Passa ai contenuti principali

"Quando il bambino era bambino....


...era l'epoca di queste domande: ...". Un'amica, secondo cui il mistero deve accompagnare sempre la vita dell'uomo, mi ha indotto a rileggere una poesia di Peter Handke, poeta e scrittore che amo molto. "Elogio dell'infanzia", da cui sono tratti i versi citati sopra, invita a contemplare l' "apertura", del bambino che ognuno di noi è stato, alla magia, al mistero, e a qualsiasi dimensione dell'esistenza, senza pretendere di dichiararne nessuna priva di senso.      
In realtà, penso sia capitato a tutti, non solo a genitori e maestri, di rimanere a bocca aperta di fronte a qualche "perché" dei bambini. Tuttavia pochi, immagino, pensano che in quei "perché", ripetuti a volte quasi ossessivamente, possa esserci una qualche lezione per noi adulti. Se c'è una logica, una logica vitale in quei "perché", quale potrebbe essere? Non penso, infatti, che i bambini abbiano in mente un fine preciso, quando continuano a chiedere: "perché?". Come, invece, succede quando, la stessa richiesta, viene fatta da noi adulti. I bambini non sanno se c'è una risposta alle loro domande, forse a loro non interessa neppure che ci sia. Probabilmente, il fare domande, è il loro modo di crescere. Di inseguire la vita. Essi crescono, grazie a quei "perché". Quei "perché" li lanciano oltre quello che sono adesso!

Noi adulti, invece, abbiamo perso la consapevolezza che la vita è, soprattutto, un "perché?". Non crediamo più che il domandare ci costituisca nel nostro essere vivi, umani e intelligenti. Abbiamo deciso che esistono ambiti riguardo ai quali, noi, gente moderna ed emancipata, non abbiamo più niente da chiederci. Pensiamo che occorra farsi domande solo quando presumiamo o "sospettiamo" che ci siano risposte.

Come scrive Jean-Luc Nancy, siamo talmente soggiogati dai limiti e dalle intimidazioni che il pensiero razionale si autoprescrive per affermare il suo carattere "adulto" e realistico, che abbiamo posto dei limiti assurdi a ciò che si "può" chiedere. Abbiamo tracciato dei confini tra ciò che è indagabile e ciò che non lo è.

Abbiamo assoggettato tutto il campo del sapere ai parametri dell'utile, del misurabile e del calcolabile, restringendo il sapere stesso a tal punto che, non solo abbiamo cancellato l'idea di un "fuori del mondo" (idea peraltro necessaria per Wittgenstein, e, in modalità diverse, anche per Nietzsche, Heidegger, Freud, Derrida), ma abbiamo anche dissolto la nozione di senso e oscurato la possibilità di percepire la "questione dell'altro" che, sia ben chiaro, non può essere soltanto l'alter, l'altro di due, ma anche l'alienus, l'allos, l'altro da tutti e perfino l'insensato (Nancy). Una vera "autointimidazione" che il pensiero "razionale" si impone e che, alla fine, diventa intollerabile per lo stesso esercizio della ragione.
 
Su questa strada ci siamo infine aggrovigliati anche in una paradossale polemica che oggi riguarda la stessa idea di "ricerca" scientifica. Un caso esemplare è rappresentato dalla contrapposizione tra "ricerca di base", che sarebbe inutile e alla quale si riducono al lumicino i fondi, anche da parte degli Stati, e la "ricerca applicata", essa sola necessaria, produttiva e conveniente. Ma il concetto di ricerca può davvero conoscere confini? La "ricerca" non dovrebbe essere aperta a tutto, a ciò che è nuovo, ma anche inaspettato, inesplorato, non inquadrato, fuori dai confini?
In realtà, la ricerca può essere solo "di base". Perché, quella "applicata" è un ossimoro: lì, a essere applicate, infatti, sono conoscenze che si hanno già (M. Dalmastro).
Da questo punto di vista, la ricerca di base è molto più vicina alla logica dei "perché" dei bambini: i "perché" che hanno senso anche indipendentemente dalle risposte, poiché senza di essi non si crescerebbe e non si vivrebbe.

È proprio vero, se cancellassimo dalla nostra vita le domande senza risposte...non saremmo più umani.
"La bêtise c'est conclure" (Flaubert).
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

.

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str