Passa ai contenuti principali

I paradigmi della stupidità (con brano antologico!)

Spesso di fronte a scelte e gestioni del potere politico (e non solo politico) non condivisibili o addirittura inaccettabili – nei confronti dei quali ci si sente impotenti e, forse, privi di immaginazione politica e di iniziativa per il cambiamento – si tende a spostare il problema imprecando contro quegli elettori che, con il loro consenso, sostengono quelle maggioranze, o contro l’imbecillità di un generico “popolo”! Dal quale, quelli che rifiutano lo stato delle cose, si chiamano, ovviamente, sempre fuori! Salvo poi a sfruttare le opportunità che quello “stato delle cose” offre!


Come quando, da un lato, si contesta, duramente e giustamente, l’arroganza nell’esercizio del potere e l’illegalità, che, troppo spesso, sembra diventare mentalità “normale” e comportamento diffuso, nonché “sancito” anche in alcune scelte politiche, amministrative o legislative, e, dall’altro lato, magari per i propri familiari o amici, si è subito pronti a guardarsi intorno e a fare indagini del tipo: “conosci qualcuno sul catasto?”, o “sei amico di nessun membro di commissione del tale concorso?”, “chi conosci in Regione?”,”cosa puoi fare per cancellare quella multa?”, ecc.

O come quando, da un lato, si denuncia l’evidente, quotidiano, “massaggio” dei cervelli, messo in atto, non da oggi, con raffinate tecniche, da parte di chi controlla anche il potere politico, attraverso i propri organi di informazione, le proprie reti televisive e altri media, e, dall’altro lato, nello stesso tempo, si è accaniti e “fedeli” spettatori e fans di programmi, detti “reality”(sic!), tipo “grande fratello”, “la fattoria”, le varie “isole dei famosi” o degli sfigati, o di programmi tipo “amici” “uomini e donne”, “c’è posta per te” ecc., specializzati nel plasmare mentalità, perfettamente funzionali alle logiche dominanti!

Forse bisognerebbe cominciare a fare altre analisi, a scegliere e diffondere altri comportamenti, inventare altre forme di lotta quotidiana e di educazione, anche a partire da uno strumento flessibile come internet!

Allora forse potrebbe essere utile anche fare un discorso sulla stupidità ricorrente (di noi italiani o dell’umanità?), come una delle cause dei mali del paese! Certo, però, occorrerebbe anche analizzarne meglio origini e modalità, e cercare le terapie! A questo scopo potrebbe servire ascoltare ciò che Robert Musil, nella sua ultima apparizione pubblica a Vienna, nel 1937, prima di essere costretto a fuggire in Svizzera, diceva, in un ironico “discorso sulla stupidità”, su questo oscuro versante dell’esperienza umana. È vero che concludeva il suo discorso considerando il “regno della saggezza una regione desertica e in genere schivata dagli uomini”. Ma è anche vero che il suo discorso non era riferito solo agli “altri”, perché, diceva, la stupidità “dovremmo certo identificarla a ciascuno di noi in se stesso, e non aspettare a riconoscerla nelle sue grandi esplosioni storiche”!! (R. Musil, Discorso sulla stupidità, Shakespeare and Company 1979)

Vedi anche commento antologico del grande Petrolini:
http://www.youtube.com/watch?v=oy7rgG-v_8E

Commenti

Pina-Antigone ha detto…
TESTIMONIANZA

Sono grata all'autore di questa riflessione perché con limpida concretezza ha scritto quello che io ho capito appena ieri, e cioè che l'unica rivoluzione possibile riguarda i nostri comportamenti nella “civitas”. Ogni nostro gesto può avere una portata rivoluzionaria se è segnato da un “sacrificio” che non si aspetta né compensi né risultati immediati, ma che è soddisfatto della stessa gratuità di un comportamento generoso verso la comunità umana. Questa è la rivoluzione della TESTIMONIANZA, che non si aspetta niente tranne il suscitare intorno a sé il desiderio di TESTIMONIARE. “Poca favilla gran fiamma seconda”, dice il Poeta. Un grande incendio è acceso da una piccola scintilla. Una testimonianza di legalità, un comportamento dignitoso, una comunicazione che sappia di gentilezza e di bellezza hanno più forza di mille orazioni recriminatorie e possono diffondersi come un meraviglioso contagio, avviando un processo rivoluzionario permanente ed incruento. Allora, forse, stupiti, e non più stupidi, i cittadini ricominceranno a popolare “il regno della saggezza”.
Pina-Antigone ha detto…
TESTIMONIANZA

Sono grata all'autore di questa riflessione perché con limpida concretezza ha scritto quello che io ho capito appena ieri, e cioè che l'unica rivoluzione possibile riguarda i nostri comportamenti nella “civitas”. Ogni nostro gesto può avere una portata rivoluzionaria se è segnato da un “sacrificio” che non si aspetta né compensi né risultati immediati, ma che è soddisfatto della stessa gratuità di un comportamento generoso verso la comunità umana. Questa è la rivoluzione della TESTIMONIANZA, che non si aspetta niente tranne il suscitare intorno a sé il desiderio di TESTIMONIARE. “Poca favilla gran fiamma seconda”, dice il Poeta. Un grande incendio è acceso da una piccola scintilla. Una testimonianza di legalità, un comportamento dignitoso, una comunicazione che sappia di gentilezza e di bellezza hanno più forza di mille orazioni recriminatorie e possono diffondersi come un meraviglioso contagio, avviando un processo rivoluzionario permanente ed incruento. Allora, forse, stupiti, e non più stupidi, i cittadini ricominceranno a popolare “il regno della saggezza”.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere