Passa ai contenuti principali

"Andate a dire a quella volpe..." Quale cristianesimo? (2)

Certo, non deve essere agevole, non solo per i non credenti o i diversamente credenti, ma anche per i credenti cristiani, ovviamente per ragioni diverse, assistere in queste settimane a confronti e schermaglie, poco chiare, tra le gerarchie della Chiesa e capi di partiti o loro portavoce, più o meno rozzi. Ma, al di là di tutti i discorsi che si potrebbero fare, e che vengono fatti, a tale proposito, la vera domanda da porre dovrebbe essere: MA COSA CI FANNO papi, cardinali, vescovi o prelati con capi di governo, principi e principesse, autorità politiche o militari, cosa ci fanno, con amministratori e politici vari, anche alle inaugurazioni di accademie, anni giudiziari e così via, fino al varo di navi o di centri commerciali? Voi ve lo immaginate Gesù di Nazareth a discutere con Pilato, con Erode o con governatori, a tessere trame diplomatiche, o negoziare scambi politici, oppure a confrontarsi su scelte politiche, strategie di governo o linee della legislazione? Io no! Gesù, “ebreo marginale”, "profeta itinerante", preferiva stare lontano dai palazzi del potere, frequentare le strade dei villaggi e incontrare, faccia a faccia, la gente senza voce e senza potere o addirittura quella esclusa o rifiutata. Si è incontrato con sovrani o i governatori solo quando vi è stato costretto con la forza! In questo modo di agire c’era forse sia una indicazione di “metodo” che l’affermazione di UN'ALTRA VERITA' riguardo alla storia: la “VERA” storia umana non si fa nei palazzi di quelli che si considerano capi dei popoli, né in quelle dei potenti di questo mondo – i quali per lo più spadroneggiano sugli uomini e sulle cose, e mirano, e con i mezzi attuali spesso ci riescono, a controllare e a manipolare le idee (anche quelle religiose) e le menti per i loro scopi – ma nelle strade, nelle case, nelle giornate e nell’esistenza di quella che viene considerata “gente comune”, l’ESSERE UMANO senza aggettivi (e perciò soprattutto gli esclusi e i rifiutati, dal momento che solo preferendo gli esclusi e i rifiutati si può garantire ogni essere umano: non a caso qui è in gioco l’ESSENZA DEL CRISTANESIMO!), quello “senza nome e senza volto, persone ordinarie che spesso si trovano ad avere un ruolo fondamentale nella Storia”, come ha scritto una volta Hobsbawm, e lui di storia se ne intendeva! Quanto bisognerà aspettare per sentire anche dalla bocca dei capi delle chiese cristiane, magari con organizzazioni e strutture più leggere e quindi più libere, la frase, che Gesù pronunciò di fronte a ripetute richieste di incontro da parte di Erode, “Andate a dire a quella volpe….” Anche se oggi, di volpi vere e proprie se ne vedono ben poche, perché sembrano prevalere i maiali e gli avvoltoi!

Commenti

Anonimo ha detto…
GRAZIE, GRAZIE...FINALMENTE !
DA PARTE DI UN ATEO
Mario Rosario Celotto.
Lindbergh ha detto…
Quando bisogna aspettare??
Gesù aveva un progetto a cui credeva e al quale non poteva e doveva rinunciare "..è necessario che oggi, domani e il giorno seguente io vada per la mia strada.."
Oggi, forse, stare nelle strade, nelle case, nelle giornate e nell’esistenza della gente comune è diventato difficile, ci vuole coraggio e molti preferiscono restare nei palazzi.
Li si ha la percezione di essere meno emarginati.

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str