Passa ai contenuti principali

Cambiare il mondo con i palloncini


Ci sono stati tempi in cui i "rivoluzionari" affascinavano, o erano guardati con sospetto e paura, oppure erano visti come degli idealisti o dei poveri illusi. Ma non rischiavano mai di annoiare, o di intristire, come tanti "nuovi rivoluzionari" di oggi. Il fatto è che, lo "spirito rivoluzionario", è stato sempre identificato sia con la capacità di immaginare e indicare la possibilità di un mondo diverso, sia con una maggiore acutezza nel "vedere" e riconoscere processi vitali e sociali di trasformazione "già" in atto, dal momento che, e i rivoluzionari di ogni tempo lo hanno sempre saputo, tutto si evolve e si trasforma continuamente davanti ai nostri occhi. Inoltre i rivoluzionari di ogni tempo, quelli, veramente, alla ricerca del cambiamento, erano consapevoli della necessità di cominciare a cambiare qualcosa, anche nella propria vita, per realizzarlo. Oggi, invece, nella nostra società avanzata, sembra diffondersi un altro tipo di lotta per il cambiamento.  Si tratta di una forma di lotta che, da un lato, si esprime attraverso modalità alterate della - pur necessaria - capacità critica, la quale tende a ridursi a una lamentela continua e improduttiva; dall'altro lato, questo nuovo tipo di azione rivoluzionaria spinge i più "militanti", gli osservatori attenti e gli "esperti", a ritenere loro compito essenziale, semplicemente, il sottolineare senza tregua i mali sociali, come se questi ultimi, in una società democratica, come quella occidentale, non fossero sempre davanti agli occhi di tutti.

La verità è che, a quanto pare, molti, oggi, ritengono di incarnare più potenzialità di lotta e maggiore spinta al cambiamento, se riescono a rappresentare come disperato e irrecuperabile lo stato presente delle cose, invece di indicare soluzioni possibili e iniziare cammini concreti di trasformazione. Fermarsi solo a dipingere tutto come il regno dell'iniquità senza speranza è troppo facile. Potrebbe forse aiutare alcuni ad assumere - e mantenere nella società dello spettacolo - un ruolo "profetico" di unici e più credibili salvatori; ma, in realtà, una situazione percepita come disperata, toglie speranza e desiderio di cambiamento, e spinge, piuttosto, alla rassegnazione e all'adattamento. Infatti, una situazione in cui tutto volgesse al peggio, che possibilità avrebbe di essere modificata, se non per una improbabile palingenesi o per un intervento "divino"? In fondo questi nuovi rivoluzionari, per i quali lobiettivo fondamentale è il cambiamento radicale, adesso e subito, non sono altro che i vecchi millenaristi religiosi di sempre, però con altre vesti!

In verità, in fatto di rivoluzioni e di trasformazioni sociali, preferisco attenermi all'idea che il vecchio Marx aveva dedotto sia dalla lezione di Hegel, sia da una chiara coscienza della storicità essenziale delle istituzioni e relazioni umane, sia, anche da una grande attenzione alle dinamiche dell'inarrestabile evoluzione umana, che il suo contemporaneo Darwin andava studiando e discutendo, non lontano da casa sua. Secondo quella idea, nessuna situazione può essere modificata o rivoluzionata se non esistono già, in quella stessa situazione, fattori "oggettivi" e "soggettivi", embrioni e forze del cambiamento. In altre parole, se il cambiamento non è, potenzialmente, già all'opera. La stessa consapevolezza, fondata, credo, su analoghe premesse culturali, ha spinto Edgar Morin ad affermare: "quando tutto deve ricominciare, allora tutto è già ricominciato".

Perciò, credo che l'abilità politica o rivoluzionaria stia, solo, nella "prontezza" e "acutezza" nel riconoscere quei fattori (oggettivi e soggettivi) e nella capacità di utilizzarli e organizzarli. Il che significa che, per rivoluzionari, progressisti, riformatori, radicali, degni di questo nome, per i veri politici o per chi davvero avverte la necessità del cambiamento, nessuna situazione può essere ritenuta disperata, cioè priva di fattori e dinamiche positive su cui è possibile, con pazienza e intelligenza - politiche! - far leva per cambiare lo stato delle cose esistenti.

E quindi, se proprio non riescono a individuare quei fattori e a immaginare la metodologia per "accompagnarli", i "radicali" ad ogni costo, i professionisti della rivoluzione e gli "esperti" del cambiamento, farebbero bene a cercarsi un altro mestiere. Potrebbero, per esempio, vendere palloncini: con quelli è così facile, solo con un piccolo spillo e un semplice gesto, far saltare tutto, in un attimo!

Commenti

luigi vassallo ha detto…
Sono d'accordo pienamente con te. Ho avuto modo di sperimentare più volte che molti dei sedicenti rivoluzionri sono solo dei ribelli, persone cioè alle quali non vanno bene le cose così come sono, ma che non sono in grado di immaginare o costruire vie d'uscita. Quella dei palloncini potrebbe essere per loro una buona occupazione.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere