mercoledì 2 settembre 2009

"Andate a dire a quella volpe..." Quale cristianesimo? (2)

Certo, non deve essere agevole, non solo per i non credenti o i diversamente credenti, ma anche per i credenti cristiani, ovviamente per ragioni diverse, assistere in queste settimane a confronti e schermaglie, poco chiare, tra le gerarchie della Chiesa e capi di partiti o loro portavoce, più o meno rozzi. Ma, al di là di tutti i discorsi che si potrebbero fare, e che vengono fatti, a tale proposito, la vera domanda da porre dovrebbe essere: MA COSA CI FANNO papi, cardinali, vescovi o prelati con capi di governo, principi e principesse, autorità politiche o militari, cosa ci fanno, con amministratori e politici vari, anche alle inaugurazioni di accademie, anni giudiziari e così via, fino al varo di navi o di centri commerciali? Voi ve lo immaginate Gesù di Nazareth a discutere con Pilato, con Erode o con governatori, a tessere trame diplomatiche, o negoziare scambi politici, oppure a confrontarsi su scelte politiche, strategie di governo o linee della legislazione? Io no! Gesù, “ebreo marginale”, "profeta itinerante", preferiva stare lontano dai palazzi del potere, frequentare le strade dei villaggi e incontrare, faccia a faccia, la gente senza voce e senza potere o addirittura quella esclusa o rifiutata. Si è incontrato con sovrani o i governatori solo quando vi è stato costretto con la forza! In questo modo di agire c’era forse sia una indicazione di “metodo” che l’affermazione di UN'ALTRA VERITA' riguardo alla storia: la “VERA” storia umana non si fa nei palazzi di quelli che si considerano capi dei popoli, né in quelle dei potenti di questo mondo – i quali per lo più spadroneggiano sugli uomini e sulle cose, e mirano, e con i mezzi attuali spesso ci riescono, a controllare e a manipolare le idee (anche quelle religiose) e le menti per i loro scopi – ma nelle strade, nelle case, nelle giornate e nell’esistenza di quella che viene considerata “gente comune”, l’ESSERE UMANO senza aggettivi (e perciò soprattutto gli esclusi e i rifiutati, dal momento che solo preferendo gli esclusi e i rifiutati si può garantire ogni essere umano: non a caso qui è in gioco l’ESSENZA DEL CRISTANESIMO!), quello “senza nome e senza volto, persone ordinarie che spesso si trovano ad avere un ruolo fondamentale nella Storia”, come ha scritto una volta Hobsbawm, e lui di storia se ne intendeva! Quanto bisognerà aspettare per sentire anche dalla bocca dei capi delle chiese cristiane, magari con organizzazioni e strutture più leggere e quindi più libere, la frase, che Gesù pronunciò di fronte a ripetute richieste di incontro da parte di Erode, “Andate a dire a quella volpe….” Anche se oggi, di volpi vere e proprie se ne vedono ben poche, perché sembrano prevalere i maiali e gli avvoltoi!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

GRAZIE, GRAZIE...FINALMENTE !
DA PARTE DI UN ATEO
Mario Rosario Celotto.

Lindbergh ha detto...

Quando bisogna aspettare??
Gesù aveva un progetto a cui credeva e al quale non poteva e doveva rinunciare "..è necessario che oggi, domani e il giorno seguente io vada per la mia strada.."
Oggi, forse, stare nelle strade, nelle case, nelle giornate e nell’esistenza della gente comune è diventato difficile, ci vuole coraggio e molti preferiscono restare nei palazzi.
Li si ha la percezione di essere meno emarginati.

La preghiera del mattino di Hegel

In una sua annotazione molto famosa, Hegel sostiene che la lettura del giornale è la nuova preghiera del mattino dell’uomo moderno. Certo...