Passa ai contenuti principali

Il caso serio del linguaggio

Cosa rischiamo nel passaggio dal “politichese” a un tipo di gergo che si potrebbe chiamare “populese”?
Infatti il progressivo impoverimento linguistico che riguarda sia la comunicazione privata che quella pubblica sta diventando davvero una questione urgente.

Lasciatemi condividere, a tale proposito, un’esperienza che penso facciate anche molti di voi.
Una volta, qualche decennio fa, quando ci si sedeva nel salone di un barbiere, o ai tavolini di un bar (o in altri posti simili), sembrava relativamente facile, ascoltando le “quattro chiacchiere” che si fanno di solito in quel tipo di locali per passare il tempo, indovinare, dal modo di parlare, dai vocaboli usati o dal tono dell’argomentare, chi ci si trovava di fronte
Insomma, era facile ipotizzare: “ah, questo che parla dev’essere un professore; quello un medico; quell’altro un operaio; quello, forse, un politico e questo sicuramente un prete, anche se non indossa l’abito talare; quell’altro potrebbe essere invece un ingegnere o qualcosa del genere, a sentire quello che dice; questo più giovane sarà uno studente universitario; questo qui, invece che parla poco ma dice cose semplici e sensate dev’essere probabilmente un contadino.

Una volta era così. Ma adesso?
Provate a verificare. Riuscireste a capire se, colui che parla, è un professionista, un lettore di libri come un professore, un medico o un ingegnere abituati ad argomentazioni tecniche e precise, oppure un contadino, un operaio, un prete o un politico? 
Io non ci riesco più, e penso che neppure la maggior parte di voi potrebbero superare questo semplice “esame”!
Cosa è accaduto? Cosa ci sta succedendo?

In effetti, il fenomeno di cui parlo, facilmente verificabile, rivela molti limiti evidenti del nostro linguaggio, quando affrontiamo discorsi in pubblico
Come, per esempio, il carattere monotematico dei nostri dibattiti quotidiani, come se qualcuno avesse deciso, per noi, l’argomento su cui esercitarci ogni giorno, quasi fosse la “traccia” di un tema assegnato. Oppure il carattere stereotipato e quasi “omologato” dei nostri discorsi, come se il “copione” di quello che andiamo dicendo fosse già stato scritto, e dovesse essere solo correttamente recitato da noi, in quanto replicanti o cloni di un soggetto unico virtuale.

Tuttavia, a questi limiti, già gravi di per sé, del nostro modo di parlare e dialogare in pubblico oggi, si deve aggiungere anche l’uniformità del linguaggio e dei toni (quasi sempre aggressivi e tendenti alla rozzezza, per altro) del nostro parlare, come se usassimo tutti una forma di “gergo” o di “slang”. 
Una volta si era soliti rimproverare i politici per il loro uso del “politichese”, un gergo difficilmente comprensibile dalla maggioranza dei cittadini, oggi si potrebbe dire che viene usato da tutti, politici e cittadini, indifferentemente, un altro tipo di slang, che potremmo chiamare il “populese”, che sembra comprensibile da tutti, perché utilizza pochissimi vocaboli, ma è ancora meno significativo del politichese, perché in realtà non “dice” niente, ma manipola (o mobilita) solo emozioni. È un linguaggio costituito soltanto da “parole d’ordine”, da “slogan”, configurabili necessariamente in frasi brevi, fatte di parole che sembrano ovvie, semplici e primitive.

Questo tipo di linguaggio deve necessariamente essere povero di vocaboli: non servono molte parole diverse infatti (altro che “vocabolario di base” dei linguisti!) per costruire discorsi anche della durata di ore! 

Ecco perché oggi è difficilmente superabile quell’esame, di cui si parlava sopra, mirante a capire, dal modo di parlare chi abbiamo di fronte. Proprio perché quel modo di parlare e di comunicare si va generalizzando, dai talk show televisivi, ai tg, alle esternazioni “sincopate, dei politici...ai saloni dei barbieri, appunto.

Insomma, il caso serio del linguaggio, oggi, è la tendenza al linguaggio unificato che si presenta come linguaggio popolare, semplice, “naturale”, apparentemente “democratico”. Un linguaggio che ha anche una paradossale presunzione di verità perché la ripetizione ossessiva di quei pochi vocaboli, ogni ora e ogni giorno sembra farlo diventare vero!

Il guaio è che il linguaggio unificato significa vocabolario limitato e impoverito, quindi pensiero povero, e, alla fine, pensiero unico!

Rimane sempre valida infatti l’intuizione di Wittgenstein, secondo cui, “i limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo”. 

Il linguaggio è la precondizione del pensiero. Se l’universo è diverso e molteplice, l’incapacità di nominare le cose in modi diversi e molteplici, si tradurrà nell’incapacità di pensare le cose stesse, e alla fine anche nell’impossibilità di pensare, semplicemente!



Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere