Passa ai contenuti principali

WIKILEAKS: e se è…”come se fosse antani”?

A volte ritornano! Chi? Quegli “amici”, protagonisti di un film del grande Monicelli, che con le burle e il nonsense trovano il modo di prendersi gioco del mondo e di denudare qualunque “re”!  A volte ritornano!
Che stia accadendo qualcosa del genere? Avete notato che nella faccenda “wikileaks” i bombardamenti delle centrali della comunicazione – che poi sono anche sempre centrali del potere – mirano tutti a rendere inoffensivo ciò che sta succedendo:  “spostando” i problemi,  sviandoli sulla questione della “sicurezza”,  sulle eventuali “macchie” morali dell’autore del sito, ecc?
A me il tutto fa tanto pensare a quella scena del film di Monicelli in cui gli amici burloni, in una stazione, si divertono a prendere a ceffoni i viaggiatori, attoniti, tranquillamente affacciati ai finestrini del treno!
Pensiamo, qualche volta, che in questo nostro mondo, anche in quella parte che si considera retta da sistemi democratici, gran parte delle decisioni importanti per il “nostro” futuro,  sono prese al di fuori delle sedi e delle procedure della democrazia? 
A partire dal FMI, dalla Banca mondiale, dal WTO, dalle famose Agenzie di rating, e da altre strutture e organizzazioni similari, le nostre economie, il nostro lavoro, le nostre finanze, le nostre vite, sono “controllate” e “dirette” da gruppi privati e interessi al di fuori di qualunque “controllo” democratico! Fini, strategie e obiettivi economici (ma anche politici) delle nostre comunità sono determinati a partire da interessi “privati” e “forti” di quel  2% più ricco della popolazione mondiale che, fonte ONU, ha in mano più del 50% della ricchezza e controlla  organizzazioni e decisioni, economiche, finanziarie e politiche…e immagino che non voglia perdere né l’una né le altre! (cfr. "The World Distribution of Household Wealth" ricerca pubblicata  l’anno scorso dal WIDER, World Institute for Development Economic Research : a proposito ne avete sentito parlare per caso sui giornali o nei telegiornali ? non credo!).
Ora, finché la gente si contenta di guardare dal buco della serratura le false faccende private raccontate nei vari “grande fratello” del pianeta, finché si diverte o si lamenta davanti a quella parte di gossip che lo spettacolo politico decide di offrire all’ingorda “fame” dei cittadini, “spettatori e clienti”, va bene, anzi, va ottimamente!
Ma se, per crepe accidentali nel sistema di informazione, quegli stessi cittadini  vengono  informati anche di ciò che succede dietro le quinte a loro insaputa, oltre che a loro spese, beh!, questo non è tollerabile. E allora eccoli tutti pronti a marciare compatti, politici, esperti, economisti, giornalisti  e azzeccagarbugli  vari, per confondere le acque e le menti, per sminuire la portata di quello che viene fuori, per gridare al rischio per la sicurezza e le relazioni internazionali, per “spostare” la discussione, per dire che in fondo non c’è niente di importante e quindi non c’è niente da sapere, per  “dimostrare” che chi ha reso pubblici i files incriminati è una persona non degna, cosicché  la gente  non cominci a pensare che è normale e "dovuto", in un paese democratico, controllare e “disturbare i conducenti”!
Sarebbe stato possibile senza internet, senza le potenzialità della “rete”, questo ceffone alla sotterranea e complice autoreferenzialità dei centri di potere reali? Sarebbe stata possibile questa trasparenza? E allora viva la rete!
Come sarebbe il nostro mondo  se le questioni importanti, che riguardano la vita e il futuro delle persone e dei popoli di questo pianeta, fossero sottratte a quelle “segrete stanze” dove “cricche” di ogni sorta, molto brave a presentare i “loro” interessi, i “loro” progetti e i “loro” appetiti come fossero i nostri, decidono indisturbate, e fossero veramente soggette al controllo democratico?
Molti non credono che ciò sia possibile, altri pensano che non sia opportuno, convinti che sarebbe meglio lasciar fare a chi “se ne intende”!  Ma ci possiamo fidare? Io non credo!
Not in my name!

Commenti

Anonimo ha detto…
Sul frontespizio di un suo libro( "Dalla periferia dell'Impero"? Non ricordo bene),Umberto Eco ha scritto:"Dedico questo libro a mio padre,il quale mi ha insegnato a "non" credere e a mia madre,la quale mi ha insegnato a dirlo ad alta voce".
Questa frase mi è venuta in mente leggendo il tuo post.
Oggi, abituati a prendere per "oro colato" tutto ciò che ci "propinano" i POTENTI, in carica, attraverso i mezzi di comunicazione, di proprietà diretta o di controllo diretto,
non riusciamo più a sapere niente !
Se per sapere s'intende soprattutto la possibilità di conoscere la "NUDA VERITA'" "qualunque conseguenza" essa possa determinare, una volta rivelata.
Ecco che è, ormai, "URGENTE" più che necessario rieducarci a cercare la notizia, in modo autonomo, attraverso non i consueti canali di comunicazione,ormai corrotti irreparabilmente.
Ma attraverso i siti come "WIKILEAKS" i quali, per non scomparire non possono che essere "VERITIERI".
In altre parole,parafrasando Eco, educhiamoci a "NON CREDERE" e a "DIRLO AD ALTA VOCE" come sta facendo WIKILEAKS.
Mario Rosario Celotto
luigi vassallo ha detto…
L'eccesso di informazione può ottenere lo stesso effetto della mancanza di informazione, cioè un'ignoranza di massa indifferente alla sostanza degli accadimenti. Nella confusione dei giorni nostri, in cui il potere (qualunque nome o volto abbia) sguazza a suo agio, il monito di Marx "O il socialismo o la barbarie" potrebbe essere qualcosa di più di uno slogan movimentista e sintetizzare l'alternativa tra un mondo umanizzato e un'umanità oppiacizzata.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str