Passa ai contenuti principali

Rovine, archeologi e l'arte del custodire

Ahimè, non dovremmo domandarci, una buona volta, come mai siamo così incuriositi, così rispettosi, così attenti a non fare danni, così carichi di domande e di attese, verso i ruderi e le rovine, verso le tracce delle devastazioni del tempo e della storia su edifici e monumenti, mentre, invece siamo tanto incapaci di com-prensione, di rispetto e di com-passione verso i segni e gli sfregi che le devastazioni della vita, i crolli etici e gli smottamenti della personalità, producono sui volti e sulla prassi degli umani?
Come mai siamo così impegnati a custodire ruderi e tracce materiali, spinti, da un lato, dalla riverenza per quello che fu e, dall'altro, dal desiderio e dalla speranza di poter immaginare virtuali ricostruzioni, mentre, di fronte ai frammenti o alle rovine di una vita umana, siamo talmente incapaci di "pietas", per cui, non solo, rifiutiamo l'idea di una ricostruzione e di un restauro di quella vita, ma, siamo anche divorati tutti, chi più chi meno, dal desiderio di cancellarne, addirittura, ogni traccia residua?
Siamo davvero così incapaci di compassione? Siamo talmente assuefatti al cinismo dei giochi del sei fuori! o a quei war games in cui tutto si risolve eliminando fisicamente, e facilmente, laltro? Siamo diventati davvero così ingenui?
A dire il vero, pare proprio che oggi, sia per leader politici che per persone comuni o per adolescenti apparentemente normali, l'aggressione superflua, il dileggio, il disprezzo e l'umiliazione dell'altro, perché "sfigurato", sia pure colpevolmente, o perché non sovrapponibile ai propri parametri, assumano, quasi, il ruolo di atti di emancipazione, di liberazione e, addirittura, di rigenerazione della società!
L'insulto e il disprezzo elevati - "motu proprio" da sedicenti guardiani di urgenti imperativi etici - al "rango" di rivoluzione?
Se così fosse questa nostra umanità non avrebbe molto futuro. Sicuramente non abbiamo bisogno di questo tipo di rivoluzione! Forse sarebbero più necessari, invece, tanti "apprendisti" archeologi, esperti, prima di tutto, nell'arte del "custodire" e dell'aver cura di ogni, sia pur minima o deturpata, traccia di esistenza umana, perché nulla vada perduto!
Ormai l'avremmo dovuto capire: nessuno, neppure se "incontaminato", si salva da solo, su questo piccolo pianeta!


Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str