Passa ai contenuti principali

Il tempo delle scelte

Se ti sembra normale che vengano negati, ad alcuni, i diritti umani fondamentali, aspettati che arrivi, prima o poi, qualcun altro, più forte di te, che negherà i tuoi diritti.
Perché, se c’è una lezione che la Storia, come una maestra paziente, non ha smesso di impartirci a più riprese, è che i diritti dell’uomo o sono universali o non sono!

In realtà ciò che in questi nostri tempi, in Italia e altrove, si tenta di mettere in atto, in modo più o meno subdolo, è la contrapposizione tra i diritti del cittadino e i diritti dell’uomo
Anzi quella forma strana di democrazia che con un ossimoro viene chiamata “democrazia autoritaria”, e che recentemente, in modi sempre più espliciti, diversi gruppi cercano di proporre e costruire, si fonda proprio su una presunta sovrapposizione dei diritti del cittadino sugli universali diritti dell’uomo, se non addirittura sulla messa in mora di questi ultimi.

Qualcuno, una volta, ha detto: se Dio non c’è tutto è possibile! Oggi si potrebbe riformulare quella frase in modo comprensibile anche per quanti non hanno Dio tra le proprie ipotesi o postulati di partenza. Oggi è il caso di chiarire che se non si postulano, come base delle società, i diritti fondamentali dell’uomo, proclamandone l’universalità e il primato su quelli del cittadino, tutto è possibile. Anche la barbarie!

E purtroppo anche questo è già successo! Infatti è stato necessario attraversare l’inferno perché l’umanità arrivasse a porre un punto fermo come la “Dichiarazione - universale - dei diritti dell’uomo”, nel 1948, dopo la barbarie dei nazismi di varia denominazione e la spaventosa seconda guerra mondiale (50 milioni di morti!).
Si è trattato, con quell’atto, di un vero salto di qualità della coscienza.
Con quella dichiarazione infatti si è “cominciato” a prendere coscienza che i diritti basilari, quelli da cui tutto dipende, sono i diritti umani cioè i diritti dell’uomo in quanto tale.  Abbiamo solo cominciato (perché sono passati appena 70 anni) a renderci conto che i diritti umani o sono universali o sono sempre in pericolo.

Quell'essenziale consapevolezza non era ancora chiara nella “Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino”, seguita alla rivoluzione francese del 1789. Ed è questa mancanza che ha consentito una ambigua “dissociazione” tra diritti dell’uomo” e “diritti del cittadino”. Una dissociazione che poteva facilmente trasformarsi in contrapposizione e sovrapposizione. Come è accaduto. E gli effetti di quella ambiguità si sono visti nel prosieguo delle vicende della “rivoluzione democratica” con l’instaurazione del “terrore rivoluzionario”. Non a caso giustificato con l’obiettivo della “salute pubblica” e della “sicurezza” dei “cittadini”. 
C’è, infatti, una bella differenza tra: “Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona (art. 3 della Dichiarazione universale del 1948), e: “Lo scopo d'ogni associazione politica è la conservazione dei diritti naturali e imprescrittibili dell'uomo vale a dire la libertà, la proprietà, la sicurezza e la resistenza all'oppressione”(art.2 della Dichiarazione dell’uomo e del cittadino).
La differenza decisiva sta in due piccole parole che, nella Dichiarazione del 1789 mancano: vita e persona. “Vita” : perché il diritto di ognuno alla vita è prioritario e condizione di tutti gli altri diritti. E poi, “Persona” umana: perché  i diritti fondamentali non sono primariamente diritti del “cittadino”, italiano, tedesco, americano, indiano, russo,...ecc., ma diritti universali, inalienabili e imprescrittibili di ogni essere umano. I “cittadini” di ogni Stato o nazione o popolo, possono continuare ad innalzare l’edificio dei loro diritti specifici solo se i diritti umani sono garantiti per tutti, nessuno escluso!

Ciò che viene proclamato e stabilito solennemente e universalmente nella Dichiarazione del 1948 è proprio il carattere universale dei diritti fondamentali di ogni essere umano
Ciò che viene lì sancito è che se quei diritti fondamentali non sono garantiti a tutti, e a ciascuno, nessuno potrà legittimamente rivendicarli per sé stesso o per il suo gruppo. È ciò che si diceva sopra con parole analoghe: i diritti dell’uomo o sono universali o non sono! Se non viene affermata l’universalità di quei diritti e il loro primato su quelli del “cittadino”, tutto è possibile. Anche la barbarie!

E non solo per ragioni storiche o ideologiche, ma per motivi molto concreti. Infatti, se a ogni mio diritto corrisponde il dovere degli altri di rispettarlo, per quale motivo altri,  siano essi individui, gruppi, popoli, dovrebbero riconoscere i miei diritti fondamentali, se io non riconosco a loro gli stessi diritti?

Ogni forma di primatismo, di sovranismo, di naz(ional)ismo, apre prima o poi la strada alla forza, alla violenza, alla guerra e alla barbarie. È già accaduto!

Human rights first! Ecco l’unico primatismo possibile oggi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere