Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2015

"Quando il bambino era bambino....

... era l'epoca di queste domande: ...". Un'amica, secondo cui il mistero deve accompagnare sempre la vita dell'uomo, mi ha indotto a rileggere una poesia di Peter Handke , poeta e scrittore che amo molto. " Elogio dell'infanzia ", da cui sono tratti i versi citati sopra, invita a contemplare l' " apertura ", del bambino che ognuno di noi è stato, alla magia, al mistero , e a qualsiasi dimensione dell'esistenza, senza pretendere di dichiararne nessuna priva di senso.         In realt à , penso sia capitato a tutti, non solo a genitori e maestri, di rimanere a bocca aperta di fronte a qualche " perch é " dei bambini. Tuttavia pochi, immagino, pensano che in quei "perch é ", ripetuti a volte quasi ossessivamente, possa esserci una qualche lezione per noi adulti. Se c' è una logica, una logica vitale in quei "perch é ", quale potrebbe essere? Non penso, infatti, che i bambini abbiano in mente un