Passa ai contenuti principali

Un'estate tra suoni e silenzi

Prendere tempo! In estate dovrebbe essere possibile ciò che è poco agevole in altri periodi dell'anno. Prendere tempo, prendere in mano il nostro tempo, per sperimentare un modo d'esperienza più intenso e un diverso approccio alla realtà quotidiana.
E allora, si potrebbe partire dal mettere a fuoco quella strana cosa che accade a tutti con l'esperienza musicale. Ci avete mai pensato? Noi possiamo fruire e godere della musica solo perché, in ogni esperienza musicale, suoni e silenzi sono indissociabili. Se non avessimo la capacità di "ascoltare" il silenzio, sarebbe impossibile anche identificare i suoni. Potremmo quasi dire che tutto il bello della musica dipende da quello che manca!
Se è così, cosa ci impedirebbe ora, in estate, mentre tentiamo di prenderci il tempo e quasi di fermarlo, di dare ascolto anche, pur non essendo filosofi, a quello che intendeva il giovane Novalis quando scriveva che "tutto il visibile è attaccato all'invisibile, l'udibile all'inudibile. Il sensibile a ciò che non può essere sentito. Il pensabile all'impensabile"?
Eccolo, di nuovo, "quello che manca", quello che ordinariamente ci sembra non esistere, offrirsi come ingrediente ineliminabile della nostra esistenza. Almeno per quelli che hanno il tempo di accorgersene o di cercarlo. Che strano! Pare quasi che l'attenzione a ciò che manca (il silenzio, l'invisibile, l'inudibile, l'impensabile) debba rappresentare ciò che acutizza lo sguardo, ciò che apre campi d'esperienza non altrimenti possibili, come scriveva Ricoeur.
Forse non è il caso, per evitare la questione, di considerare solo un ingenuo misticismo usare anche il termine "invisibile" per descrivere la nostra esperienza della realtà. D'altra parte, anche se rimaniamo figli rispettosi della rivoluzione scientifica, non è necessario temere il termine "invisibile". Si tratta di allenarci ad accogliere, senza presunzione, la parte "in ombra", di questo nostro strano mondo (cose, eventi, individui umani), quella parte non riducibile alla metà visibile, senza la quale, però, neppure il visibile è veramente completo e conosciuto. Del resto, ad esempio, chi può dire che, anche, l'individuo che ho continuamente davanti è completamente definito solo da cio che vedo di lei/lui? O che le sensazioni che generano in me gli oggetti che accompagnano la mia quotidianità non rinviino ad altre dimensioni e significati indipendenti dalla loro fisicità?
In realtà avremmo bisogno di esercitarci a non fissare il senso solo in ciò che il mondo ci offre qui e ora, e di non nascondere a noi stessi l’enigma di fronte al quale siamo, e rimarremo. 
Forse possiamo, almeno adesso, in estate, quando ci si offre l'opportunità di "prendere tempo" e... "perdere tempo" per avventurarci su sentieri non consueti, fare in parte quello che fanno già i poeti e gli artisti. Loro sono in grado di vedere che ogni genere di cosa ha un modo specifico di trascendere la sua apparenza, ovvero di essere realmente al di là di quanto ne appare” (R. De Monticelli). 
Qualcuno ha scritto che diventiamo sempre più incapaci di "fare esperienza", di fare attenzione alle esperienze ordinarie e farle nostre. Pare, infatti, che oggi, solo in presenza di situazioni da shock, siamo ancora capaci di provare qualcosa. Il che, ovviamente, non riguarda solo le nuove generazioni, come si è soliti pensare. E se ciò dipendesse soprattutto dalla perdita di attitudine a cercare e vedere quello che manca, l'invisibile e l'inudibile, nelle nostre esperienze quotidiane: quello che a loro appartiene, come i silenzi alla musica, e a cui esse tendono di rinviare in ogni modo per avere un senso più pieno? 
Diceva Nietzsche che le cose (oggetti, eventi, persone...) cercano le parole per essere dette: non sarà che molte delle parole che ci servirebbero per "dire" le cose, sono scivolate via dal nostro sempre più ristretto e saccente vocabolario, impedendoci così di sperimentare davvero la vita?











Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere