Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2011

Un “fronte del linguaggio” per una nuova cittadinanza

“Il linguaggio dovrebbe essere al centro di qualunque analisi della politica!” Non ho mai dimenticato questa frase di PierreBourdieu (La responsabilità degli intellettuali, Laterza). A partire dalle sue analisi ho imparato a modificare il mio approccio nei confronti dell’informazione politica, del linguaggio politico e dei discorsi dei politici. Ho imparato a “leggere” in modo meno acritico la comunicazione politica. Ho colto l’urgenza di un ascolto “scettico e diffidente” delle parole dei politici. Ho smesso l’ingenua abitudine a considerare come un “dato”, da cui partire, tutto quello che viene detto nel dibattito politico. Ho cominciato a non farmidettare dai discorsi dei politici i temi su cui riflettere e discutere. Ho cominciato a non dare tanta importanza e tanto tempo a quello che i politici dicono. Badando soprattutto ai loro effettivi atti e alle loro implicazioni. Scriveva ancora Bourdieu che “ridotto all’essenziale il lavoro politico è un lavoro sulle parole poiché anche l…

I PAPI E LA LUNA…

“La luna di Papa Giovanni”.  A detta dei “laici” autori dei famosi “elenchi” della trasmissione, molto seguita,  di RAI 3,  “Vieni via con me”,  è una delle cose  “dicui siamo fatti”, ( noi: gli ideatori, i protagonisti, gli innumerevoli spettatori del programma, una parte notevole degli italiani).  Il papa è Giovanni XXIII, il papa che con il “Concilio”ha aperto una fase e un cammino nuovo nella vita della Chiesa cattolica e forse del Cristianesimo. Anche se quel sentiero sembra uno dei sentieri interrotti nella storia della Chiesa! La ”luna”, di cui si parla, si riferisce a una frase detta da quel papa la sera del giorno di apertura del Concilio (1962), davanti a una enorme folla raccolta in piazza san Pietro, per gioire dell’avvenimento. “Cari figlioli, sento le vostre voci. . La mia persona conta niente: è un fratello che parla a voi….Sidirebbe che persino la luna si è affrettata stasera… Osservatela in alto, a guardare questo spettacolo… Continuiamo… guardandoci così nell’incontr…