Passa ai contenuti principali

Il posto vuoto


“Ci sono tempi nei quali pensare che esista qualcos’altro o che la realtà possa anche essere diversa da quella che al momento ci si offre come unica può essere il solo conforto possibile” (W. Schmid).

Quello che stiamo vivendo adesso è proprio uno di quei momenti? Certo, oggi un qualche bisogno di conforto sembra evidente, per molte ragioni. Ma, forse, avremmo bisogno di introdurre quella modalità di pensiero in ogni fase della nostra vita. E non pretendere di occupare tutte le caselle, in ogni possibile rappresentazione del mondo e della realtà.

Allenarsi a lasciare, invece, sempre, un “posto vuoto”, una porta aperta, si potrebbe dire, senza la quale siamo destinati a sentirci “incartati”, in forme di esistenza che non appaiono sempre splendide! In effetti, se fossimo capaci di andare oltre l’apparenza, l’ovvio e lo scontato, forse riusciremmo già a “sentire”, o a pensare almeno, che esiste qualcos’altro, al di là di ciò che riusciamo, in certi momenti, a vedere o ad immaginare.

E lasciamo perdere quei presunti “soloni” - dell’informazione, della cultura, della politica, ecc. - che “pontificano”, con la pretesa di rappresentare lo stato delle cose e i destini delle comunità, e ripropongono testardamente le loro elucubrazioni, noncuranti del fatto che la storia le smentisca continuamente. Sarebbe un bell’esercizio di ecologia della mente, non perdere di vista che tutte le analisi e le conoscenze, proposte come rigorose e oggettive, sono solo interpretazioni e non descrizioni della complessa realtà. Si può sempre pensare che esista qualcos’altro, appunto!

Ci sono più cose in cielo e in terra di quante i nostri modelli concettuali, costruiti dall’uomo sulla base del già sperimentato e del già dato, riescano a rendere visibili. Quante dimensioni dell’esistere, quante connessioni possibili rimangono nell’ombra e nell’impensato! C’è sempre qualcosa d’altro che la nostra conoscenza, anche quella più “scientifica” o consolidata, lascia fuori. Spesso per la pigra abitudine a voler far “quadrare” i fatti negli schemi di racconti già sentiti.

C’è sempre qualcos’altro in una relazione, per esempio, o nella vicenda di un amore, che può permettere di pensare e narrare diversamente esperienze e storie. E non è raro che qualcosa di inaspettato, talora, appaia e cambi la vita.

C’è sempre qualcos’altro, oltre le asserite evidenze, forzatamente univoche, anche nella convivenza sociale o nelle dinamiche politiche, che può rendere possibile immaginare e inventare un cammino comune verso un’altra polis.

C’è sempre qualcos’altro anche negli orizzonti di futuro, su cui siamo fissati e che continuiamo a proiettare come vecchi film, nei quali non riusciamo a cogliere quei dettagli, che spesso irrompono, inattesi, a cambiare la scena.

C’è sempre qualcos’altro anche nel nostro sé interiore, o nelle dimensioni molteplici della nostra anima, - i cui confini, diceva il filosofo, non si possono mai raggiungere completamente. Anche il racconto di una vita a brandelli lascia sempre fuori qualcos’altro, che un nuovo e diverso modo di raccontare potrebbe far emergere e rendere fecondo.

È noto che i bambini chiedono che venga loro narrata, anche decine di volte, la stessa storia, e sembra che lo facciano solo per il piacere della narrazione e dell’ascolto. Ma forse non è proprio così. Infatti, ricordo che, bambino di 5 o 6 anni, anche a me piaceva sentirmi ri-narrare vecchie storie già sentite e conosciute. Ma rammento anche, molto bene, che, ogni volta, speravo o attendevo che, durante il racconto, apparissero fatti nuovi, oppure eventi inaspettati, che portassero, magari, a un’altra conclusione!

Solo ingenuità infantile o piuttosto quel necessario impulso vitale, umano, ma più forte e impellente nei bambini, a non considerare nessuna conoscenza – nessuna ricostruzione - come esaustiva, e a tentare di sfuggire dalla rete di modelli standardizzati, che presumono, inutilmente, di imprigionare la realtà, la quale rimane sempre più ampia della conoscenza che se ne può avere?

Commenti

pina imperato ha detto…
Il “posto vuoto” è lo spazio dell'attesa inconcludente.

Non recidere il filo della trama!
Inconcluso lascia il disegno!

Non ostinarti ad aggiungere tessere
al mosaico! storie più belle
attendono i vuoti interstizi.

Incantevole è l'opera abbozzata!

L'incompiuto non finito sporge
sull'abisso
dell'abbandono.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere