Passa ai contenuti principali

La crisi e i polli. A che servono i giornali? Ipotesi e realtà

Se avessimo, in Italia, più libertà e pluralismo di informazione;
se i giornali non fossero quasi tutti proprietà di società (attenti sempre, alla proprietà dei giornali che leggete poveri polli!), che hanno i loro prevalenti interessi da difendere, in settori diversi dall’informazione;
se avessimo editori cosiddetti “puri” (cioè imprenditori il cui interesse è l’informazione, per i quali l’obiettivo di “vendere” la “merce” informazione, qualunque informazione, è lo scopo della loro impresa) e quindi anche interessati a moltiplicare i “pubblici” invece di controllarli o ridurli);
se avessimo dei “professionisti” dell’informazione, interessati prima di tutto, e soprattutto, a informare, più che a solleticare ( teng’ famiglia) lo scadente narcisismo delle inadeguati classi politiche che ci toccano di questi tempi ( però… addà passà ‘a nuttata!);
se avessimo giornalisti capaci di inseguire le notizie e i fatti, invece di essere attenti a nascondere i fatti spiacevoli per i potenti di turno;
se i giornalisti sapessero e volessero “vedere” che tra i fatti ci sono le sofferenze quotidiane delle vittime e di quelli che non contano e sono senza voce;
se i giornalisti volessero “vedere” i fatti dal punto di vista delle vittime invece di indurre le vittime a guardare i fatti con gli occhi dei potenti;
allora, forse, anche la “crisi” non sarebbe avvertita dalla gente solo come una specie di terremoto o alluvione capitata, come capitano tante catastrofi naturali, di cui non si può incolpare nessuno; allora saremmo capaci di individuare cause e responsabili, saremmo capaci di capire che non si tratta solo di una questione di etica, che servirebbe incamminarsi verso un nuovo modello di sviluppo;
allora sarebbe più difficile, da parte delle classi politiche, da parte dei responsabili di questo modello di sviluppo, e quindi anche responsabili di questa crisi, sarebbe più difficile, da parte di chi controlla già gran parte delle risorse, usare la crisi per teorizzare ulteriori dirottamenti di risorse dai bisogni popolari (vedi riduzioni di posti di lavoro, salari, interventi sulle pensioni ecc.) verso i propri interessi, riuscendo addirittura, con qualche effetto speciale sceneggiato dai giornali, a convincere la maggioranza delle vittime della crisi a non pretendere troppo, ad accettare (perché diversamente potrebbe capitare di peggio!) di perdere il lavoro, di pagare di più la sanità, di vedersi ridotti i servizi scolastici e di perdere potere d’acquisto.
Invece, tutti contenti e speranzosi, senza chiedere conto delle responsabilità per un futuro che diventa più incerto, anche quelli che pagano il prezzo più duro della crisi, possono convincersi che, anche se non lo vedono nel piatto, né lo sentono tra i denti, il “mezzo pollo”, lo stanno mangiando anche loro!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

I paradigmi della stupidità 2. La sindrome di Nimby

Il tradimento e le degenerazioni delle classi dirigenti, e delle élites in generale, nel nostro paese, come risulta da varie indagini, è sotto gli occhi di tutti. È vero che esistono due generi di classe dirigente come esistono due tipi di società, ma, secondo gli italiani, sembrano prevalere i ritardi culturali e l’incapacità di adeguarsi ai cambiamenti, l’indifferenza all’interesse collettivo, l’indecisionismo e il tirare acqua al proprio mulino con ogni mezzo, il cinismo sociale e i comportamenti clanici . Ma le indagini dicono anche altre cose e su queste occorre imparare a riflettere con rigore per immaginare il “che fare”. Carlo Carboni, nel suo libro La società cinica (Laterza), è molto illuminante in proposito e, soprattutto, preciso nell’indicare le degenerazioni e i fattori di disgregazione del vivere civile. In una pagina, che occorrerebbe studiare, parola per parola , in tutti gli ambienti (politici e amministrativi, ma anche imprenditoriali, culturali, formativi e anc

Non è una questione di principio, è il piccolo Davide aggredito da Golia

Contra factum non est argumentum , dicevano i logici antichi.  I n effetti è vero, ci sono alcuni fatti ai quali si deve rispondere solo con altri fatti . Non bastano le dichiarazioni di principio, né l'ostinata ricerca di ipotetiche ragioni. In certi momenti della storia , momenti così " affilati " da lasciare cicatrici (R Calasso),  la sola proclamazione di valori e di principi , corre il rischio di diventare un astratto esercizio retorico e una inutile esternazione,  se non si indica la strada attraverso cui quei valori possono farsi storia e tradursi in scelte concrete e immediate .  Anzi, in alcuni casi, le pure dichiarazioni equivalgono solo a un girarsi dall'altra parte . E tuttavia ci sono casi di fronte ai quali non è possibile voltarsi dall'altra parte, se davvero si ha l'obiettivo di affermare l'irrinunciabilità di fondamentali  valori umani .  I valori insomma non sono istruzioni per l’uso . Sono soprattutto orizzonti possibili. Le str