Passa ai contenuti principali

Al contadino non far sapere……Democrazia è informazione!

Chissà perché la maggior parte delle persone tra cui, soprattutto, le persone colte, pensano di non rientrare in quel “contadino” a cui fa riferimento il detto citato nel titolo di questo post! Chissà quale forma di sindrome narcisistica fa ritenere a parecchi di noi di non essere manipolabili o teleguidati, di non essere influenzabili o dominati mentalmente, di scegliere autonomamente le questioni di cui discutere!

In effetti è diffusa una ingenua sottovalutazione del ruolo dell’informazione, che nella società globalizzata e mediatica, determina i parametri per l’analisi di gran parte dei problemi, anzi per la definizione stessa di cosa è problema! Quasi nessuno crede che i termini in cui vengono posti i problemi siano definiti eteronomamente, “prima” che il cittadino, anche colto, li prenda in considerazione!

E allora di cosa parliamo, quando parliamo? Da dove cominciare?

La realtà effettiva dell’informazione e delle comunicazioni, oggi, è molto distante da quella immaginata da ognuno do noi. Basta considerare, infatti, che la maggior parte delle informazioni offerte dalle parti in causa, per esempio durante le competizioni elettorali, è fortemente influenzata e manipolata, soprattutto nei contesti, come quello italiano, in cui, in sostanza, l’informazione vive in assenza di vero pluralismo e in regime di quasi monopolio.

Inoltre è il caso di sottolineare che non è solo nel cosiddetto “antico regime” o sotto i totalitarismi che il “pubblico” politico è affare privato del monarca; in realtà, una delle ragioni per cui diventa sempre più problematico parlare di democrazia, nella nostra società attuale, è proprio il fatto che, oggi, sempre più spesso, la sfera “pubblica” sembra diventare, in realtà, “privata” o “privatizzata (e da questo punto di vista in Italia probabilmente siamo più “avanti” di altre paesi!). Privata, prima di tutto, nel senso che le ”vere decisioni” sono prese a porte chiuse, nei corridoi o nei luoghi di incontro tra gruppi di pressione e “governanti” di turno. Al punto che è quasi un luogo comune ritenere che le decisioni che contano non sono prese nei luoghi ufficiali, in cui si presume che vengano prese; infatti, quando arrivano davanti ai Consigli dei ministri o alle Camere dei Deputati, i giochi sono già fatti. Tra l’altro, anche le motivazioni ( le “vere” motivazioni) sono per nulla trasparenti. Questo, anche nell’ipotesi, di “settimo grado”, che ci sia una chiara informazione sulle decisioni prese o da prendere!


È vero che la gente “istruitapotrebbe giungere, sebbene con una ricerca “ostinata” (nei “vicoli” del web o nei libri: fondamentale a questo scopo il libro di Ed. Herman e N. Chomsky, La fabbrica del consenso, Il Saggiatore), a una conoscenza dei problemi, forse vicina alla migliore possibile. Però, la gran parte delle persone istruite non fa così, e quindi, come i cittadini con minor istruzione, si basa spesso su informazioni del tutto inadeguate, o si affida alle notizie “drogate” dei giornali o delle televisioni.


Come è possibile allora dar vita a un corpo di cittadini capaci di individuare le questioni rilevanti, capaci di produrre giudizi adeguatamente illuminati sui problemi pubblici, sulle questioni in campo o sui “termini” in cui poter delegare ad altri senza preoccupazione l’autorità di prendere le decisioni?

Tanto più che per il consenso, oggi, non è necessaria più la mediazione delle forme rappresentative e la discussione pubblica, ma basta la cattura” della platea mediatica: attraverso cui tecniche di marketing aziendale si fanno tecnica politica!
Perché dovremmo ritenerci, di fronte alle questioni pubbliche, più in grado di valutare di quanto lo siamo di fronte alla pubblicità commerciale?


In più occorre, a questo proposito, tener ben presente, come sottolinea Manuel Castells, in un saggio su Comunicazione, Potere e Contropotere nella network society, “la pratica …del (cosiddetto)… “indexing”, per cui direttori e giornalisti limitano il range di posizioni e temi politici da riferire a quelli espressi in seno all’establishment politico mainstream, influendo pesantemente sul processo di reporting dettato dagli eventi”. Del resto come spiegare la dura lotta per controllo dell’informazione e dei media?


Non dovrebbe sembrare eccessivo, allora, che la questione dell’informazione appaia, nella società globalizzata e mediatica, “la” questione della democrazia, la questione pregiudiziale per capire, affrontare e tentare di risolvere le altre questioni!
È credo appaia anche comprensibile che un inizio di soluzione – “dal basso” - di questi problemi possa partire dall’impegno, paziente e graduale per conoscere, moltiplicare e condividere strade alternative di accesso all’informazione che – facendo “vedere” un mondo invisibile (Herman), allarghi l’area della coscienza e la capacità effettiva, per tutti, di giudicare e di vivere da cittadini adulti!

Commenti

luigi vassallo ha detto…
Il quadro che tu presenti può essere scoraggiante ma è sicuramente realistico. Alla tentazione di prendere il frutto proibito dall'albero della conoscenza si è sostituita la tentazione (ben incoraggiata e mai condannata) di mangiare solo frutti "di plastica" opportunamente confezionati per darci una artificale sazietà e un finto nutrimento. Come venirne fuori? E' la sfida della nostra epoca (XXI secolo), in cui parametri e modelli utilizzati nel XX secolo e che, almeno a volte, hanno prodotto processi di liberazione e di emancipazione, non sono più adeguati. Sfida difficle dunque e, al momento, senza bussola sicura per orientarci. E tuttavia, finchè - sia pure in spazi e tempi minoritari - si tiene desta l'inquietudine per un presente alienante, c'è ancora speranza di tracciare in qualche modo un percorso per venirne fuori. O almeno per provarci.
Anonimo ha detto…
Condivido,pienamente,la tua analisi ed anche...l'indignazione con la quale hai scritto il post.
Secondo me,la prima domanda che ci dobbiamo porre,però,è:"Perchè mi voglio,mi devo informare? A che mi deve servire?.
A volte,penso che non abbiamo bisogno, di tanta informazione(il troppo spesso confonde invece di chiarire).
Ma soltanto di quella che ci serve ad esprimere organicamente e armoniosamente la visione che abbiamo,nel nostro intimo, del mondo che ci circonda, per poterla comunicare agli altri e vedere,se condivisa, come possa migliorare la convivenza.Allora più che "troppa" informazione dobbiamo educarci a scremarla, tenedo sempre fisso lo scopo di cui dicevo.L'unico mezzo per combattere contro i "mass media" è,direi da sempre, soltanto il nostro...misero? cervello. Mario Rosario Celotto

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere