Passa ai contenuti principali

Fai qualcosa!

Avete mai pensato, care lettrici e cari lettori, a come potrebbe essere diverso il nostro mondo, se, anche quando le condizioni di vita appaiono detestabili, ognuno di noi, invece di lamentarsi continuamente, applicasse la stessa costanza e metodicità con cui estrinseca i suoi lamenti, per trovare il modo di "fare qualcosa", qualcosa gravida di futuro, qualcosa non solo per sé ma per tutti? Fare qualcosa che possa rendere il proprio Paese, la propria città, il proprio quartiere, la propria strada, il proprio luogo di lavoro, la propria casa, ecc…,più belli e più vivibili per tutti.
Fai qualcosa!  Invece di piagnucolare, "genera", tu, qualcosa!
Partecipa all'esistenza da protagonista, responsabile davanti alle donne e agli uomini, non da spettatore, magari comodamente seduto in una poltrona di prima fila.
Non caricarci delle tue recriminazioni, dei tuoi lamenti, delle tue proteste verbali e dei tuoi giudizi "definitivi" sul mondo.
Comincia tu a fare qualcosa. Per esempio, dona con continuità un po' del tuo tempo, fai volontariato, genera una comunità, inventa un lavoro, crea conoscenza, metti a servizio il tuo sapere, costruisci insieme ad altri la speranza, aiuta a crescere, allevia le ferite di chi sta peggio di te, adotta un bambino a distanza o assicuragli un piccolo sostegno stabile, prenditi cura degli altri anche senza ricevere niente in cambio, migliora e abbellisci il tuo ambiente, crea bellezza...fai qualcosa, per favore!
E se proprio non sai cosa fare, allora, per creare germi di futuro, pianta almeno un albero, come suggeriva Angelo Casati, evocando il primo compito che, nelle scritture ebraiche, il Creatore affida al suo popolo entrato nella terra promessa.
Non lasciare questo mondo come lo hai trovato. Non andartene avvelenato dall'amarezza e dal rammarico di non aver ricevuto quello che ti "era dovuto".
Ama questo mondo, è il tuo mondo, ama questa terra, è la tua terra, ama questo paese, è il tuo paese, ama questa città, è la tua città, ama questa comunità, è la tua comunità.
Smettila di rivendicare continuamente, come un bambino piagnucoloso, quello che, altri, "devono" fare per te, perché, anche nel peggiore dei casi, hai già ricevuto più di quanto hai dato!

Chiediti, invece, e inventa tu, cosa puoi fare per tutti! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str