Passa ai contenuti principali

Il tradimento delle élites

Sono sempre più convinto, cari lettori, che, nonostante il clamore che si fa da sempre su scandali, disonestà e corruzione, il vero "scandalo" (dal greco "skàndalon": inciampo, stessa radice di "skolon": ostacolo, impedimento) è il tradimento o l'abdicazione al loro ruolo da parte delle élites.

È questo tipo di tradimento che impedisce il cammino e il progresso civile umano.
Infatti, se guardiamo alla storia, non necessariamente le élites che vengono meno al loro ruolo sono quelle coinvolte in fenomeni di corruzione o di disonestà; né, necessariamente, le élites "positive" sono quelle apparentemente integre. 

Il vero impedimento al progredire dell'umanità anche sul piano culturale e spirituale, e non solo su quello politico-sociale, tecnico o economico, è la rinuncia al loro ruolo, al loro compito, ai loro "talenti", alla loro "vocazione", da parte delle élites.
Oggi vediamo élites intellettuali, professionali, economiche, religiose, politichecosì come vediamo anche nazioni e popoli, una volta guide del progresso e dello sviluppo, che fuggono davanti ai rischi e alle paure.
Le paure oggi sono prodotte dalla crisi dei vecchi modelli di stato e sovranità, dai cambiamenti e dalle trasformazioni dell'economia, dall'incertezza del futuro, dagli inarrestabili processi di integrazione globale, dai movimenti di popoli disperati in cammino verso il futuro.

Spesso, ma è già accaduto nella storia, quelle che appaiono come élites "positive", fuggono dalle loro responsabilità e dal loro ruolo, o per semplice paura, o per mancanza di fantasia e inventiva, o per miopia, o per l'incapacità a cogliere le dinamiche della storia, o, a volte, per puro ipertrofico egoismo!
Vedi, oggi, a modo di esempio, l'Inghilterra della Brexit, vedi il leghismo nel nord Italia, vedi gli USA di Trump, vedi nazioni del nord o dell'Est europeo, come Olanda, Polonia e Ungheria, dove popoli e ceti sociali che hanno avuto, nella storia passata, un ben altro ruolo, fuggono a briglie sciolte e in direzioni diverse di fronte a rischi e incertezze, o per rinchiudersi in impossibili fortezze, o alla ricerca di una unità e un'armonia passate, perdute!

E tuttavia, quale sarebbe stata la storia dell'umanità se nei momenti nodali, decisivi e anche tremendi e terribili della storia dell' uomo, le élites di allora avessero rifiutato di affrontare le novità, le incertezze e i rischi?
Avremmo avuto la straordinaria civiltà apparsa nella storia occidentale grazie al coraggio delle élites aristocratiche della Grecia classica nell'immaginare una nuova struttura dello stato, nel consentire la nascita della polis e l'invenzione della democrazia? E che sarebbe la moderna Europa se, di fronte a quel "diluvio universale" (P. Sloterdijk) che fu la "peste nera" del 300, le élites di allora, (tra cui in modo peculiare quelle inglesi e olandesi), non avessero reagito avviando quella "spinta storica mondiale" che fece dell'Europa il centro del mondo per mezzo millennio circa? Avremmo avuto la "follia di Colombo", il Rinascimento o la rivoluzione scientifica, senza la temerarietà, l'azzardo e "l'esplosivo sogno delirante" delle élites del continente europeo? E si potrebbe continuare trovando altri esempi che hanno accompagnato il tortuoso cammino della storia, tra l'altro anche italiana, come quell'ardire di élites intellettuali, economiche e borghesi, soprattutto del Nord Italia, che nell'800 osarono immaginare un'Italia più grande, più unita e più moderna!
Che ne è, oggi, di quel tipo di gente che con tutte le proprie contraddizioni e i propri grovigli di interessi non sempre trasparenti, non ebbero paura di accompagnare le loro comunità e i loro popoli verso il futuro, pur se sconosciuto e rischioso? 

Oggi, forse, abbiamo perso qualcosa? Deriva da questo la "depressione" dei popoli europei, l'incapacità di narrazioni significative da parte di governanti e oppositori, il parlare a vuoto e la povertà di pensiero e di immaginazione delle élites intellettuali, politiche ed economiche?



Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere