Passa ai contenuti principali

La manutenzione dell’amore


Una volta, una mia amica, lucida e pragmatica - come dicono si debba essere di questi tempi! – mi ha detto che sta a ognuno di noi far vivere e crescere l'amore. Avevo quasi l’impressione che lei considerasse l'amore un ambito soggetto alla nostra capacità di controllo e pianificazione, come se anche l’amore rientrasse nella nostra disponibilità, come tanti altri aspetti della vita e del mondo. Ma è davvero questa la nostra condizione?
Ebbene, anche se devo confessare che gran parte di quello che so sulle relazioni umane l'ho imparato dalle donne, quella volta si è formata in me una sorta di barriera cognitiva che mi impediva qualunque disponibilità all'apprendimento. C’era qualcosa che per  me non andava in quell’idea.
Infatti, anche se oggi siamo così immersi nella realtà virtuale, nella "fiction", da pensare che tutto sia possibile e realizzabile; e anche se, resi maghi dall' "on demand", possiamo inventare il nostro personale "palinsesto" virtuale; non mi pare che possiamo, per questo, smettere di distinguere ciò che è possibile mediaticamente da quello che è indisponibile nella vita!
È proprio vero che la “società dello spettacolo” ci ha trasformati in bambini, convinti della propria "onnipotenza" e della infallibilità del proprio desiderio! E’ vero che  l'uomo  fa la storia, ma sarebbe bene non rendersi ridicoli, scriveva Nietzsche, immaginandosi al posto degli antichi dei. Sarebbe bene imparare a riconoscere il carattere opaco e per nulla programmabile di molti aspetti della realtà e dell’esistenza umana! E l'amore è senz’altro il primo di questi.
Certo, se per amore s’intende il "voler bene",  volere il bene degli altri, si può parlare di qualcosa che forse può essere, in parte, frutto della nostra volontà o disposizione d'animo. Certo, se ci si riferisce all'attrazione, alla passione o alla stima, si può pensare che si tratti di cose che possono crescere come anche diminuire. Certo, se ci si riferisce a una "relazione", si può immaginare che si possa fare qualcosa per salvaguardarla o ridurne l’instabilità. E così via. In queste e in altre esperienze, come gli affetti e l'amicizia, sono possibili livelli o sfumature, ma, anche se si accompagnano di solito alle relazioni d’amore, queste esperienze sono altra cosa rispetto all'amore. Tanto è vero che potrebbero esserci, anche se non ci fosse amore. E spesso succede: come quando l'amore è, o diventa, solo attrazione, "relazione", convivenza, tenera amicizia, ecc.
Tuttavia, se parliamo di amore, cioè quel complesso di emozioni sentimenti e anche pensieri per cui l'altra/o diventa qualcosa senza la quale la pienezza della propria vita sembra non poter esser pensata, allora siamo difronte a qualcosa d’indisponibile e di non pianificabile. Perché abbiamo a che fare con qualcosa che “capita”, con un accadere, un “evento”. Qualcosa che o c’è o non c’è. Qualcosa che non può né aumentare né diminuire. Questo è il motivo per cui "ti amo" non tollera avverbi (P. Bruckner). Né "un pò", né "molto"; né "di meno" né "di piú". Il "ti amo" è un assoluto che non può essere misurato, non può essere accresciuto o diminuito. Un amore che potesse essere misurato, quantificato, sarebbe anche intercambiabile. E quindi non sarebbe amore. Perciò nella frase "ti amo" c'è tutto, anche se il senso di quelle parole è sempre al di là di tutto quello che si possa dire. Perché l'amore è sempre qualcosa che riceviamo, e riceviamo da altrove, dall'altro, anche quando siamo noi a donarlo (J-L. Nancy).
Per questo abbiamo poco da “fare”: riguardo all'amore non è possibile nessuna "manutenzione"! Se non,  forse, relativamente ai “contorni”.
Come dell'amore non è pianificabile una manutenzione, così non è possibile cercarlo o tentare di "provocarlo" o di crearne le condizioni. Riguardo all'amore l’unico atteggiamento è la capacità di attendere. Così come, scriveva O.Wilde, esso ci attende, o ci ha atteso, forse in un crocicchio, a una svolta della nostra vita o in un luogo e momento inimmaginabili.
Perciò l'amore non è mai qualcosa che si "ha" o si "possiede", come tendiamo a pensare con la nostra mente deformata dal primato dell'utile. Casomai è lui che ci possiede, anche se non ci assicura mai di niente! Infatti, l'amore è un dio, dicevano gli antichi -  lo dicono anche le scritture cristiane che Dio è amore - ma è un dio strano, perché è segnato sempre da “mancanza”. Come diceva Socrate - glielo aveva insegnato una donna, Diotima - e come dice anche il racconto cristiano che narra di un Dio-amore che si svuota
L'amore è perciò sempre un "dio che viene", ma un dio privo di potenza (C.Bobin), come un mendicante, come un ladro nella notte, che "ruba la vita di chi ama" (M. Bettetini), come il vento che soffia dove vuole.
E allora, chi può pretendere di pianificarlo o di farne la manutenzione? Si può solo attenderlo, sperando di riconoscerlo!


Commenti

pina imperato ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str