Passa ai contenuti principali

Il problema dell'altro, di fronte all'estremo

Il titolo di questo post richiama una condizione cruciale della nostra esistenza contemporanea. Il problema dell'altro, - che si impone oggi principalmente a partire dall'ottica dei confini, delle soglie/muri, dei confronti/scontri tra noi e gli altri, tra popoli e culture, - ripropone una impasse che si è presentata diverse volte nella storia dell'umanità. Impasse che ha spinto nel passato gli umani verso l'abisso, esattamente verso l'estremo rischio per la convivenza. Situazione di impasse che, bisogna pur dire, ha più volte costretto gli umani a inventare o riscoprire valori essenziali per la loro salvezza.
Il titolo di questo post, però, evoca anche due libri di Tzvetan Todorov, filosofo, semiologo e storico delle idee, morto in seguito a una malattia, qualche settimana fa. I libri sono: La conquista dell'America - Il problema dell'altro, Einaudi, opera originale e fondamentale; e, appunto, Di fronte all'estremo, Garzanti, indagine sulla permanenza dei valori in condizioni umane critiche ed  estreme. Perciò questo post vuol anche essere un omaggio a un maestro del pensiero contemporaneo. Un maestro al quale io sono debitore per alcune tappe decisive della mia formazione intellettuale ed umana. (Al suo pensiero del resto è stato già dedicato, in questo blog, il 15 febbraio 2011, un altro post, vedi: http://www.in-crocivie.com/2011/02/la-materia-che-diventa-bellezza.html )
Io considero Todorov soprattutto un maestro di sguardi: uno che mi ha insegnato a "guardare diversamente". Forse è per questo che una parte considerevole del suo lavoro ha avuto a che fare con l'arte, dal momento che anche l'esperienza artistica è, in un certo senso, un imparare a vedere e a guardare.
Qui voglio perciò ricordare una delle sue "lezioni" più recenti, proprio quella che intreccia le sue riflessioni sulla natura dell'arte al tema della relazione tra il bello il bene e il vero. E penso che questa "lezione" abbia a che vedere in modo particolare con la drammatica questione evocata nel titolo di questo post.
La riflessione di Todorov, che voglio condividere con voi, amici lettori, parte da una frase di Rilke che Todorov cita nell'appendice de "Il caso Rembrandt", ed. Garzanti. Scrive Rilke, in una lettera alla moglie Clara, a proposito della creazione artistica: "Non è permesso al creatore di straniarsi da alcuna forma di esistenza".  Todorov sviluppa questa intuizione di Rilke, dialogando con Michail Bachtin e soprattutto con Iris Murdoch, riprendendo la loro idea secondo cui un buon romanziere è quello i cui personaggi non sono riconducibili a lui e anzi sono capaci di comportarsi come soggetti autonomi da lui. Come scrive la filosofa e scrittrice inglese Murdoch, la cosa più importante, per esempio, nel caso del romanzo, è "rivelare...che esistono altre persone". È per questo che Todorov condivide l'opinione che l'arte, la letteratura in particolare, ma ogni forma di grande arte, "non è una semplice fonte di piacere", né solo una gradevole distrazione; ma "merita rispetto". "L'arte infatti, lungi dall'essere un allegro diversivo per la razza umana, è il luogo di molte delle sue più fondamentali intuizioni"(Murdoch).

Per questo, Todorov non considera paradossale il nucleo della tesi di Iris Murdoch, secondo cui si può parlare di una forma di identità tra arte e morale, identità che si basa (al di là dell'intenzione dell'artista) sulla presenza di un solo elemento comune a entrambe: la coscienza di una realtà altra dall'io. La rivelazione e la conoscenza della esistenza di una realtà altra dall'io e quindi della complessità e pluralità del mondo sono insite nell'opera artistica, al di là, come si è detto sopra, dell'intenzione dell'artista, il quale, non solo non agisce con tale obiettivo, ma potrebbe paradossalmente anche escluderlo deliberatamente. 

È vero, dice Todorov che non tutte le opere d'arte rivelano in egual misura la verità e la complessità del mondo, né mostrano lo stesso "amore del reale" che rende possibile l'annullamento dell'ego di fronte all'alterità; così come, sostenere che ogni grande opera costituisce di per sé un atto morale non vuol dire affermare che lo scrittore (o l'artista) che l'ha creata sia un essere virtuoso o debba avere una finalità virtuosa. 
Per esempio,"l'umanità che emana dai dipinti di Rembrandt non è presente nelle relazioni del pittore con le sue compagne"(Todorov), così come, talora, "il messaggio trasmesso dalla qualità dell'esecuzione va oltre o contraddice quello che l'autore mette deliberatamente in bocca ai suoi personaggi". E, ancora "più problematico è il rapporto tra la virtù dell'opera e quella dei suoi lettori o fruitori": anche se è vero che di fronte ai personaggi che popolano, per esempio, un'opera di narrativa, ogni lettore è invitato ad allargare il proprio essere; tuttavia niente garantisce che il lettore o il fruitore accettino l'invito!
Nonostante le restrizioni e le limitazioni di cui sopra, è vero tuttavia, secondo Todorov, che l'atto artistico  è anche un atto etico perché esso ha inscritto in se stesso un atto di conoscenza e di apertura al mondo.
Da questo punto di vista Todorov concorda con le argomentazioni di Iris Murdoch secondo la quale il senso pieno di una opera artistica è colto davvero se si comprende che essa ha inscritto, in se stessa, insieme alla dimensione estetica, quella cognitiva e quindi quella etica.
Attenzione!, la dimensione etica di cui parlano Murdoch e Todorov non va intesa come lezione morale di condanna dei vizi e di lode delle virtù.
Pensiamo, per esempio, a molte opere di Rembrandt, soprattutto incisioni e disegni, in cui il pittore  cerca di cogliere la realtà di una situazione. Lì, la "lezione morale" è assente, il suo solo scopo è capire intimamente ogni azione umana. Lì, il pittore non sente il bisogno di esprimere giudizi, ma si limita a mostrare e per far questo si proietta "in ogni gesto, in ogni atto: così si fa molteplice, proteiforme, universale".



Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str