Passa ai contenuti principali

La Cortesia e il Disprezzo

Raccontano, le antiche storie, che, un certo giorno, la Cortesia fu cacciata dalle Corti e da ogni quartiere delle città. Le fonti non chiariscono se fu cacciata prima dalle Corti e poi dai quartieri cittadini o viceversa. In ogni caso, dicono anche che da quel giorno la Cortesia fu vista solo aggirarsi, di tanto in tanto, mite e discreta, nella Giungla
Tutti i documenti concordano poi nel collegare l’esilio della Cortesia con il cambiamento della “posta in gioco” nella dialettica delle relazioni umane

Sì, perché fino a un certo momento, la Posta in gioco, nelle relazioni umane, era stata costituita da una specie di trinità indivisibile: Ambizione, Denaro e Gloria. Ma, da quel momento in poi, il Denaro diventò l’unica vera Posta in gioco, sia nei Palazzi del Potere che nelle quotidiane dinamiche sociali. E, si sa, il Denaro è l’unico “equivalente universale”, l’unico che può permettersi di vendere e comprare ognuno e ogni cosa. Una volta scoperto il Denaro come l’unico vero potere, l’unico autentico “Oggetto del Desiderio”, quello decisivo, a cosa potevano più servire, le “buone maniere”, la nobiltà d’animo, l’aristocrazia dei modi o il comportamento regale, le  qualità cioè che avevano caratterizzato un modello di umanità, e che trovavano nella Cortesia la loro più efficace espressione? 
Come avrebbe potuto allora, la Cortesia, sopravvivere nelle Corti e nel consesso civile? A che serviva ora la Cortesia?
Bastava mascherare la sua cacciata e la sua assenza con il suo surrogato, il suo simulacro, la “Messinscena”, e magari coprire la villania e la violenza dei modi con abiti costosi e una scenografia attraente. Questo nei casi migliori. Perché, normalmente, il posto della Cortesia è stato prontamente usurpato, senza remore, dalla Rozzezza, dall’Aggressione, dalla Volgarità e soprattutto dal Disprezzo degli altri, manifestato con le parole, con gli scritti e con i gesti.

Certo, i soggetti più “illuminati”, tentano ancora di mimetizzare la cacciata della Cortesia e il Disprezzo con la veste della Critica. Ma, ha ragione Bruno Latour: hanno la “bava alla bocca... e la chiamano critica”!
In effetti, l’esilio della Cortesia ha prodotto anche un fenomeno di degenerazione e mistificazione della Critica. Siamo sinceri! “Come si fa ad avere ancora il gusto dell’accusa quando il meccanismo sacrificale diventa palese?” (Latour)

Lo aveva già annunciato Platone, quando nel Protagora, diceva che Zeus, tra i doni dati agli uomini, oltre al fuoco, alle tecniche e al senso della giustizia, aveva inserito il Rispetto di ciascun individuo per i suoi simili, come essenziale alla sopravvivenza e al benessere della Polis
E cosa è il Rispetto, se non il principale modo di essere della Cortesia? Il Rispetto è la radice della Cortesia. Quest’ultima, infatti, non è solo una questione di galateo. La Cortesia è uno stato dell’animo, un modo di essere. La Cortesia in realtà è uno stile di umanità. Senza il quale non c’è futuro umano, nessun futuro per nessuno!

Suggestivi, a questo proposito, anche al di là della loro cornice mistica, questi versi di Hilaire Belloc:
“La cortesia non ha la grandezza
Dell’audacia e della santità,
Ma per quanto ne so io,
È in lei che risiede la grazia del Signore”.



Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str