Passa ai contenuti principali

Democrazia è informazione


È impossibile oggi immaginare la democrazia separata dall'informazione. Ovviamente l'informazione di cui si parla come costitutivamente connessa alla democrazia non è né solo intrattenimento, né gossip o scandalismo. E neppure una informazione rinserrata nel "cortile di casa", priva di un continuo e ampio sguardo sul complesso e vario mondo attuale. L'informazione (le "news") necessaria deve essere professionale, approfondita e plurale. Il diritto e il dovere di informare e di essere informati, rimangono ancora oggi tra i meno rispettati. E tuttavia senza una seria informazione, diventa impossibile per i cittadini "conoscere per deliberare". Diventa impossibile una autentica democrazia.
Tutto ciò è ancora più essenziale nel mondo globalizzato.


Perciò è più inquietante e inspiegabile la minaccia di chiusura che da parte del governo italiano attuale è rivolta in modo particolare a Radio Radicale, al quotidiano Avvenire e al quotidiano il manifesto.
Apparentemente la minaccia riguarda anche alcune altre piccole testate, ma, a mio parere, il coinvolgimento di queste ultime serve solo per "fare ammuina", come si suole dire in gergo, cioè per nascondere i veri obiettivi di quella minaccia.

Per argomentare quanto vado dicendo, è bene partire da un dato evidente. E cioè dal fatto che Radio Radicale, il quotidiano Avvenire e il quotidiano il manifesto, sono espressione di tre importanti tradizioni culturali occidentali.
A partire da tale premessa, credo sia possibile proporre, a freddo, un'ipotesi alternativa, per tentare di spiegare l'incredibile attacco alla libertà di informazione che dall'interno del governo italiano si sta conducendo, minacciando di far chiudere organi come Radio Radicale, il quotidiano il manifesto e il quotidiano Avvenire

Anzi, il fatto che siano proprio questi tre organi di informazione i principali bersagli ci può aiutare a formulare un'ipotesi fuori dalle consuete analisi o dialettiche politiche. 

Infatti, non credo che basti a spiegare tale attacco alla libertà e al pluralismo dell'informazione la vena di autoritarismo che pur serpeggia nei paesi democratici occidentali sull'onda - o approfittando - di una grave crisi economica.
D'altra parte, appare paradossale oltreché incoerente il richiamo al "primato del mercato" addotto per giustificare la minaccia all'esistenza dei suddetti organi di informazione, se teniamo conto di due considerazioni. La prima consiste nel fatto che il risparmio per le casse dello Stato sarebbe trascurabile (d'altronde risulta che il "fondo" da cui sono attinte le risorse a sostegno degli organi di informazione, non verrebbe cancellato ma rimarrebbe in ogni caso nella disponibilità del governo). La seconda considerazione riguarda il virulento attacco condotto in varie occasioni dall'interno del governo proprio al principio del "primato del mercato", in altri importanti settori dell'agenda politica.

E allora cosa pensare?
Come dicevo, l'avvio per formulare una modesta ipotesi è dato proprio dalla considerazione che oggetto specifico dell'attacco alla libertà e alla pluralità dell'informazione siano appunto Radio radicale, il manifesto e Avvenire. 

Non è casuale infatti che questi organi di informazione siano eredi di tre grandi tradizioni culturali del mondo occidentale. Non è un caso che proprio il loro retaggio e la forza della loro tradizione li renda meno condizionabili di altri. Non è un caso che proprio le eredità e le promesse (anche quelle non mantenute, anzi proprio perché non mantenute) della loro tradizione li rendano più liberi e autonomi. Non è un caso infine che proprio la solidità e l'attiva permanenza di tali tradizioni culturali siano un forte antidoto alla strategia delle fake news che oggi viene utilizzata senza scrupoli e con  enormi risorse come fabbrica del consenso.

Non sarà magari proprio la permanenza di quelle tradizioni e il richiamo di quelle promesse che questi strani governanti, senza storia e senza memoria, tentano di oscurare
Per costruire che cosa? È difficile, quasi impossibile saperlo.
Per avere qualche luce in più potremmo forse farci aiutare dalla letteratura, o dalla fantascienza e, oggi, anche dalla fiction. Provate con L'uomo nell'alto castello, o con The Handmaid's Tale, per esempio.

Immagino già che qualche lettore sarà spinto a un sorriso incredulo, o a un'alzata di spalle, come per dire: caro autore attribuisci troppa perspicacia e capacità strategica ai nostri governanti.
Essi rappresentano semmai solo una mistificante e passeggera avanscena!
Caro lettore, spero che tu abbia ragione!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere