Passa ai contenuti principali

La vita è una ginnastica del desiderio


Sembra così semplice e ovvio oggi il linguaggio del desiderio! Eppure lesperienza lo smentisce continuamente, rivelandone le trappole, i vuoti, lambivalenza, gli inganni. La semplificazione attuale degli oggetti del desiderio e il marketing dellimmaginario hanno spostato il desiderare nel campo delle procedure, in vista di obiettivi facilmente individuabili.

In realtà, tutta la scena del desiderare ha a che fare piuttosto con la sfera dellincertezza. Desiderio, infatti, si riferisce a unassenza. Spesso a una perdita. E, comunque, a una mancanza. Perciò, anche, a un'attesa. È stato detto che la carenza di desideri è povertà, ma, a voler essere realistici, è proprio il desiderio a rivelare lessenziale mendicità della condizione umana.

Per indagare la natura del desiderio e la sua relazione con lesistenza umana, sarebbe più utile, quindi, non pensare il desiderio, prevalentemente, come un principio, o una energia, o un volere che spinge all'azione. Tuttavia, è proprio questa, la "lettura" che ci viene più naturale, oggi, nell'era dello scambio, del primato del mercato, del possesso, del consumo. Occorrerebbe invece lasciarsi guidare da altre possibili immagini, emergenti dal seno del linguaggio stesso. Per esempio, da quella etimologia del termine "de-siderare", (lat.: "de" privativo, e "sideribus", da "sidera" =stelle), che non parla tanto di "smettere di guardare le stelle per agire", secondo la lettura di alcuni interpreti, ma piuttosto intende il de-siderare, come la condizione di chi si trova nellimpossibilità di osservare e scrutare le stelle (con-siderare), scomparse in un cielo coperto o annebbiato. E allora il "desiderare" avrebbe il significato di accettare, nonostante tutto, di rimanere, intanto, mendicanti sotto quel cielo, nell'incertezza e nell'attesa che quel cielo notturno e quelle stelle, e questo tutto che ci circonda, si rivelino finalmente, a noi, come donatori di orientamento, di incontro, di sollievo e di senso. Se è così, si tratterebbe di vivere il nostro desiderare come accettazione grata della nostra condizione di nostalgia, di attesa e di ricerca ininterrotta. Il desiderio come carattere essenziale dellesistenza umana. Lindividuo umano come essere desiderante, proprio a partire dal suo limite fondamentale, dalla sua strutturale mancanza. Anche i singoli desideri emergono e acquistano significato nel contesto di questo desiderio di fondo, di questo desiderare che ci caratterizza e con il quale lessere umano tenta di trasformare la mancanza, lassenza, il rischio dellabisso (la morte), il vuoto in un pieno di essere.

Forse il desiderare umano e la vita dellluomo non sono altro, in sostanza, che questo. Questo disporsi all'accoglienza di ciò che, dall altro, dal cosmo, dai viventi e dagli altri umani, viene continuamente incontro alla nostra nostalgia, al nostro domandare spesso inespresso, e alla nostra attesa di essere, essere veramente.

Perciò, il desiderare umano, si manifesta, sì, nei singoli, quotidiani, desideri, ma non può essere ridotto alle strategie di conquista, alla brama di possesso, alla voglia di "afferrare" adesso, o all'anelito a "consumare". E' vero, il desiderio, nell'esperienza di tanti, consiste ne "i desideri", cioè il desiderio di qualcosa o di qualcuno, tuttavia è, sempre, inevitabilmente e nello stesso tempo, desiderio di qualcos'altro, rispetto all'oggetto desiderato (M. Marzano, La fine del desiderio, Mondadori). Non è forse vero anche questo? E allora, viene da pensare che non è tanto paradossale la constatazione secondo cui ci sono vite realizzate nonostante desideri irrealizzati, e vite irrealizzate nonostante i desideri realizzati (D. Bonhoeffer).

 

E se "il desiderio", essenzialmente, non fosse altro che il godere della condizione desiderante? Il prendere coscienza e godere della condizione di mancanza costitutiva di ogni vivente, perché essa è ciò che ci "pro-ietta", ci "pro-getta", ci rende creativi e, per questo, "vivi"? Avete mai pensato a quale sarebbe la vita umana, senza questo stato di mancanza?

E vero che, oggi, nel nostro contesto culturale, nella società dello scambio generalizzato, dove ci siamo autoconvinti che tutto si possa avere o comprare, sembriamo aver perso l'originaria attitudine umana ad accettare la condizione di "mancanza". È vero che ci siamo convinti di avere, sempre, tutto a disposizione. Ci siamo "programmati" a pensare il mondo, le persone, le cose, finanche Dio, sempre nella nostra disponibilità. Ma se, come ha scritto Luisa Muraro, fosse vero invece che, il desiderio [i desideri quotidiani] non ha lultima parola, non è lultima parola, perché dentro di sé trasporta il suo oltre, come dice la sua stessa illimitatezza? Se fosse vero che la cosa importante non è il desiderio di qualcosa, ma il rapporto e la trasformazione di sé che si opera per via del desiderio (Manuela Fraire)?

E allora, desiderare sarebbe anche, nello stesso tempo, la capacità - e il piacere - di "aspettare". "Aspettare"! Imparare ad aspettare. Una competenza, tipica dei viventi, che la velocità della vita attuale ci ha fatto smarrire. E che forse, ormai, solo i pochi contadini rimasti, addestrati a un rapporto più intimo con la natura, conservano ancora.

Ma anche qui, non si tratta solo di aspettare qualcosa o qualcuno in particolare, ma addestrarsi ad acquisire l'attitudine dell aspettare"! Saper aspettare, disarmati, e senza presunzione! Nello stesso modo in cui il desiderare non è solo bramare oggetti o persone particolari, non si identifica solo con i desideri, fugaci e vaghe epifanie de "il desiderio"; ma è ginnastica del desiderio", alla ricerca e nellattesa di un incontro-avvento dove lo slancio verso la vita e la promessa di vita coincidono (F. Cheng).

Ebbene, se la vita non fosse altro che allenarsi a questo? A questa "apertura" illimitata e quasi assoluta? E se noi, umani - e i viventi tutti - non fossimo altro che questo?

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str