Passa ai contenuti principali

Il "grado zero" dell'etica


No, non vi aspettate la solita lamentosa litania sui misfatti di pubblici corruttori, truffatori o ladri, che sembra, ormai, non solo il prevalente oggetto di consumo culturale, ma l'unica forma espressiva negli incontri umani, dai dibattiti (?) televisivi ai discorsi di circostanza: anche quelli pronunciati, spesso con sussiego, nei saloni dei barbieri, davanti ai bar, nei supermercati, alle feste, nei treni o ai pranzi familiari. E, ahimè, come diventano poveri e miseri quei nostri quotidiani incontri umani, che pure dovrebbero dare sapore alle nostre giornate: e invece, ormai, sai già di cosa ti parlerà la prima persona che incontrerai, la mattina!

No, non abbiamo davvero bisogno di altra gente che stia a lamentarsi continuamente di come vanno le cose, ad inveire o censurare tutto e tutti. Piuttosto, avremmo soltanto bisogno di chi, con analisi non affrettate, ci aiutasse a capire quello che succede, e perché! E, soprattutto, qual è il ruolo che spetta a ognuno di noi.

Il grado zero dell'etica, di cui si parla qui, non è il prodotto dei fenomeni descritti da quelle stanche litanie, ma ha a che fare con qualcosa di molto più profondo e preoccupante! Infatti, la sensibilità etica non viene azzerata prevalentemente da quei comportamenti aberranti. Non lo è mai stata, in passato. La questione vera è un'altra. Il rischio del grado zero riguarda ogni cittadino, ognuno di noi.

Il grado zero dell'etica è, in realtà, il vero rischio di oggi: nell'età della comunicazione e dello spettacolo. Poiché, in tutti i discorsi - che, in un modo o nell'altro, tutti fanno sull'etica, - si fa strada, in modo palese, uno spostamento del potere dalla parte del "significante", che appare sempre più un segno "vuoto", senza connessione con un "significato" sostanziale e condiviso. Insomma, il rischio è che la parola "etica" diventi solo un "simbolo", qualcosa che sta per qualcos'altro, che non si sa bene cosa sia di preciso, e che, anzi, sembra anche poco importante. In questo caso, l'etica diventa solo una specie di bandiera, o come le "magliette" indossate dai giocatori di una squadra o dai tifosi, il cui scopo non è quello di significare qualcosa, ma solo quello di distinguersi da altri tifosi o dai giocatori di un'altra squadra. Come accade nella lingua e nel discorso, in cui il ruolo del "significante" è puramente formale o strutturale. Insomma, l'etica semplice "significante", semplice medium, senza più contenuto, come una mazza o una lancia, brandite in virtuali battaglie umane, come nei giochi di ruolo: il grado zero dell'etica.
Il rischio è che, alla fine, non resti che stare lì a guardarla, ormai inservibile - l'etica - mentre, rammaricati, come il vecchio e saggio Simonide, dovremo constatare:

"Vecchia oramai la punta di bronzo,
sei tutta consunta,
troppo brandita in rovinose guerre". 

Diagnosi esagerata? Ma, allora, come è possibile che tante battaglie etiche, infuocate, indignate e urlate, nel foro pubblico, possano stare insieme, nel privato di molti di noi "combattenti", con un sottofondo silente costituito, non solo, dalle solite raccomandazioni a proprio favore e dalle gomitate a spese degli altri, ma anche da una dilagante indifferenza verso l'estraneo, dall'assopimento nel proprio benessere e dalla tutela del profitto, a garanzia dei quali si invoca ossessivamente lordine?

Le continue, incessanti e popolari battaglie etiche spingerebbero a pensare che ci stiamo avviando verso una società che, tutta, ha finalmente a cuore i valori umani più elevati! E allora, come è possibile che queste battaglie per l'etica - degli altri! - riescano a convivere con il tacito disprezzo della vita, lì dove essa è più fragile e in pericolo e ha bisogno di cura, di solidarietà e di giustizia? Come è possibile che le proteste etiche si sposino con la logica dell'egocentrismo e della spietatezza che, radicati nel dispositivo dell'attuale economia globalizzata, sembrano occupare, silenziosi e inavvertiti, il pensiero e il sentimento quotidiani di sempre più persone?

Come è possibile se non ipotizzando che "etica" stia diventando solo un "significante" vuoto, nel mercato dei segni?

Commenti

Pina-Antigone ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str