Rovine, archeologi e l'arte del custodire

Ahimè, non dovremmo domandarci, una buona volta, come mai siamo così incuriositi, così rispettosi, così attenti a non fare danni, così carichi di domande e di attese, verso i ruderi e le rovine, verso le tracce delle devastazioni del tempo e della storia su edifici e monumenti, mentre, invece siamo tanto incapaci di com-prensione, di rispetto e di com-passione verso i segni e gli sfregi che le devastazioni della vita, i crolli etici e gli smottamenti della personalità, producono sui volti e sulla prassi degli umani?
Come mai siamo così impegnati a custodire ruderi e tracce materiali, spinti, da un lato, dalla riverenza per quello che fu e, dall'altro, dal desiderio e dalla speranza di poter immaginare virtuali ricostruzioni, mentre, di fronte ai frammenti o alle rovine di una vita umana, siamo talmente incapaci di "pietas", per cui, non solo, rifiutiamo l'idea di una ricostruzione e di un restauro di quella vita, ma, siamo anche divorati tutti, chi più chi meno, dal desiderio di cancellarne, addirittura, ogni traccia residua?
Siamo davvero così incapaci di compassione? Siamo talmente assuefatti al cinismo dei giochi del sei fuori! o a quei war games in cui tutto si risolve eliminando fisicamente, e facilmente, laltro? Siamo diventati davvero così ingenui?
A dire il vero, pare proprio che oggi, sia per leader politici che per persone comuni o per adolescenti apparentemente normali, l'aggressione superflua, il dileggio, il disprezzo e l'umiliazione dell'altro, perché "sfigurato", sia pure colpevolmente, o perché non sovrapponibile ai propri parametri, assumano, quasi, il ruolo di atti di emancipazione, di liberazione e, addirittura, di rigenerazione della società!
L'insulto e il disprezzo elevati - "motu proprio" da sedicenti guardiani di urgenti imperativi etici - al "rango" di rivoluzione?
Se così fosse questa nostra umanità non avrebbe molto futuro. Sicuramente non abbiamo bisogno di questo tipo di rivoluzione! Forse sarebbero più necessari, invece, tanti "apprendisti" archeologi, esperti, prima di tutto, nell'arte del "custodire" e dell'aver cura di ogni, sia pur minima o deturpata, traccia di esistenza umana, perché nulla vada perduto!
Ormai l'avremmo dovuto capire: nessuno, neppure se "incontaminato", si salva da solo, su questo piccolo pianeta!


Commenti

Post popolari in questo blog

Sette domande ai giornalisti

Uno Young Pope per Paolo Sorrentino

Un'estate tra suoni e silenzi