Passa ai contenuti principali

Vivere nell'interregno

Dissacrare tutto non ha molto senso, oggi. È da assolutisti disperati. Privi dell’ironia necessaria per attraversare i tempi e le stagioni della vita. È l’atteggiamento di chi pensa che non ci sia più nulla degno di fiducia. E vorrebbe quasi che tutto andasse in frantumi o saltasse per aria, insieme a lui. 
Dissacrare tutto sembra però una forma di sport o una moda attuale, molto in voga, che si manifesta spesso con parole intimamente distruttive e violente. Parole che inquinano gli animi e la vita stessa, più di quanto può accadere in una qualsiasi “terra dei fuochi”. Parole che incrinano le fragili ma insostituibili basi simboliche del vivere comune. 
Si suole dire, a difesa, che in fondo le parole sono solo parole mentre la vita è un’altra cosa. E invece no! La vita umana è significato. È simbolo. È linguaggio. È parola. Più di quanto si crede!

Giocare a dissacrare tutto non ha molto senso, soprattutto in periodi come il nostro che molti storici definiscono un “interregno”, cioè un tempo “sospeso” a cavallo tra due epoche. Questo genere di periodi sono tipicamente instabili perché si è nel pieno del collasso di un vecchio ordine, ma al contempo rimane incerto esattamente che cosa lo rimpiazzerà”. (Sheri Berman su reset.it, 21/3/19)

Ridere di tutto, come scriveva Leopardi nello Zibaldone, avrebbe più senso. Ma, ridere di tutto  richiede intelligenza del limite delle cose e autocritica, capacità di distacco e di com-prensione. Purtroppo ridere di tutto è una modalità di pensiero, che non è di tutti. Bisognerebbe per certi aspetti essere davvero grandi uomini e quasi “superiori”, di quelli in grado di pensare in grande. Quel tipo di uomini e donne che sanno scorgere l’insieme, il tutto. Sanno tenere insieme, almeno per un attimo, il tutto e il frammento. Si sa ridere solo se si è in grado di cogliere l’incredibile dismisura che attraversa le cose e gli umani. Perciò bisognerebbe essere capaci di vedere le cose quasi dall’alto. Con uno sguardo di ironia e indulgente tenerezza, allo stesso tempo, verso le cose e le pretese degli umani. Beh, questi saprebbero come vivere nell’interregno!

Ironia, riso, distacco, pensare in grande, sono infatti abilità connesse tra loro, tutte utili per imparare a porre sempre in prospettiva i fenomeni e i fatti umani. E, porre i fatti umani sempre in prospettiva è, per certi versi, un criterio ermeneutico per conoscerli davvero e capirli. Questo significa imparare a guardare i fatti e i fenomeni umani nelle loro relazioni sempre incrociate con altri fatti, con la storia passata, con le loro genealogie, con gli altri fenomeni e i loro contesti socioculturali. Nei tempi di interregno, quando tutto appare più complesso e incerto, queste abilità sono ancora più necessarie.

Perché aprono, in un certo senso, a un diverso, controintuitivo, tipo di “rivoluzioni”. Non quelle destinate a trasformarsi in tragedia e in ripetizione rovesciata, ma quelle per le quali l’amore per il mondo così come è, il mondo nella sua fragilità, è superiore allo stesso desiderio di negarlo e di cambiarlo (Luca Bagetto).

I dissacratori per professione, assolutisti disperati e incapaci di ridere, non sono certamente i “rivoluzionari” di cui avremmo bisogno, in questi tempi!






Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str