Passa ai contenuti principali

"Prendi e leggi!"


"Che strani libri leggi!", commentò, molti anni fa, un mio amico, guardando i titoli di un paio di libri, sulla mia scrivania. Sul momento non feci molto caso a quel commento: in fondo si trattava di libri di saggistica (antropologia, epistemologia, storia delle mentalità) e io pensai che fosse la solita reazione che un lettore di narrativa ha nei confronti di testi di saggistica, ritenuti troppo astratti o addirittura "astrusi". Devo dire però che sono grato a quell'amico, perché quel suo commento mi è rimasto nella mente e ogni tanto si è rifatto vivo e mi ha costretto a pensare, e a chiedermi: ma, in realtà, cosa ci spinge a scegliere di leggere un libro più che un altro? Ovviamente, al di là delle scelte - quasi forzate - dovute a motivi professionali, scolastici, ecc.

Quando ci troviamo in una libreria o in una biblioteca, di fronte a titoli diversi, cosa ci spinge in un senso o nell'altro? Certo, peserà anche l'eco di un "battage" pubblicitario, o il consiglio di una persona autorevole o anche l'esperienza di un amico. A volte peserà anche il "fascino" di un titolo azzeccato o vagamente evocativo. Addirittura, giocherà senz'altro un suo ruolo anche l'aspetto visivo o tattile del libro, perché, in fondo, la lettura è anche un'esperienza "sensoriale", nonostante ciò che, di solito, si pensa! Ma, non credo che tutto ciò sia sufficiente a spiegare le nostre scelte. Perché capita spesso, che, una volta in libreria, nonostante la spinta del consiglio di un amico, o il fascino di una copertina, o il piacere di tenere nelle mani quel libro, o, magari, nonostante i propri interessi culturali, poi ne scegliamo un altro, che è lì a fianco o su un altro scaffale.

Io credo che con i libri, parlo di quelli scelti per il piacere - che, talora, è desiderio e "bisogno" - di leggere, capiti un po' come con l'amore: non siamo mai noi a sceglierlo, è lui che ci cerca, a volte ci trova disponibili, a volte no! E questo, a prescindere dal fatto che una storia d'amore possa andare bene o finire male. O, analogamente, a prescindere dal fatto che un libro ci penetri dentro con dolcezza e ci lasci soddisfatti o ci inquieti. Forse è vero che noi siamo come uno strumento musicale di cui nessuno si è servito, che ha emesso fino allora solo pochi suoni. A un tratto un artista se ne impossessa e lo fa vibrare. Facendo emergere emozioni, prima mute e inconsapevoli (F. Dolto). Quella vibrazione, che modifica anche le molecole dello strumento, a volte, può essere provocata anche dal primo contatto con un libro. Si innesca, in tal modo, un processo che non controlliamo, perché ci precede e viene da lontano, nel tempo e nello spazio, e coinvolge pensieri ma anche sensazioni, emozioni e sentimenti.

Si dice spesso, oggi, che avremmo bisogno di leggere di più, che avremmo bisogno dei libri. ma, come dice George Steiner, anche i libri - cioè correnti e onde di pensieri, emozioni, sentimenti e aspirazioni che, proprio attraverso i libri, percorrono il fiume della storia umana - hanno bisogno di noi! Ci sono libri che ci inseguono nelle varie fasi della vita, ci inseguono, ci aspettano. Aspettano noi lettori. Sono testi e parole che cercano anime e corpi in cui incarnarsi. Anime e corpi da portare al di là del loro limite spaziale e temporale. Perché solo così essi, i libri, possono vivere, facendo emergere e trasportando pensieri e sentimenti che, a loro volta, ne risvegliano altri, verso una connessione interminabile, universale e fantastica.

Beh, forse, quando scegliamo un libro, e crediamo di essere noi a sceglierlo, in realtà, è il libro che ha finalmente trovato chi gli consentirà di andare oltre se stesso, portando con se anche il suo lettore, per continuare così l'avventura umana, anche per questa strada, la strada delle parole che si fanno carne e vita.

Anche così diventiamo costruttori di umanità!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str