Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

Il posto vuoto

“Ci sono tempi nei quali pensare che esista qualcos’altro o che la realtà possa anche essere diversa da quella che al momento ci si offre come unica può essere il solo conforto possibile” (W. Schmid).
Quello che stiamo vivendo adesso è proprio uno di quei momenti? Certo, oggi un qualche bisogno di conforto sembra evidente, per molte ragioni. Ma, forse, avremmo bisogno di introdurre quella modalità di pensiero in ogni fase della nostra vita. E non pretendere di occupare tutte le caselle, in ogni possibile rappresentazione del mondo e della realtà.
Allenarsi a lasciare, invece, sempre, un “posto vuoto”, una porta aperta, si potrebbe dire, senza la quale siamo destinati a sentirci “incartati”, in forme di esistenza che non appaiono sempre splendide! In effetti, se fossimo capaci di andare oltre l’apparenza, l’ovvio e lo scontato, forse riusciremmo già a “sentire”, o a pensare almeno, che esiste qualcos’altro, al di là di ciò che riusciamo, in certi momenti, a vedere o ad immaginare.
E la…