Passa ai contenuti principali

Chi ha paura della diversità? Elogio dei colori

Nella nostra società complessa e interdipendente (ormai, in modo irreversibile!), esiste una sempre più generalizzata condizione di interazioni plurali e reciproche.

La nostra è una società "demonopolarizzata", una società multipolare. Un multipolarismo che interessa non solo le culture, i sistemi di riferimento categoriali, le tradizioni scientifiche, le scuole di pensiero. Infatti, la molteplicità dei punti di vista è costitutiva anche di una stessa cultura, di uno stesso sistema di riferimento, di una stessa scuola di pensiero. Di più, la molteplicità dei punti di vista vale non solo in riferimento ai diversi punti di vista dei soggetti individuali, ma attraversa anche i tipi di pensiero, i tipi di logica, gli atteggiamenti di ogni singolo soggetto. Ognuno di noi, per così dire, parla simultaneamente molte "lingue": perciò è così difficile ( e a volte drammatico) capire in quale “lingua” stiamo comunicando o scegliere in quale “lingua” comunicare. Oggi si è indipendenti e interdipendenti al massimo grado; si funziona “al plurale”, con ruoli plurimi, in spazi diversi e sovrapposti; si comunica attraverso codici multipli e flessibili.

Eppure, sembra paradossale che, in una società caratterizzata dal massimo di comunicazione e interdipendenza, emergano così prepotentemente la paura e l’angoscia della diversità. È paradossale che, nella diversità, nelle differenze (di ogni genere) si veda solo un ostacolo, un impedimento, un rischio, invece che una opportunità, una possibilità, un valore da salvaguardare a ogni costo!

Siamo talmente fragili e impauriti da non riuscire a capire che ciò che è differente è necessario per farci vedere ciò che, da soli, non riusciremmo a cogliere, nei coni d’ombra delle nostre stesse opinioni ed esperienze? Non riusciamo a capire che, quando la realtà muta e si trasforma velocemente, come quella attuale, solo l’esperienza della diversità e il rapporto con chi è diverso ed ha esperienze diverse, sono la nostra salvezza? O siamo come quegli innamorati che sentono di aver trovato la propria vita quando incontrano qualcuno complementare perché diverso, e poi fanno di tutto per eliminare ogni forma di diversità nell’altro, ritenendola un pericolo per la propria felicità? E non si rendono conto, invece, di stare distruggendo, così, il proprio futuro?

Eppure siamo tutti figli di una tradizione come quella dell’Occidente che, nonostante ottusi integralismi, ha costruito una sola, vera identità: quella di riuscire a far convivere le differenze (di idee, di fedi, di genere, di esperienze culturali)!

Eppure siamo anche all’interno di una tradizione religiosa, come quella cristiana, dove si annuncia un Dio che si è rivelato nella forma di ciò che è diverso da sé, anzi, opposto a sé! (nonostante la fede cristiana sia stata, spesso, usata, nel passato come anche oggi, come arma di esclusione e di ghettizzazione!). E bisognerebbe pure riflettere, a proposito di diversità, sul fatto che quella cristiana è l’unica fede i cui testi sacri riportano le parole del Figlio di Dio in quattro versioni ufficiali diverse (ci sarà pure un senso in questo fatto!).

E allora? Perché non cogliere la ricchezza e la bellezza delle diversità? Chi se la sentirebbe di eliminare dalla tavolozza di un pittore qualche colore, qualunque, anche il più insignificante, come inutile? Non sarebbe necessario, piuttosto, moltiplicare i colori, inventarli, semmai?

La comunicazione diventa, perciò, l’unico strumento per vivere ed esistere davvero nella società “arcipelago” o “labirinto”. La vera soluzione, perciò, oggi, non è la riduzione della complessità, ma lo sviluppo dell'interdipendenza e delle interconnessioni e, quindi, l’aumento della comunicazione!

Commenti

Pina-Antigone ha detto…
Caro autore,
è vero che “ognuno di noi parla simultaneamente molte “lingue””, perché velocemente ognuno di noi cambia stato e, quindi, comunicazione. Ora prevale il cuore, ora la mente. Seguendo l'uno o l'altra, mutano gli stili e le strutture dei nostri testi. È vero che possiamo controllare la nostra comunicazione, scegliere tra istanze diverse e, in base ad esse, argomentare con logica rigorosa o con appassionato lirismo. Eppure, io penso che una comunicazione autentica non può mancare né della mente né del cuore. E allora mi chiedo se esiste una comunicazione in cui il nostro essere si esprima intero, libero, con lo slancio del cuore ed il rigore dell'intelletto. Sì, esiste grazie alla comunicazione poetica . E dicendo “poetica”, non penso solo alla POESIA tout court, ma ad ogni creazione artistica. Non a caso il tuo testo è disseminato di metafore e similitudini! Nell'ordito dell'argomentazione c' è una trama lirica, quella dei “colori”, dello “arcipelago”, del “labirinto”.
Ebbene, io ho sentito che la tua nota potrebbe essere meglio commentata dalla POESIA. Innanzitutto una poesia musicale, una danza, o, per meglio dire, un “tripudio” di colori. “Una danza dei fiori”. Il “tripudio” di note del “Valzer dei fiori” di Tchaikovsky bene esprimerebbe la GIOIA VOLTEGGIANTE di un mondo multicolore, o, per dirlo in un' “altra lingua”, di “una società "demonopolarizzata", una società multipolare”. Se poi ci immaginiamo isole di un arcipelago, ci metteremo in mare accogliendo l'invito del poeta Kavafis: navigheremo da una sponda all'altra senza paura di “Lestrigoni e Ciclopi” nei quali, certo, non incapperemo “se l'anima non ce li mette contro”. E infine il Labirinto, da Ariosto a Calvino, è l'immagine emblematica della storia stessa di ogni individuo e dell'intera umanità. Parafrasando Calvino, le storie di noi tutti sono LABIRINTI di “DESTINI INCROCIATI”.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str