Passa ai contenuti principali

Se il cielo tocca la terra...


Chissà se alcuni di voi hanno mai fatto la mia stessa esperienza. Certo non in Italia. Perché i limiti e la configurazione del nostro paesaggio non ne offrirebbe l'occasione. A me è capitato, una volta, in Brasile. In un'area non distante dal centro geodesico dell'America del Sud. Quando mi sono trovato, all'improvviso, davanti a una pianura sconfinata. Senza montagne, né colline, né foreste, né costruzioni di sorta che potessero costituire un ostacolo per lo sguardo. Era una visione dove l'occhio si perdeva, era "libero" di perdersi, senza nessun limite all'orizzonte, direi quasi senza nessun orizzonte. C'era solo "qualcosa", come due piani indefiniti, il cielo e la terra, che, paralleli, senza incontrarsi mai, sembravano quasi correre verso qualche punto dove fosse possibile lambirsi e baciarsi, per qualche attimo soltanto.

Per me era nuovo, suggestivo e bello, lasciare lo sguardo libero di vagare, senza ostacoli e predeterminazioni, in quell'illimitato, in quell'infinito. Un'esperienza che mi ha colpito molto e... segnato!

Sembrava che mi fosse donata la possibilità di fare una sorta di esperienza dell'infinito. E non tanto concettualmente, ma attraverso qualcosa di molto "povero", feriale e terreno, come una semplice, sconfinata, spianata d'erba! Era come scoprire un nuovo, e necessario, presupposto per l'esperienza della conoscenza in generale. Ero indotto e, quasi, costretto a un inedito approccio alla realtà, alle cose, all'esistenza. Pensavo a tutte quelle volte in cui la tendenza - che pure appare così "naturale" - a concentrare l'attenzione sui "dettagli" che occupano il nostro orizzonte più vicino, ci impedisce la visione di altri "dettagli", meno evidenti ma forse decisivi. Mi sembrava, così, di mettere a nudo il limite di ogni frettolosa pretesa umana di costringere, realtà ed esperienze, in narrazioni ben congegnate, dove la ricerca di "coerenza", nella narrazione, declassa a "scarti" i molti e diversi aspetti dell'esperienza, così come le cose e le persone, con un evidente "spreco", inaccettabile, di intelligenza, di esperienze, di possibilità, di prospettive! Mi sembrava che la diffusa esigenza di forzare sotto "titoli" o definizioni precise, il rincorrersi di fatti e vicende umane, fosse il modo peggiore di conoscere e rappresentare la vita.

E se, accogliendo l'infinità come orizzonte possibile della vita umana, difronte alla sconfinata varietà e mutevolezza di toni, colori e prospettive dell'esperienza, tentassimo, noi, di rincorrere, a nostra volta, senza pretese, la realtà nelle sue sfuggevoli diramazioni e trasformazioni, accontentandoci di costruire solo brevi e provvisori "resoconti", invece di lasciarci ossessionare dalla presunzione di produrre racconti" ampi e ordinati?

La mania del filo del racconto! La mania della coerenza nel raccontare storie: imponendo, a se stessi, di ordinare, sempre, i frammenti e i dettagli, delle tante storie", in una organica, grande "storia", producendo, però, in tal modo, sempre più, rifiuti e "scarti"!

Ma esiste un'unica storia raccontabile o non, invece, solo, innumerevoli storie, come gli infiniti e non riducibili volti umani? Abbiamo proprio bisogno di una "trama" chiara, di imprigionare, sempre, le vite e le storie in maglie strette e unificanti?

Non potremmo invece accontentarci solo di accogliere, e praticare il gioco del "tradurre" le storie nel linguaggio delle altre, pure se questo è sempre un po' anche un "tradirle"? Ma non è solo in questo modo che la "traduzione" diventa anche possibilità di "tradizione"? Non sarebbe bello, perciò, imparare a rispettare ogni singolo "resoconto" e tutti i piccoli racconti della vita, pure quando talora non sembrano avere una trama chiara, senza imporre loro "titoli", ma "contemplando" semplicemente il loro variegato, ininterrotto e mai completamente afferrabile "danzare", in cui, pare, prenda corpo e si riveli, a noi umani, una qualche forma d'infinito?

 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere