Passa ai contenuti principali

Bilanci


Certe volte, come esortava Kavafis, bisogna privilegiare "il viaggio", e accontentarsi di esso, godendone, sopportandone anche i timori, le inclinazioni e le interruzioni, pur senza rinunciare ad "avere in mente Itaca".

Certe volte bisogna decidersi per nuove "piccole" possibilità di diventare umani adesso, senza attardarsi a pretendere tutto insieme.

Certe volte bisogna accettare di "fare" la verità un pezzo per volta, o, se si è saggi, di farsi "condurre" da essa, giorno per giorno, piuttosto che pretendere di "contenerla", tutta e limpida, nella propria bisaccia. 

Certe volte bisogna rinunciare a usare la maiuscola, perché le più belle parole come libertà, democrazia, comunità, scienza, verità, popolo, fede, ragione, diritto, ideali, etica, politica, ecc., quando sono pronunciate con la maiuscola, diventaro spesso macigni insopportabili, muri invalicabili e bracci violenti del potere, come pensava Simone Weil.

Certe volte occorre riconoscere che il nostro personale profondo non è fatto tanto di vita personale, di infanzia, di trauma, di famiglia. Nelle profondità dell'essere umano c'è piuttosto la storia umana, ci sono figure mitiche, figure religiose, immagini, creature, scene, paesaggi, voci, insegnamenti, un mondo straordinario. Occorre convincerci che noi siamo tenuti in vita da quelle immagini, da quelle figure, da quei miti. (Sonu Shamdasani)

Certe volte sarebbe il caso di riuscire finalmente a sottrarsi al rumore incessante delle notizie che ci arrivano da ogni parte. Perché, suggerisce C.Ginzburg, per capire il presente è meglio imparare a guardarlo di sbieco, e come da lontano.

Certe volte occorerebbe prendere atto del fatto che i contenuti del nostro linguaggio e del nostro comunicare si uniformano troppo, e si omogeneizzano in un "cocktail di espressioni svuotate di originalità e di emotività, di bagliori e di smalto, di tensioni e di trascendenza". (Eugenio Borgna)

Certe volte infine bisognerebbe riconoscere che una buona regola, nella vita, è quella di accettare l'incompiutezza delle cose umane e le molte polarità della realtà, anche se è così difficile. Cercare sì di capire, diceva Iris Murdoch, ma imparare anche l'arte dell'accogliere e del "contemplare" quello che non si riesce a capire, senza pretendere di cancellarlo.



Commenti

Evergreen ha detto…
Bellissimo post. Te lo rubo subito!
Pino Mario De Stefano ha detto…
Hai carta bianca Giuseppe😀. Grazie per l'attenzione

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str