Passa ai contenuti principali

Quale autorità?


Dicono che oggi è in atto una profonda crisi di autorità, delle autorità, di ogni tipo di autorità non solo e neppure primariamente di quelle politiche. Dicono che le autorità non paiono all’altezza delle sfide dei tempi. Dicono che la corruzione e il primato degli interessi di casta o di clan rende le autorità non uno strumento di soluzione dei problemi ma piuttosto un peso e un problema, che aggrava gli altri problemi. Dicono che l’uso distorto dei poteri, di ogni forma di potere, modifica non solo la natura e il senso dell’autorità ma corrompe l’intero tessuto sociale. Dicono che spesso l’autorità diventa solo un ostacolo da abbattere, come è pure accaduto recentemente e accade ancora. Dicono anche, alcuni, che non resta che lo sberleffo e che intorno all’autorità, convenga solo danzare al ritmo del V-day!
Ma cosa manca davvero all’autorità? Cosa manca davvero oggi? Perché, in realtà, se si scruta nella memoria storica, in ogni epoca, a parte pochi momenti “felici”, quei difetti, quelle macchie, quelle colpe e quegli handicap che oggi sono, in modo così appariscente, stampati sul volto delle autorità, non sono mai mancati del tutto. In effetti la degenerazione e la delegittimazione dell’autorità e dei poteri è sempre stato uno dei maggiori problemi della comunità umana. Che ha  affaticato e rallentato il cammino e la crescita degli umani. 
Eppure forse non è sempre stato così. Forse non è ineluttabile che sia così. Forse una “altra autorità” è possibile. Forse appartiene alle aspirazioni umane che sia possibile. Infatti una traccia di questa possibilità è rinvenibile nel fondo del linguaggio umano, come sempre! Forse è proprio vero, come ha scritto qualcuno, che “il linguaggio è la casa dell’essere”. Forse è lì, negli strati più profondi dl linguaggio, che bisogna cercare come appassionati archeologi, una antica sapienza dimenticata. Forse occorre non smettere di inseguire tracce e percorsi del linguaggio se vogliamo capire qualcosa di quello che siamo. Per cercare, magari, soluzioni anche ai problemi e alle domande d’oggi.
Tornare alla “scuola delle parole”, allora, costringendole a dirci quello che sanno, quello che una vola hanno visto e sperimentato, e che noi non riusciamo più a decifrare.  A condizione di rispettare la loro storia, la loro identità e alterità. Soprattutto, rifiutandosi di “usarle” soltanto, come si fa troppo spesso oggi, da parte di chiunque. Forse occorre reimparare a meditarle, ad ascoltarle, a contemplarle!  Occorre ridiventare soprattutto  “uditori attenti delle parole”. Attenti al non detto, in cerca di segreti che esse conservano gelosamente, nelle pieghe della loro storia vissuta.
Se saremo capaci di questo, rifletteremo sul fatto che forse non è un caso che AUTORITA’” abbia a che fare e venga dalla parola latina AUCTOR. “Auctor”  è chi crea, chi genera, chi scopre, non tanto chi si impone agli altri, o controlla gli altri, o piega gli altri, o si serve degli altri, o è servito dagli altri o è idolatrato dagli altri.
Autorità auctor - è creatività, è invenzione, è immaginazione. Creatività è capacità di speranza. Creatività è accoglienza. Creatività è convivio con la diversità. Creatività – auctor -  è anche imparare, è il coraggio di imparare!
Autorità del genere avrebbero qualcosa da dire e da dare – forse – alla gente d’oggi.
È  facile immaginare in quale mondo saremmo se chi esercita una qualunque forma di autorità – a partire dalle forme più “quotidiane” - sentisse di dover assumere questi atteggiamenti e questo stile! E se tutti esigessimo e ci aspettassimo soprattutto “questo” stile dalle autorità di ogni tipo!
Beh, forse anche il cammino attraverso le “crisi” di ogni genere che accompagneranno, in modo sempre più costante, la storia della comunità umana, apparirebbe più agevole e “naturale”!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere