Passa ai contenuti principali

Considerazioni inattuali


Vi siete mai sorpresi a pensare a quello che ci viene tolto ogni volta che l’informazione o il dibattito pubblico vengono ridotti alla minuziosa e ossessiva narrazione dei tanti monotoni fenomeni di malcostume, di corruzione, di indegnità di politici o amministratori vari? Ogni volta che l’attenzione e l’interesse di tutti vengono requisiti in tal modo?
Certo, quei fatti non possono passare sotto silenzio e devono essere gridati dai tetti! Certo, occorre sanzionare pubblicamente comportamenti inaccettabili di uomini di potere, cui abbiamo – abbiamo! - affidato la guida della cosa pubblica. Certo, occorre alzare barriere immunitarie contro patologie della convivenza sociale. Certo, occorre fare argine, tutti, insieme, contro comportamenti arroganti, esibiti, senza vergogna, alla luce del sole. Ma, - giacché, fenomeni simili, si possono osservare, se si vuole, anche solo alzando gli occhi intorno a noi, o tra di noi! - è proprio necessario, e utile, ridurre la comunicazione pubblica e la conversazione collettiva alla descrizione dettagliata di corna, banchetti, orge, truffe, malversazioni e ruberie di questi personaggi di terz’ordine? Alla fine, questi ultimi ne escono quasi come novelli protagonisti di romanzi, con la loro piccola dose di “gloria”, comunque guadagnata e qualunque sia il suo tanfo! Tanto, oggi ci sono venditori e compratori di ogni genere di merce! Dunque, è proprio necessario che pagine di giornali, spettacoli televisivi, siti internet, blog , e altre forme di comunicazione, virtuale o meno, si debbano trasformare in chiacchiericcio di comari in un cortile d’estate? Pronti ad assumere come unico oggetto d’interesse, e di analisi approfondite, l’ultimo “caso” “offerto”, - chissà da chi e perché - come un osso per cani famelici?
È proprio necessario essere in sintonia con l’attualità fino a questo punto? E poi…cos’è veramente attuale? Purtroppo oggi non è più vero, come pensava Hegel, che per conoscere il proprio tempo basta leggere i giornali! E allora, è davvero utile e produttivo piegare la propria attenzione, la propria mente, la propria energia spirituale e intellettuale, la propria “indignazione”, a questo genere di vicende? Non è più utile domandarsi cosa si “perde” in questo modo? Di cosa ci privano? Di cosa siamo derubati? Cosa ci viene tolto? Che cosa conviene cercare e sapere?
Lo scrittore Saviano ha detto, recentemente, che questo primato, offerto ai vari scandali, serve a far passare in secondo piano le attività e le strategie mafiose che intersecano la nostra vita e la nostra società. Ed è vero! Ma, non è altrettanto vero che, in questa forma di sport nazionale, per cui tutti gli italiani si affannano intorno all’ultima vicenda scandalistica, proposta dai media, come l’unico argomento di cui discutere dovunque, si compiono un livellamento “in basso” dei cittadini e un degrado della comunicazione collettiva? Non è forse vero che così viene tolto spazio ad altre dimensioni, ad altre notizie, ad altre urgenze e ad altri bisogni umani? Non è forse vero che l’allenamento a discutere solo di queste vicende impoverisce la conoscenza, la dialettica, le relazioni, il dialogo, le emozioni? È come se tutti si addestrassero, a scuola, soltanto a disegnare le “asticelle” o a scrivere le lettere dell’alfabeto! Dov’è lo spazio o la concentrazione - o il silenzio! -  per “altro”? Per un altro “sentire”, un altro “desiderare”, un altro “volere”, un altro “sguardo”! Come si fa a uscire dalla “stupidità” dei nudi, e seducenti, fatti? Come si può sfuggire dall'essere solo casse di risonanza telecomandate?
Come si può evitare l’appiattimento delle personalità e della capacità di creare, di indagare, di ricercare, di domandare, di immaginare, di ascoltare, di progettare una vita? Come si può impedire che la cultura diventi mera opinione pubblica? Come si può preservare la propria abilità a porre questioni di senso del vivere individuale o dei fini di una convivenza?
Troppo inattuale tutto ciò?


Commenti

luigi vassallo ha detto…
Nel film "La scuola", in un drammatico e comico scrutinio finale, il professore di lettere (impersonato da Silvio Orlando) chiede al preside "Ha presente La Metamorfosi di Kafka?" e il preside, credendo che si tratti di un film, risponde "Non l'ho visto". Ecco, quelli che ancora sono capaci di pensiero critico dovrebbero rispondere con una disarmante e straniante affermazione del genere di fronte al diluvio di scandali spacciati come notizie del giorno.
Anonimo ha detto…
“CERVELLO INGOLFATO”
Se il nostro cervello è il motore del nostro agire, alimentato dalle informazioni, in senso lato, che lo alimentano dall’esterno, l’eccesso di queste informazioni possono “ingolfarlo” e renderlo incapace di “guidarci” armoniosamente nello scegliere nella vita.
L’eccesso si ha ogni qual volta si susseguono “notizie” senza tregua; senza permettere al nostro cervello di elaborarle per poi trasformarle in sapere liberamente acquisito ed immagazzinato per utilizzarlo nelle scelte future.
Il bombardamento (voluto ?) quotidiano di notizie (le più varie) fanno sì che le Persone non debbano pensare, nel senso di elaborare ciò che leggono; ma accettarle come “oro-colato” ed eseguire gli “ordini” che quelle notizie vogliono veicolare.
Notizie manipolatrici, quindi, per nascondere quei fatti (inconfessabili ?), la cui conoscenza è di quei pochi potenti, veramente informati ; i quali hanno sostituito le antiche armi sanguinarie, con quella più sofisticata : il linguaggio dei MASS-MEDIA, la quale del corpo umano ne distrugge, “ingolfandolo”, il motore: il Cervello.
Mario R. Celotto.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere