Passa ai contenuti principali

I NUOVI NOMI DELL’ "AMARE". LA CURA

È il caso di iniziare su questo blog un’indagine alla ricerca dei nuovi nomi dell’”amare”? Sì,  penso sia proprio il caso, non solo perché questo termine, e il relativo significato, è tra i più abusati della storia ma anche tra quelli più dissacrati e umiliati!
Ebbene, percorrendo i sentieri delle nostre vite, delle nostre città, delle nostre storie e della nostra storia, è sempre più evidente questo stritolamento che anche “amare” subisce nel sistema dello “scambio” generalizzato, in cui tutto ha senso se “serve”, se ha un “valore” fruibile e di scambio! E allora ci tocca vedere ai margini delle nostre strade, e negli INCROCI che continuamente attraversiamo nella nostra vita, per terra, sui marciapiedi, sotto cartoni puzzolenti come unico riparo, non solo i rifiuti e gli “scarti” umani, ma anche l’amore.
Di cui si fa sempre più difficoltà a riconoscere l’identità!
Quello che forse oggi è peggio è che la modificazione genetica dell’amore, dell’amare, la sua “umiliazione” è operata meno dalla banalizzazione e dalla “liquidità” dell’ amore o dal cosiddetto “commercio del sesso” che non dall’uso “blasfemo” dell’amore come strumento di manipolazione delle coscienze, come arma di consenso politico e come vessillo di lotta, addirittura! Come del resto è già capitato al cosiddetto “comandamento” dell’amore cristiano che spesso è diventato un’altra cosa, degradandosi a “carità(non nel senso etimologico originario di libera e gratuita scelta di volere bene, “bene-volere” per l’altro da sé, per il volto dell’altro), ma nel senso di “elemosina” (cioè “amore” come “cosa” data, appunto, e non come “amare”, e-sistere come “amore”, come bene-volere). Per questo ha potuto coesistere con violenze e umiliazione dell’altro, con ghetti e disprezzo. Per questo il nome di Gesù, “amore crocifisso”, ha potuto essere utilizzato come arma e come mezzo di rifiuto dell’altro. Per questo, ancora oggi, c’è chi crede – pur insensibile alle sofferenze degli “altri” - di poter spendere impunemente il nome cristiano nel mercato della negoziazione e della manipolazione del consenso politico!   
E allora grazie a Battiato che ci consente di dare il via a quella indagine (sui nuovi nomi dell’amore) di cui si diceva all’inizio. Con la sua canzone, La Cura, ci indica uno dei nomi dell’”amare”.  E lo fa riflettendo e approfondendo il senso (migliorandolo?) di una delle categorie di Heidegger, riletto attraverso l’interpretazione del filosofo Sgalambro.
Beh! , in questo mondo – molto italiano ma non solo - dove “cura” è stata sostituita da “me ne frego!” ed è associata solo ai furbi e impuniti “malaffari” della sanità, la suggestiva canzone di Battiato, La Cura, appunto, può dirci (può farci “sentire”?) qualcosa che dovrebbe essere alla radice e all’orizzonte di ogni apprendimento dell’amore umano, qualcosa della gratuità e del bene-volere per l’altro, che facendoci uscire, forse per un attimo, da quella “dispersione di senso” che ci accompagna e ci stordisce tutti, ci renda capaci di ridare dignità e profondità alle nostre pur diverse esperienze di affetto, amicizia, amore. 


Commenti

Francesca Celotto ha detto…
"Non intendo cantare la gloria
né invocare la grazia e il perdono
di chi penso non fu altri che un uomo
come Dio passato alla storia
ma inumano è pur sempre l'amore
di chi rantola senza rancore
perdonando con l'ultima voce
chi lo uccide fra le braccia di una croce.

E per quelli che l'ebbero odiato
nel Getzemani pianse l'addio
come per chi l'adorò come Dio
che gli disse sia sempre lodato,
per chi gli portò in dono alla fine
una lacrima o una treccia di spine,
accettando ad estremo saluto
la preghiera l'insulto e lo sputo."

(F. De Andrè, "Si chiamava Gesù")

http://www.youtube.com/watch?v=Z27zin5hhKI

Da laica, ancora alla ricerca di una fede, credo comunque che l'amore con cui Gesù perdonò sulla croce (e chiaramente questa è storia, non fede) sia stato davvero straordinario. E va oltre ogni narcismo. Se poi questo amore lo strumentalizziamo per far leva sulle superstizioni popolari...eh allora proprio Gesù uomo viene tradito...

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str