Passa ai contenuti principali

Siamo dentro racconti

Non ci sono fatti. Ci sono solo racconti.
Dobbiamo alla globalizzazione e alla rete anche il consolidarsi di questa nuova consapevolezza.
In epoche antiche, quando sia la comunicazione che lo scambio delle idee erano ardui o impossibili,  prima dell'invenzione della stampa, ma anche dopo, poteva capitare che scritti, libri, teorie, - per l'autorità indiscussa dell'autore, o perché non si conoscevano opinioni alternative, o perché quelle opere ebbero la fortuna di trovare spalle su cui spostarsi e arrivare alla gente che allora contava, o perché legittimate da sovrani, monaci o papi,...- diventassero best sellers e condizionassero il presente e il futuro dei popoli, la loro educazione, le loro credenze, il loro immaginario, la loro mentalità.....a volte anche traumatizzandoli.
Oggi non sarebbe più possibile: tuttavia ciò di cui ci lamentiamo spesso, e cioè che oggi non sembrano più apparire opere di grande valore, può essere letto anche come garanzia della nostra libertà. La globalizzazione e la rete sono all'origine della moltiplicazione e dello scambio rapido di idee, visioni del mondo, opinioni, libri e altri prodotti culturali. Questo fenomeno è senz'altro alla base della desacralizzazione di ogni forma di autorità e, tra l’altro,  anche uno dei fattori della crisi dell'educazione! È un bene? È un male? Era meglio una volta? Non mi pare. In ogni caso non è importante trovare la risposta a queste domande. Questa è la nostra esperienza di oggi. Questa è la sfida con cui fare i conti, oggi.
La rete, la interconnessione, il mercato dei "segni" ad esse connesso, il moltiplicarsi e la "democratizzazione" delle "visioni", lo scontro tra di esse, e anche la vita breve del loro successo, garantiscono la nostra libertà perché ci liberano dalla necessità di doverci inventare continuamente "dei”, da adorare, e dall'ossessiva pretesa di possedere visioni del mondo da imporre agli altri. No, la globalizzazione ci rende consapevoli che, in realtà, siamo di fronte, solo, a "racconti" diversi, molteplici e mutevoli. Anzi ci aiuta a comprendere che siamo tutti dentro racconti.
Racconti: il racconto tecnico-scientifico, il racconto religioso, il racconto etico, il racconto mitico, il racconto artistico, o quel racconto con cui diamo forma e senso ogni giorno alla nostra quotidianità, per banale che sia. Insomma, racconti, racconti, racconti...che non significa favole, favole, favole (anche se non c'è niente di male nelle favole!), ma tentativi interminabili di interpretare la realtà, di trovare una strada o delle strade....di cercare testardamente, usando "fiaccole", senza pretendere che si trasformino in "fari".
Chissà se saremo capaci di affrontare queste sfide con serenità. Chissà se desisteremo dalla pretesa risibile di affermare la verità dei nostri racconti dichiarando la morte di quelli degli altri. Dovremmo aver capito che nessuno può illudersi di cancellare i racconti umani,  e ciò per lo stesso motivo per cui non si possono uccidere le idee. Prima o poi riemergono sempre! Ci resta solo l'alternativa di cercare testardamente punti di comunicazione e di scambio tra i diversi racconti umani.
Il “veroattraverso i molteplici veri...l'essenziale nei frammenti, con la convinzione sempre più forte che solo nel legittimarsi reciprocamente e nello scambiarsi i racconti, nel condividerli, nell'accoglierli tutti, nel reinterpretarli, nel tradurli e nel ridirli, è possibile, vivere e inventare la nostra vita comune e immaginare il nostro futuro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str