Passa ai contenuti principali

Quale autorità?


Dicono che oggi è in atto una profonda crisi di autorità, delle autorità, di ogni tipo di autorità non solo e neppure primariamente di quelle politiche. Dicono che le autorità non paiono all’altezza delle sfide dei tempi. Dicono che la corruzione e il primato degli interessi di casta o di clan rende le autorità non uno strumento di soluzione dei problemi ma piuttosto un peso e un problema, che aggrava gli altri problemi. Dicono che l’uso distorto dei poteri, di ogni forma di potere, modifica non solo la natura e il senso dell’autorità ma corrompe l’intero tessuto sociale. Dicono che spesso l’autorità diventa solo un ostacolo da abbattere, come è pure accaduto recentemente e accade ancora. Dicono anche, alcuni, che non resta che lo sberleffo e che intorno all’autorità, convenga solo danzare al ritmo del V-day!
Ma cosa manca davvero all’autorità? Cosa manca davvero oggi? Perché, in realtà, se si scruta nella memoria storica, in ogni epoca, a parte pochi momenti “felici”, quei difetti, quelle macchie, quelle colpe e quegli handicap che oggi sono, in modo così appariscente, stampati sul volto delle autorità, non sono mai mancati del tutto. In effetti la degenerazione e la delegittimazione dell’autorità e dei poteri è sempre stato uno dei maggiori problemi della comunità umana. Che ha  affaticato e rallentato il cammino e la crescita degli umani. 
Eppure forse non è sempre stato così. Forse non è ineluttabile che sia così. Forse una “altra autorità” è possibile. Forse appartiene alle aspirazioni umane che sia possibile. Infatti una traccia di questa possibilità è rinvenibile nel fondo del linguaggio umano, come sempre! Forse è proprio vero, come ha scritto qualcuno, che “il linguaggio è la casa dell’essere”. Forse è lì, negli strati più profondi dl linguaggio, che bisogna cercare come appassionati archeologi, una antica sapienza dimenticata. Forse occorre non smettere di inseguire tracce e percorsi del linguaggio se vogliamo capire qualcosa di quello che siamo. Per cercare, magari, soluzioni anche ai problemi e alle domande d’oggi.
Tornare alla “scuola delle parole”, allora, costringendole a dirci quello che sanno, quello che una vola hanno visto e sperimentato, e che noi non riusciamo più a decifrare.  A condizione di rispettare la loro storia, la loro identità e alterità. Soprattutto, rifiutandosi di “usarle” soltanto, come si fa troppo spesso oggi, da parte di chiunque. Forse occorre reimparare a meditarle, ad ascoltarle, a contemplarle!  Occorre ridiventare soprattutto  “uditori attenti delle parole”. Attenti al non detto, in cerca di segreti che esse conservano gelosamente, nelle pieghe della loro storia vissuta.
Se saremo capaci di questo, rifletteremo sul fatto che forse non è un caso che AUTORITA’” abbia a che fare e venga dalla parola latina AUCTOR. “Auctor”  è chi crea, chi genera, chi scopre, non tanto chi si impone agli altri, o controlla gli altri, o piega gli altri, o si serve degli altri, o è servito dagli altri o è idolatrato dagli altri.
Autorità auctor - è creatività, è invenzione, è immaginazione. Creatività è capacità di speranza. Creatività è accoglienza. Creatività è convivio con la diversità. Creatività – auctor -  è anche imparare, è il coraggio di imparare!
Autorità del genere avrebbero qualcosa da dire e da dare – forse – alla gente d’oggi.
È  facile immaginare in quale mondo saremmo se chi esercita una qualunque forma di autorità – a partire dalle forme più “quotidiane” - sentisse di dover assumere questi atteggiamenti e questo stile! E se tutti esigessimo e ci aspettassimo soprattutto “questo” stile dalle autorità di ogni tipo!
Beh, forse anche il cammino attraverso le “crisi” di ogni genere che accompagneranno, in modo sempre più costante, la storia della comunità umana, apparirebbe più agevole e “naturale”!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str