Passa ai contenuti principali

Il sapore della vita


Con le cose, e con il vivere di ogni giorno, capita come con gli amori. Sempre alla ricerca di "amori speciali", ma incapaci di accorgerci del volto quotidiano dell'amore, quello che sta lì a guardarci, quello che ci attende, ci chiama, ci interpella, ci invoca, ci chiede di metterci in cammino con lui, di provare a liberare le emozioni senza costringerle in scontati schemi simbolici. Lo stesso accade con tutto ciò (cose, eventi) che accompagna il nostro abitare il mondo. Poi succede che, all'improvviso, qualcosa, "a cominciare dalle cose più piccole e quotidiane" (Nietzsche), conquisti, per casuali o inspiegabili motivi, la scena del nostro vivere, e allora ci pare di assistere a una scoperta impensabile...quasi a un "miracolo"!

Vi è mai capitato? Succede! Succede che d'un tratto qualcosa che ci è familiare, troppo familiare, banalmente familiare, acquisti esistenza e visibilità. E riesca ad offrirci addirittura ragioni impensate e insostituibili del suo "esserci"!  E ci sembra di riscoprire la vita!  E allora ecco il “miracolo” che modifica il nostro sguardo e il nostro "sentire"!

Succede! E succede anche lì dove parrebbe impensabile! Io mi spiego, così, anche quello che sta accadendo con questo "nuovo" papa Francesco. Sta accadendo soprattutto ai cattolici praticanti, ma non solo. Attraverso questo papa sembra esprimersi una sorta di "lingua materna": egli sembra parlare il linguaggio delle cose, quello che tutti possono intendere. Anzi sembra parlare delle "cose" di tutti i giorni. Sembra, per questo, un papa "nuovo", diverso. Ma non lo è, anzi, non lo dovrebbe essere! 

E qui è il punto! Come mai? Perché solo adesso? Cosa era successo ai cristiani finora?

Di cosa parlavano? A chi? Con quali parole? A quali luoghi e compiti ritenuti "sublimi" erano prevalentemente intenti? E, se c’era, dov'era per loro, finora, il "sapore" della vita?

Che ne avevano fatto di un messaggio che aveva avuto a che fare, fin dalle sue origini palestinesi, essenzialmente con il senso delle cose e della vita di ogni giorno: con la terra, "questa" terra, con il lago, le colline, il pane, il vino, l'acqua, il sudore dei contadini, l’arroganza e la presunzione dei potenti, l'ansia per un figlio perduto, la gioia per una pesca abbondante, la felicità di una scoperta imprevista, il piacere di condividere la mensa con gli amici, il calore di una festa di paese, la gelida solitudine dell’esclusione, l’incolmabile vuoto di un lutto, il miracolo umano di potersi sempre rialzare per riprendere il cammino, l'umile erba e i colori dei fiori dei campi, il sole di tutti, le tempeste e la possibilità di immaginare una nuova vita?

Commenti

pina imperato ha detto…
Εὐχαρίστως (eucharìstos), grazie!
Torniamo alla lingua materna, a Χάρις (Chàris)! È quasi un soffio “Chàris”! Suona come un sospiro profondo. Arriva all’anima in virtù dell’aspirata “chi” e dell’ “alfa” che la accompagna. “Chàris” come “Grazia”, “Bellezza”, “Rispetto”, “Dono di Ringraziamento”. “Chàris”, la parola che sfiora teneramente le cose vere del mondo

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str