Passa ai contenuti principali

Lo strano caso della “RETE”


Forse tutto accade perché siamo ancora ai primi passi, su questo “nuovo pianeta”, che abbiamo, da poco, scoperto, e di fronte al quale siamo ancora disorientati. Forse non siamo ancora attrezzati adeguatamente, per percorrere i primi, impervi, sentieri del nuovo e sconosciuto mondo della RETE.
O, addirittura, stiamo replicando la presunzione e l’arroganza di quel manipolo di rozzi conquistatori, che, cinquecento anni fa, “spianarono” le terre americane, il “nuovo mondo” di allora, misconoscendo e distruggendo novità, diversità, culture, popoli e persone! Tanto, ormai, siamo tutti convinti che non ci crei nessun problema ignorare la storia, pure se ciò ci condanna a ripeterla in modo banale! Mentre, in realtà, solo la consapevolezza della storia renderebbe, anche nel nostro caso, umili e aperti al nuovo e all’improbabile.
Forse occorrerà del tempo, come è accaduto a quegli altri, per imparare finalmente a riconoscere valori, prospettive, orizzonti, stili di vita e atteggiamenti nuovi, impliciti in questo  “nuovo mondo” della rete.
A me pare, infatti, che appartenga alla logica stessa della “rete” – direi alla stessa conformazione fisica di questo nuovo “ambiente” -  la possibilità, l’opportunità e la “necessità”, dello scambio “alla pari”, del dialogo continuo, dell’ascolto, per la ricerca e la scoperta di sempre nuove prospettive sul reale.
A me pare che non si debba perdere questa opportunità, e non si debba guardare a questo nuovo “medium” solo come a un megafono o una “vetrina” o un “mezzo di comunicazione” più potente, o magari un nuovo giocattolo con cui caracollarsi attraverso il tempo e lo spazio.
A me pare che, come ha scritto D. De Kerckhove, noi ci stiamo addentrando in un nuovo “ambiente” formativo, in un nuovo “brainframe”, una nuova cornice per il nostro cervello, che ci costringerà a porci diversamente di fronte alla conoscenza, in una logica di globalità, di interconnessione e sperimentazione permanenti. Con potenzialità nuove nell’impostazione e nella soluzione dei nostri problemi.
Insomma, a me pare che abitare la rete dovrebbe educare a uno “stile” diverso, direi quasi a una specifica etica: all’apertura, all’ascolto, alla ricerca comune, all’incrociarsi delle voci e dei volti, quasi ad esaltare il “mistero” dell’incontro: ciò che non è mai stato possibile, prima d’ora, in questa misura.
Non è il caso di servirsi della rete per moltiplicare le “cattedre”, ma piuttosto per diventare tutti discenti e interessati a scoprire i mille volti e i mille “giochi” del reale.
E invece assistiamo ad un proliferare di “oracoli”, di maestri titolati o improvvisati, di profeti e chiaroveggenti, di “giudici supremi”, di spavaldi detentori e noiosi dispensatori di verità, i quali – siano essi politici, uomini di cultura, giornalisti, imprenditori, esperti a vario titolo, credenti o religiosi, neofiti della rete, o semplice amici che parlano ad altri amici – ogni volta che dicono qualcosa, pretendono di enunciare, tutti, verità assolute e definitive, su ogni genere di questioni, dalle più banali e quotidiane a quelle più impegnative o serie.
Ma come è possibile? Si è lottato tanto per rifiutare o ridimensionare autorità, padri, maestri, certezze e poi ci ritroviamo tutti teorici di un “pensiero unico”, tutti certi del valore indiscusso di un’unica visione o interpretazione: la propria! Nel tempo dell’indeterminazione, della rivoluzione epistemologica e del rifiuto dei dogmi, si può essere tutti “dogmatici” e convinti che possa esistere una sola lettura del reale? Tutti incapaci di comprendere che i “concetti” non sono - mai - la “realtà”, le “parole” non sono – mai - le “cose”?
A proposito di parole, alcune come “forse”, “a me sembra”, “io suppongo”, “credo”, “non ne sono sicuro”, “tu che ne pensi?”, “potrebbe essere”, “verifichiamo”,…ecc., sembrano scomparse dalla comunicazione e dal dibattito, non solo sulla rete, ovviamente.
Vogliamo cominciare a riutilizzarle?
La rete, per sua stessa natura, può essere scuola di un sapere nuovo, sempre in progress: un sapere descrivibile dalla metafora della “rete”, appunto, e non da quella dell’”edificio”; un sapere che ci parla della realtà come una rete di rapporti, in cui, anche le nostre descrizioni formano una rete interconnessa e dinamica, fatta di conoscenze limitate e approssimate, sempre rivedibili. Questo tipo di sapere esige un diverso approccio alle questioni e un metodo nuovo, oltre a una nuova etica, forse.
Quanti anni dovranno passare prima che impariamo a leggere in questo nuovo “sillabario” e a scrivere correttamente in questa nuova lingua?
 
 
 

Commenti

pina imperato ha detto…
Lo ammetto, dopo aver letto il post, mi sono affrettata all'autoanalisi e poi sono corsa a rivedere qualche nota recente :). Ebbene, con sollievo :) vi ho trovato diverse parole di quelle auspicate. Ma il ritmo di quegli scritti non è dei più pacati. Tradisce passione...assertiva. Credo che ci sia questo, tutto sommato, nelle espressioni che circolano in RETE, una gran voglia di esserci e di contare. Ma, non mi sembra che sia escluso il desiderio di confrontarsi. E, forse, è proprio questo desiderio il vascello che trasporta i cybernauti. Da poco mi è capitato di parlare coi giovani del Simposio della polis arcaica, il banchetto in cui Alceo invitava i convitati ad inebriarsi, dopo aver discusso appassionatamente delle questioni che stavano loro a cuore. Ecco, mi pace pensare alla RETE come ad un simposio ecumenico.
E poi, quid est veritas? Est vir qui adest. E quindi, auspichiamoci la presenza polifonica di tutti! Un barlume di verità, forse, finirà col risplendere tra le maglie della RETE.
Pino Mario De Stefano ha detto…
"passione assertiva" purtroppo era anche quella di coloro che erano disposti a bruciare le persone...magari a fin di bene, dal loro punto di vista....quella passione però tradisce la confusione tra "concetti" e "realtà" e la pretesa di possedere la vera versione del reale....forse l'unica passione coerente con la logica della rete è la passione per la ricerca continua...le asserzioni appartengono al mondo della logica e della matematica...nel mondo dei fatti sono possibili solo interpretazioni sempre rivedibili: e l'interconnessione dovrebbe lentamente abituarci a questo tipo di consapevolezza...forse.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere