Passa ai contenuti principali

Auto in corsa senza conducenti!

Molti si chiedono oggi perché (…soprattutto nel nostro Paese?) in una società dalla cultura tanto avanzata (siamo tra le prime otto potenze del mondo!) l’etica è così leggera. Qui il termine “leggera” non è usato nel senso in cui lo intendeva Calvino e, in fondo, nonostante le testimonianze contrarie della storia cristiana, anche Gesù (“il mio giogo è soave e il mio peso leggero”). No!, leggero qui ha il significato più banale e greve; sta piuttosto ad indicare – non l’etica come creatività, invenzione dell’immaginazione, “eccesso” (Ricoeur) nei confronti delle rigidità dell’evoluzione biologica, ma un’assenza di personalità, di consapevolezza e di competenza etica che alligna anche in moralizzatori pubblici, fustigatori dei costumi o fondamentalisti religiosi.
E allora perché la capacità di scelta morale appare così mediocre o scarsa, come si direbbe della preparazione di uno studentello svogliato?
Una risposta plausibile – che potrebbe aprire prospettive nuove di analisi - la dà lo psicanalista Luigi Zoja, quando – evitando la comoda scorciatoia di spiegare tutto con la “perdita dei valori”, il “decadimento etico” o l’irresponsabilità (“irresponsabilità” che, ovviamente, è sempre quella degli “altri”), rimanda alla complessità della vita contemporanea e alla difficoltà, oggi, di scegliere anche eticamente. Secondo Zoja la barra della morale oggi è – in un certo senso - posta sempre più in alto. Una parte sempre più ampia della popolazione rimane, perciò, al di sotto dell’asticella da saltare, o della scelta da fare tra molteplici variabili sempre più complesse. Per cui la maggioranza diventa non necessariamente immorale ma  a-morale! Il che naturalmente non rappresenta una situazione meno grave e problematica!
Il fatto è che le scelte nel nostro mondo contemporaneo richiedono, forse, o, senza forse, “un pensiero sempre più astratto, complesso, subordinato a informazioni tecniche quasi inaccessibili” ( L. Zoja, La morte del prossimo, Einaudi, p. 21).
Questa prospettiva ci consente un link alla questione annunciata nel titolo allarmante di questo post. Le cui radici sono in una domanda analoga a quella posta all’inizio, relativa all’etica. E cioè: ma come mai in un mondo in cui sono in atto straordinari, continui e rapidi progressi  ed entusiasmanti scoperte nei campi più diversi: dalla biologia alla fisica, dalla chimica all’elettronica, dalla medicina all’astrofisica, dalla psicologia all’antropologia alle arti, ecc., ci troviamo con classi dirigenti così mediocri e inadatte? Come mai, nella politica, ma anche nell’economia, nelle chiese, nell’amministrazione, nel campo militare, nell’informazione o nell’istruzione, nella finanza, ecc., ci tocca essere guidati” da un personale così inadeguato di fronte alle sfide e anche alle promesse possibili del nostro tempo?...
Come mai questo nostro mondo così incredibilmente lanciato verso orizzonti inimmaginabili finora, ci appare proprio come un’auto in corsa, senza un vero pilota?
Vuoi vedere, intanto, che le risposte alle due questioni poste sopra sono interdipendenti

Commenti

Anonimo ha detto…
“ Etica, Morale ”
Dal momento in cui l’uomo ha preso coscienza di sé, il “FARO”, che ha illuminato il suo cammino, è stato l’angoscia della sua mortalità.
Su questa “consapevolezza inconfessata” ha costruito, per esorcizzarla , la sua morale, la sua etica, per milioni di anni.
Ma , a mano a mano, che le sue conoscenze teoriche e la consequenziale tecnologia hanno reso sempre più sicura e longeva la sua vita fisica , fino ad immagazzinare “pezzi di ricambio” per il suo corpo “guasto” (cuore, fegato, reni, ossa etc.) l’angoscia della morte si è sempre più affievolita, fino a rifugiarsi nelle zone più interne del suo “animo”.
E’ venuta meno , allora, la “giustificazione”primaria della necessità di una MORALE,
di un comportamento etico , che desse un “Senso Alto”alla vita stessa.
Esso è stato sostituito solo e soltanto dal puro e semplice godimento fisico,
pur legittimo; ma “ripetitivo”, perciò , inappagante a lungo andare; rispetto
ai vasti godimenti del pensiero.
Il luccichio della sua ricchezza materiale, non riuscirà ad illuminare, la sua mente
Quando, alla fine dei suoi giorni, gli ritornerà l’antica “angoscia” repressa : Chi sono?, La vita che cos’è ?
Mario Rosario Celotto.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str