Passa ai contenuti principali

Siamo dentro racconti

Non ci sono fatti. Ci sono solo racconti.
Dobbiamo alla globalizzazione e alla rete anche il consolidarsi di questa nuova consapevolezza.
In epoche antiche, quando sia la comunicazione che lo scambio delle idee erano ardui o impossibili,  prima dell'invenzione della stampa, ma anche dopo, poteva capitare che scritti, libri, teorie, - per l'autorità indiscussa dell'autore, o perché non si conoscevano opinioni alternative, o perché quelle opere ebbero la fortuna di trovare spalle su cui spostarsi e arrivare alla gente che allora contava, o perché legittimate da sovrani, monaci o papi,...- diventassero best sellers e condizionassero il presente e il futuro dei popoli, la loro educazione, le loro credenze, il loro immaginario, la loro mentalità.....a volte anche traumatizzandoli.
Oggi non sarebbe più possibile: tuttavia ciò di cui ci lamentiamo spesso, e cioè che oggi non sembrano più apparire opere di grande valore, può essere letto anche come garanzia della nostra libertà. La globalizzazione e la rete sono all'origine della moltiplicazione e dello scambio rapido di idee, visioni del mondo, opinioni, libri e altri prodotti culturali. Questo fenomeno è senz'altro alla base della desacralizzazione di ogni forma di autorità e, tra l’altro,  anche uno dei fattori della crisi dell'educazione! È un bene? È un male? Era meglio una volta? Non mi pare. In ogni caso non è importante trovare la risposta a queste domande. Questa è la nostra esperienza di oggi. Questa è la sfida con cui fare i conti, oggi.
La rete, la interconnessione, il mercato dei "segni" ad esse connesso, il moltiplicarsi e la "democratizzazione" delle "visioni", lo scontro tra di esse, e anche la vita breve del loro successo, garantiscono la nostra libertà perché ci liberano dalla necessità di doverci inventare continuamente "dei”, da adorare, e dall'ossessiva pretesa di possedere visioni del mondo da imporre agli altri. No, la globalizzazione ci rende consapevoli che, in realtà, siamo di fronte, solo, a "racconti" diversi, molteplici e mutevoli. Anzi ci aiuta a comprendere che siamo tutti dentro racconti.
Racconti: il racconto tecnico-scientifico, il racconto religioso, il racconto etico, il racconto mitico, il racconto artistico, o quel racconto con cui diamo forma e senso ogni giorno alla nostra quotidianità, per banale che sia. Insomma, racconti, racconti, racconti...che non significa favole, favole, favole (anche se non c'è niente di male nelle favole!), ma tentativi interminabili di interpretare la realtà, di trovare una strada o delle strade....di cercare testardamente, usando "fiaccole", senza pretendere che si trasformino in "fari".
Chissà se saremo capaci di affrontare queste sfide con serenità. Chissà se desisteremo dalla pretesa risibile di affermare la verità dei nostri racconti dichiarando la morte di quelli degli altri. Dovremmo aver capito che nessuno può illudersi di cancellare i racconti umani,  e ciò per lo stesso motivo per cui non si possono uccidere le idee. Prima o poi riemergono sempre! Ci resta solo l'alternativa di cercare testardamente punti di comunicazione e di scambio tra i diversi racconti umani.
Il “veroattraverso i molteplici veri...l'essenziale nei frammenti, con la convinzione sempre più forte che solo nel legittimarsi reciprocamente e nello scambiarsi i racconti, nel condividerli, nell'accoglierli tutti, nel reinterpretarli, nel tradurli e nel ridirli, è possibile, vivere e inventare la nostra vita comune e immaginare il nostro futuro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere