noi creatori di quello che saremo

Sentite cosa scriveva secoli fa il grande Giovanni Pico della Mirandola a proposito di uomo e natura:

“Finalmente m’è parso di aver capito perché felicissimo e quindi degno di ammirazione sia l’uomo; e quale sia, nella serie della natura, la condizione che egli ha sortito: invidiabile non solo dai bruti, ma dagli astri, ma dalle intelligenze stesse ultramondane. Cosa incredibile e stupenda!”

Infatti quando tutto l’universo fu ordinatamente disposto, il Supremo Fattore si rivolse al primo uomo e gli parlò così:

“Né determinata sede, né proprio aspetto né dono veruno speciale ti abbiam fatto, o Adamo, affinché quella sede, quell’aspetto, quei doni che coscientemente tu abbia bramato, quelli, di tua volontà, per tuo sentimento, tu abbia e possegga. L’altrui gia definita natura è costretta entro leggi da noi prescritte. Tu non costretto entro chiusa veruna, di tuo arbitrio, nel cui potere t’ho posto, la tua natura determinerai. T’ho collocato nel mezzo del mondo perché d’intorno più comodamente tu vegga quello che esiste nel mondo. Noi ti facemmo né celeste né terreno, né mortale né immortale affinché tu, di te stesso quasi arbitrario e, per così dire, onorario plasmatore ed effigiatore, ti componga in quella forma che avrai preferita. Potrai degenerare in quelle inferiori che sono brute; potrai, per decisione dell’animo tuo, rigenerarti nelle superiori che sono divine”.
C’è di che pensare oggi, non vi pare?

Commenti