Passa ai contenuti principali

Un affascinante e necessario esercizio

Uno dei doni più preziosi che ricordo di aver ricevuto (ma...c'è qualcosa di quello che abbiamo e siamo, che non abbiamo ricevuto?) è quello che mi ha fatto un docente, quando, prima di accettare una mia ipotesi di ricerca, nel contesto di un seminario universitario, mi ha chiesto di fare lo sforzo di ricostruire il percorso mentale che mi aveva spinto a decidermi proprio per quel tipo di ricerca. Quali motivazioni mi avevano guidato, e, perché "quelle" domande?
Ricordo di aver riempito quasi quattro facciate di un foglio "protocollo": non ci avrei mai creduto, soprattutto perché avevo interpretato solo come eccessiva e un pò eccentrica quella richiesta. Tuttavia, l'avevo accolta senza chiedere spiegazioni, perché, si sa, all'università, gli studenti devono abituarsi anche alle "stranezze" dei loro professori!
E, invece, quella richiesta e quello sforzo mi hanno costretto a portare alla luce il mio "non detto", mi hanno orientato a un rapporto più consapevole e "critico" con me stesso, mi hanno reso attento alla complicata genesi, non solo intellettuale, delle mie e delle altrui idee, insomma mi hanno "iniziato" a un diverso approccio al sapere, alla conoscenza, e anche alla comunicazione.
Naturalmente, di tutto questo sono diventato consapevole solo a distanza di tempo, man mano che ho provato e riprovato a confrontarmi autonomamente con quella richiesta e quello sforzo. Fino a farli diventare un vero e proprio "metodo", nei vari ambiti della mia esperienza. Allora ho compreso che quel mio docente mi aveva regalato qualcosa di veramente essenziale, nella vita.
Ho capito allora che la domanda basilare, che dovrebbe sempre guidarci, non solo nel campo della ricerca, è: chi o che cosa determina il mio, o l'altrui, punto di vista? In effetti è vero, come scrive James Hillman, che tutte le volte che si fa una domanda non si vuole soltanto ottenere una risposta. Perché, quasi sempre, la vera risposta èperché la mia domanda è questa?
Certo, accettare questa prospettiva, ci porterebbe a intraprendere viaggi interiori complessi e intricanti che non si fermerebbero all'ambito intellettuale, ma si inoltrerebbero nel labirinto della personalità e delle nostre storie personali; ci costringerebbero ad attraversare le onde impetuose delle emozioni e dei ricordi; porterebbero in superficie, inconsapevoli ma determinanti presupposizioni di ogni genere, annodate in grovigli a volte inestricabili.
Certo, dovremmo accettare che, molte volte, anche se crediamo di avere la barra in mano, è qualcosaltro a manovrare il timone dei nostri percorsi intellettuali ed esistenziali. Certo, quei viaggi ci imporrebbero anche, talora, di intersecare le vite e le storie degli altri, lì dove le nostre relazioni con loro li fanno diventare parte di noi come noi di loro. Certo, saremmo forse anche catapultati, dal nostro angolo limitato, nell'avventurosa storia delle idee e delle credenze umane fino a renderci conto che "la sostanza prima dei nostri pensieri è una ricchissima informazione, raccolta, scambiata, accumulata e continuamente elaborata" (Carlo Rovelli).
Certo, un viaggio del genere, a partire da quella domanda, apparentemente semplice e banale, "perché la mia domanda è questa?", potrebbe farci scoprire, all'improvviso, come in un risveglio, che a fare la verità  del nostro dire e del nostro domandare, prima di qualsiasi scontata definizione, non è altro che la nostra esperienza ancora "non detta" (Lyotard). 
E allora? Non sarebbe, ugualmente, per chi non crede di aver finito di capire sé e gli altri, un affascinante, "necessario" esercizio?






Commenti

luigi vassallo ha detto…
Affascinante esercizio riconoscere che ognuno di noi è il prodotto della propria storia e provare a ricostruire la trama di questa storia.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere