Passa ai contenuti principali

Il Timelapse e l'arte della manutenzione dell'intelligenza

I lettori più giovani di questo blog o i più "tecnologici", sanno molto bene cos'è il timelapse o time-lapse. Non è il caso qui di fermarsi ad illustrarne i dettagli tecnici, ma molti avranno già fatto esperienza di quella tecnica cinematografica guardando le sigle che aprono famose serie tv, come Il Trono di Spade o House of Cards, o I Borgia, o alcuni documentari naturalistici. 
La domanda ora è: che c'entra il time-lapse con la manutenzione dell'intelligenza? Perché scomodare la tecnologia? (Anche se occorre dire che ormai la tecnologia, almeno a partire da Galilei, non è più solo uno strumento del sapere, come un paio di occhiali che possiamo sostituire come vogliamo, ma è essa stessa una modalità di conoscenza che, a sua volta, plasma, per così dire, il nostro cervello e i modi con cui osserviamo e comprendiamo la realtà).
Il punto è che quell'affascinante tecnica - timelapse - ci mette davanti un tipo di tempo che sembra scorrere più velocemente di quello di cui abbiamo esperienza normalmente e quotidianamente. In altre parole, nella tecnica del timelapse, la frequenza di riproduzione di ogni fotogramma è molto superiore a quella di cattura dei fotogrammi stessi. Per cui, questa tecnica rende possibile osservare fenomeni di per sé non visibili a occhio nudo, e tuttavia reali, come lo scorrere delle stagioni, o il movimento delle nuvole e del sole, o il succedersi delle fasi secolari della costruzione di una città o di una società.
Questo ha a che fare con l'intelligenza, o con un tipo di intelligenza di cui, nella nostra società complessa e apparentemente indecifrabile, abbiamo un enorme bisogno.
Infatti, più sopra ho detto che, nel timelapse, il tempo di cattura di un fotogramma è di molto inferiore a quello di riproduzione, ed è questa maggiore frequenza di riproduzione che rende possibile osservare fenomeni reali ma invisibili ad occhio nudo. Tuttavia, se non si usassero complesse tecniche e anche trucchi, insieme a vari dispositivi e software, in tempi diversi, come è richiesto dalla tecnica del timelapse, cioè, se non ricorressimo a un'altra modalità di approccio e a un altro tipo di "intelligenza" di quello che ci circonda, ci sfuggirebbero fenomeni reali ma invisibili che precedono, accompagnano e seguono quel singolo fotogramma che ci attardiamo a catturare e, quasi, a "fermare".
Insomma, ciò che il timelapse ci dice è che ci occorre un tipo di intelligenza e di approccio alla realtà che ci addestri a guardare i singoli "fotogrammi", o per uscire dalla metafora, a guardare i singoli fatti, eventi, immagini che abbiamo di fronte, di volta in volta, nella nostra vita e nella nostra esperienza, non come semplici "dati" ma come processi che non si riducono solo a ciò che abbiamo, in quel momento, davanti agli occhi.
Tutta la realtà è processo: cioè insiemi di processi, in atto, interconnessi e sempre "aperti". Non abbiamo mai a che fare solo con ciò che è reso  "presente" come fosse un evento televisivo, né con "dati" che sono "lì fuori", nelle loro illusoria completezza ed esaustività. Invece noi di solito, riusciamo a "mettere a fuoco" fatti o eventi puntuali, quelli che abbiamo di fronte, o nella mente, in un certo momento, ma non vediamo per nulla ciò che segue o precede, e neppure ci accorgiamo del fatto che tutto quello che abbiamo di fronte è un processo ancora in atto e mai un "dato".
Perciò, abbiamo bisogno di introdurre nella nostra intelligenza, la velocità, la capacità di dispersione ed espansione nel tempo e nello spazio, il moltiplicarsi di prospettive e di livelli, tutte modalità che ci aiutino a "decostruire" e "fluidificare" ciò che, a prima vista ci appare in tutto il peso della sua ingombrante "presenza" e unicità. Solo così potremo sperare in una  reale “intelligenza” delle cose e dei fatti.

Davanti a un mondo che è "processo", che scorre anche quando sembra che stia fermo o che sia sempre lo stesso, un mondo interconnesso da ogni lato, sul piano delle relazioni, sul piano storico e sul piano spaziale, non basta il compasso e il metro, bisogna farsi più fluidi, più ambigui, più flessibili (J.-Pierre Vernant). Se vogliamo veramente comprendere ciò che ci è davanti, occorre un altro tipo di intelligenza: forse quella che i greci chiamavano "metis", dal nome della divinità mitologica greca Meti o Metide. Una divinità femminile, non a caso, che troviamo alle origini, nella fase di formazione del cosmo, e che, secondo Esiodo, è dotata di un'intelligenza superiore a quella degli altri immortali e mortali. Al punto che Zeus stesso ha bisogno di ingoiarla per tenerla dentro di sé, fare sua l'intelligenza di lei, per continuare ad essere il re degli dei. Ma, attenzione, l'intelligenza di Meti non è solo metro e calcolo o strategia e logica, è più di tutto questo, è altro: come narra una leggenda, è astuzia, flessibilità, fluidità, e anche ambiguità e capacità di cambiare, come e quando vuole, di forma e di aspetto, per trasformarsi in altro (L. Ferry).
Ecco ciò di cui avremmo bisogno! Ma, ohimè, a dispetto delle acquisizioni della quantistica, siamo troppo abituati, da una banale alfabetizzazione scientifica, a una visione del mondo fisico, come anche di quello storico, sociale...ecc., come collezione di entità separate, come un edificio fatto di "mattoni", mentre siamo ancora incapaci di una coerente visione del mondo come rete di relazioni.

Riconosciamolo, concettualmente siamo ancora dei "cavernicoli": siamo portati a pensare prima le cose con le loro proprietà e dopo i meccanismi e le forze che le collegano. In realtà non abbiamo ancora capito che tutte le proprietà delle cose scaturiscono dalle loro relazioni.

Non è che non esistono le parti, non esistono le parti "isolate", in nessun campo della realtà e della conoscenza: tutto questo esige un altro approccio, un altro modo di guardare e di conoscere (F. Capra). Una modalità flessibile, ambigua, astuta, mutante. Intenta, per così dire, ad inseguire senza sosta la realtà del mondo, delle cose e degli uomini, nelle sue interminabili pieghe, e continue connessioni e trasformazioni. 





Commenti

Pina-Antigone ha detto…
"Time lapse" per me è il tempo che scivola via. Non c'entra niente, lo so. Ma quel lapse a me ha suggerito "lapsum", supino del verbo "labor" il cui suono mi piace tantissimo perché è dolce e ha la forma di una scia leggera. Mi sono apparsi i "labentia signa" lucreziani e "l'alpestre rocce, Po, di che tu labi" di Dante. Lo scorrere e trascorrere del tempo, quindi. Tu, autore, insisti sulla nostra incapacità di cogliere le interconnessioni, nel titanico sforzo di sorreggerci. E di questo ringraziamo. Tuttavia è innegabile il dato emergente in questo tempo: una violenta arroganza che ignora la Storia e le storie, un ebbrezza di onnipotenza tecnologica che stordisce e pietrifica.
Alle sequenze dei fotogrammi del "time lapse" preferisco il fiume che "labitur" accogliendo innumerevoli affluenti. È una metafora antica e mi si addice di più, a costo di rimanere "cavernicola".

"Vedi l'acqua di roccia
Splende gioiosa, come
Sguardo di stella!
D'oltre le nubi
Spiriti buoni nutrono
Il giovinetto fonte
Tra le rupi del bosco
[...]
Ruscelli compagnevoli
Gli si stringono intorno,
Mentr'egli il piano invade,
Che argenteo splende
E dal piano e dal monte
Fiumi e torrenti chiamano
In esultanza [...]
(Goethe)
Pino Mario De Stefano ha detto…
Cara Lettrice Pina Grazie per le tue importanti e opportune riflessioni che occore tebere sempre presenti. Io non leggerei il timelapse come la tecnologia che ebbra di onnipotenza ignora la stria e le storie, pietrificando tutto. A me pare il contrario, è per questo che la propongo come strada per una nuova intelligenza. Più che pietrificare, fluidifica, e tenta di cogliere insieme, con tecniche varie e complesse, e se vuoi con umiltà, quasi come un fiume, affluenti ed effluenti, sorgenti e foce, ciò che adesso appare e ciò che verrà o è stato. tutto il contrario di quell'arroganza di cui parli! Talmente poco arrogante da mirare a rendere visibile anche aspetti che tendiamo a spostare ai margini della nostra usuale attenzione e considerazione.
Pino Mario De Stefano ha detto…
ops! occorre tenere..... la storia e le storie

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str