteggiamenti, di fronte a molti problemi attuali.
È evidente che possono modificarsi totalmente le modalità di pensare la realtà a seconda che usiamo una metafora o altre.

La battaglia dell’immaginario e il posizionamento nell’ordine del simbolico sono probabilmente, oggi, il compito più urgente, a cui dedicare tutte le energie possibili.


Commenti

Luigi Vassallo ha detto…
L’essere umano è per sua natura un essere relazionale cioè vive nella e della relazione con gli altri, perciò le sue radici non possono che essere ramificazioni attraverso le quali si invera il suo Inter-essere cioè il suo a “starci dentro”.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere