Passa ai contenuti principali

La crisi e i polli. A che servono i giornali? Ipotesi e realtà

Se avessimo, in Italia, più libertà e pluralismo di informazione;
se i giornali non fossero quasi tutti proprietà di società (attenti sempre, alla proprietà dei giornali che leggete poveri polli!), che hanno i loro prevalenti interessi da difendere, in settori diversi dall’informazione;
se avessimo editori cosiddetti “puri” (cioè imprenditori il cui interesse è l’informazione, per i quali l’obiettivo di “vendere” la “merce” informazione, qualunque informazione, è lo scopo della loro impresa) e quindi anche interessati a moltiplicare i “pubblici” invece di controllarli o ridurli);
se avessimo dei “professionisti” dell’informazione, interessati prima di tutto, e soprattutto, a informare, più che a solleticare ( teng’ famiglia) lo scadente narcisismo delle inadeguati classi politiche che ci toccano di questi tempi ( però… addà passà ‘a nuttata!);
se avessimo giornalisti capaci di inseguire le notizie e i fatti, invece di essere attenti a nascondere i fatti spiacevoli per i potenti di turno;
se i giornalisti sapessero e volessero “vedere” che tra i fatti ci sono le sofferenze quotidiane delle vittime e di quelli che non contano e sono senza voce;
se i giornalisti volessero “vedere” i fatti dal punto di vista delle vittime invece di indurre le vittime a guardare i fatti con gli occhi dei potenti;
allora, forse, anche la “crisi” non sarebbe avvertita dalla gente solo come una specie di terremoto o alluvione capitata, come capitano tante catastrofi naturali, di cui non si può incolpare nessuno; allora saremmo capaci di individuare cause e responsabili, saremmo capaci di capire che non si tratta solo di una questione di etica, che servirebbe incamminarsi verso un nuovo modello di sviluppo;
allora sarebbe più difficile, da parte delle classi politiche, da parte dei responsabili di questo modello di sviluppo, e quindi anche responsabili di questa crisi, sarebbe più difficile, da parte di chi controlla già gran parte delle risorse, usare la crisi per teorizzare ulteriori dirottamenti di risorse dai bisogni popolari (vedi riduzioni di posti di lavoro, salari, interventi sulle pensioni ecc.) verso i propri interessi, riuscendo addirittura, con qualche effetto speciale sceneggiato dai giornali, a convincere la maggioranza delle vittime della crisi a non pretendere troppo, ad accettare (perché diversamente potrebbe capitare di peggio!) di perdere il lavoro, di pagare di più la sanità, di vedersi ridotti i servizi scolastici e di perdere potere d’acquisto.
Invece, tutti contenti e speranzosi, senza chiedere conto delle responsabilità per un futuro che diventa più incerto, anche quelli che pagano il prezzo più duro della crisi, possono convincersi che, anche se non lo vedono nel piatto, né lo sentono tra i denti, il “mezzo pollo”, lo stanno mangiando anche loro!

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla ricerca delle parole perdute…

Sarà capitato anche a voi! Soprattutto a quelli che hanno qualche anno in più. Quelli che possono stabilire, per questo, confronti tra i comportamenti di oggi e quelli di due o tre decenni fa. Immaginate di trovarvi tra clienti, in attesa, dai barbieri o dai parrucchieri; o tra i frequentatori abituali di bar o di circoli ricreativi; o tra invitati a feste, a cene o a cerimonie varie. Immaginate anche che, come spesso avviene, i personaggi in questione siano di varia estrazione sociale e culturale. Alcuni operai, altri professionisti; alcuni con titoli di studio, altri senza; alcuni “istruiti” altri quasi analfabeti. Adesso provate a ricordare i loro discorsi , quando parlano di politica , di problemi sociali , di morale , di valori , di scuola , di sicurezza , di famiglia , di relazioni , di religione , di economia , di informazione , insomma delle questioni che interessano tutti. Ecco, fermatevi qui ! Non vi pare che, se non conosceste personalmente la professione, la condizione

Happy hour! Sappiamo ancora cosa raccontare?

Pensiero unico , o omologazione del pensiero (che, in realtà, non è altro che l’azzeramento del “pensare” ) è, anche, quell’accettazione inconsapevole del linguaggio dominante, in cui le domande fondamentali sono congedate quali domande generali, cioè vaghe, astratte, non operazionali. Mi pare, anche questo, uno degli effetti dello slittamento progressivo delle istanze intermedie della democrazia, verso quella che Zagrebelsky ( il suo Il “crucifige” e la democrazia , Einaudi, è da rileggere!) considera una “ acritica democrazia del popolo ”, verso quelle derive populistiche che apparentemente promettono di “semplificare” i meccanismi democratici, garantendo una maggiore partecipazione “ diretta ”, ma, in realtà, conducono al “volontario” dissolvimento della capacità di valutare criticamente le scelte politiche e pubbliche. Una condizione, quest’ultima, (nella quale, sembra, siamo, “ felicemente ”, irretiti) che, forse, spiega anche quella “ fuga ”  dalla “responsabilità verso il

L'educazione è ancora possibile?

In un tempo in cui si blatera di riforma della scuola e si ha la pretesa di chiamare riforma della scuola un “ aggiustamento ” e una “ razionalizzazione ” derivanti da esigenze e calcoli ragionieristici , mi sono ritrovato a rileggere una vecchia – ma attualissima - intervista di Paulo Freire alla Harvard Educational Review (www.harvardeducationalreview.org) , - tradotta in italiano dall’editrice dell’Università di Udine, - in cui sono poste quelle questioni di fondo , la cui soluzione dovrebbe precedere qualunque serio tentativo, di riforma e rinnovamento dei sistemi educativi, degno di questo nome. In altre parole, occorrerebbe chiarire prima quale "idea" di scuola e di educazione si vuole perseguire, e poi passare ad architettare eventuali soluzioni tecniche . Nel caso della proposta di riforma che abbiamo di fronte oggi in Italia, invece, ciò che è venuto “ prima ” è stato solo un quadro di riferimento fissato dal ministero … dell’economia ! Questo potrebbe essere