Passa ai contenuti principali

Nonostante tutto… il meglio deve ancora venire!

Mi ha colpito molto una frase, sconsolata e accusatrice, del grande regista Mino Monicelli secondo cui la speranza è un trucco e una frode nelle mani dei potenti – anche se quella frase io l’ho letta come  un invito, perentorio, a non attendere una vita e un mondo diversi da nessuno,  ma  a interpretare piuttosto la naturale inclinazione a sperare dell’essere umano come la possibilità di gettarsi - adesso – oltre “la siepe”, di fare qualcosa, adesso, per non trasformare la speranza in retorica e ipocrita esortazione o in comodo alibi per il disimpegno.  Mentre indugiavo in questi pensieri mi sono imbattuto nella seguente risposta che Nicholas Humphrey, professore presso la London School of Economics, ha dato alla domanda posta, dal forum scientific Edge a 153 scienziati, filosofi,scrittori e artisti di fama mondiale, sulle possibili ragioni per essere ottimisti – anche oggi. 
“Se fossi vissuto mille anni fa e mi avessero chiesto che cosa desiderassi per i miei discendenti del secolo successivo, avrei potuto immaginare molte meravigliose possibilità. Ma non avrei potuto immaginare la musica di Mozart, la pittura di Rothko, i sonetti di Shakespeare o i romanzi di Dostoevskij. Non avrei visto una delle migliori  ragioni di essere ottimista, cioè il potere del genio artistico umano, capace di stupirci sempre di più. Non farò lo stesso errore due volte.
Quindi lasciatemelo dire chiaro e tondo: adesso spero.  E mi aspetto, che il meglio debba ancora venire. Che, tra non molto, verranno create dagli esseri umani opere…migliori di quelle mai viste al mondo, opere, al momento, di un’estetica inimmaginabile e di forza morale. E, badate bene, non richiederanno modifiche genetiche, ibridizzazione dei computer , miglioramenti high tech del cervello o altro: richiederanno semplicemente che continuiamo ad essere le persone che siamo!
Queste affermazioni mi sono sembrate un vero e proprio atto d’amore verso la specie umana – verso la sua capacità di resurrezione - tale da farmi venire in mente, applicandola però a quell “accompagnarsi” di noi esseri umani che è la nostra vita, quella stupenda poesia d’amore dell’amato Hikmet

“Il più bello dei mari
è quello che non navigammo….”

Ai “profeti di sventure”, politici, intellettuali, religiosi o persone comuni, a quelli che, come quei funzionari e sacerdoti dell’antico Egitto – di cui si è trovata testimonianza in un documento dell’epoca – che si lamentavano già della bruttezza dei tempi, del decadimento delle nuove generazioni, dei nuovi modi di pensare, in confronto ai tempi di una volta, - soprattutto a quelli che pensano che non c’è mai fine al peggio, possiamo opporre, talvolta, solo questa forte convinzione, traducendola in piccoli o grandi atti di cambiamento quotidiani.

Solo così renderemo obsoleto quel vecchio “sport” che non di rado è uno dei più subdoli strumenti del potere e, oggi, del  “consenso”!





Commenti

Anonimo ha detto…
Che cosa vogliamo dire, quando diciamo che va tutto male,i tempi sono brutti,speriamo che cambino?
Vogliamo dire,in realtà, che A NOI, le cose, così come accadono, non piacciono,che non sono conformi ai NOSTRI DESIDERI, alle NOSTRE ATTESE, ai Nostri PRINCIPI !
Allora la "nostra" speranza è che le cose cambino in fretta, secondo, appunto, i nostri desiderata.
Ma ciò non è possibile, perchè : "Il mondo è quello che è" (titolo di un'opera teatrale di A. Moravia) e non è fatto dal singolo ,secondo la sua volontà, ma da un groviglio di accadimenti naturali e sociali, di cui il singolo è soltanto uno degli attori e non sempre il più importante.
Allora,l'individuo non può, appunto, sperare di vedere soddisfatte le esigenze intime, "uniche" per se stesso?
Sì che può!
Basta che non le confonda con le "false" esigenze,che a sua insaputa, lo allontanano dalla sua "UMANITA'" innata,rendendolo schiavo di una speranza "malata",
e non facendogli godere , in pieno,questo unico mondo che abbiamo e che è.....quello che è!
Mario Rosario Celotto

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere